laRegione
05.02.22 - 07:00
Aggiornamento: 12:17

Tú sí que vales: una questione di pane e di dignità

L’esistenza è una cosa breve. E per fortuna qualcuno sta rivalutando la questione

tu-si-que-vales-una-questione-di-pane-e-di-dignita
© Ti-Press

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato settimanale de laRegione

A sentire ‘in giro’, le condizioni dei lavoratori e gli ambienti professionali sarebbero peggiorati un po’ ovunque. C’è chi crede lo siano almeno da 15-20 anni, chi li fa coincidere con l’avanzata dei processi di digitalizzazione. Se nell’ambito dell’economia privata e della libera impresa (per le solite ragioni, si sa) condizioni e salari sono sovente piccole paludi da guadare, anche fra chi opera nel settore pubblico – dai che qualcuno lo conoscete pure voi – pare esserci un certo ‘malessere’. Perché se a cinquant’anni conti “solo gli anni che mancano per poter andare in pensione” e sei ai piani alti (e con una scrivania blindata) vuol dire che qualcosa non funziona. Se non nel tuo ufficio, almeno nel tuo lavoro. Oppure sei tu che non ci stai più dentro, alienato da un sistema febbricitante. Da cosa dipende? Dalla smaterializzazione dei processi lavorativi e delle relazioni umane? È colpa di chi decide, sempre più afflitto dal Principio di Peter (quello di Laurence J. Peter) e inadatto a gestire le ‘risorse umane’? Oppure – e ancora prima della pandemia – forse in molti si sono stancati d’identificarsi con quello che fanno e di cercare la carità?
Valeria, mamma 40enne e una buona formazione universitaria, sta provando a rimettersi in gioco. L’altro giorno a un colloquio, di fronte alla solita domanda (“Quali sono le sue pretese salariali?”), ha guardato il tizio negli occhi e dopo un attimo di silenzio, sorridendo, ha ribattuto: “Secondo lei quanto valgo?”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
6 ore
La pigna: simboli, significati, leggende e atmosfere natalizie
Con un po’ di fantasia e un pizzico di manualità questi elementi vegetali, raccolti per tempo nel sottobosco, possono dare vita a suggestive decorazioni
Ticino7
10 ore
Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...
‘Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...’
Ticino7
1 gior
Il Natale visto da Milco Margaroli
"In una Svizzera sempre più secolarizzata" è importante riscoprire le radici cristiane che sono alla base di momenti di festa e ma anche di riflessione
Ticino7
1 gior
Quelli mai contenti (nemmeno sotto le feste)
"È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti..." (Charles Bukowski, 1920-1994)
Ticino7
1 sett
I “fiati" e i respiri di Giulia Genini
Un amore nato alle Elementari e che deve aver fatto felici i suoi, visto che a casa non faceva che soffiare e soffiare. Poi le cose si sono fatte serie...
Ticino7
1 sett
Pensiero magico. La vita e la potenza dei simboli
"Ci sono buoni motivi per pensare che, nell’evoluzione del pensiero, la religione sia successiva alla magia" (J.G. Frazer)
Ticino7
1 sett
Il vocabolario di Putin è al passato
Con l’Occidente satanista e la Russia storica si spiega la guerra. Partendo da un saggio di Bengt Jangfeldt, alcune riflessioni sulla tragedia ucraina
Ticino7
1 sett
Qatar 2022: due o tre cose sui Mondiali
Nel grande dilemma etico che grava sulla manifestazione sportiva, c’è davvero da sentirsi come il figlio di un dentista dentro un negozio di dolciumi
Ticino7
1 sett
La scaramanzia e altri gesti per sopravvivere (al peggio)
Ha scritto Alejandro Jodorowsky: ‘Essere razionali è bene, ma essere soltanto razionali è una lebbra, una peste, una malattia’. Uomo avvisato...
Ticino7
1 sett
I Modern Lovers nel tunnel del tempo
Un disco apparso nel 1976 ma scritto almeno mezzo secolo fa. Tanto elementare quanto “moderno”, diventato un classico da ascoltare (almeno una volta)
© Regiopress, All rights reserved