laRegione
tu-si-que-vales-una-questione-di-pane-e-di-dignita
© Ti-Press
05.02.22 - 07:00
Aggiornamento : 12:17

Tú sí que vales: una questione di pane e di dignità

L’esistenza è una cosa breve. E per fortuna qualcuno sta rivalutando la questione

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato settimanale de laRegione

A sentire ‘in giro’, le condizioni dei lavoratori e gli ambienti professionali sarebbero peggiorati un po’ ovunque. C’è chi crede lo siano almeno da 15-20 anni, chi li fa coincidere con l’avanzata dei processi di digitalizzazione. Se nell’ambito dell’economia privata e della libera impresa (per le solite ragioni, si sa) condizioni e salari sono sovente piccole paludi da guadare, anche fra chi opera nel settore pubblico – dai che qualcuno lo conoscete pure voi – pare esserci un certo ‘malessere’. Perché se a cinquant’anni conti “solo gli anni che mancano per poter andare in pensione” e sei ai piani alti (e con una scrivania blindata) vuol dire che qualcosa non funziona. Se non nel tuo ufficio, almeno nel tuo lavoro. Oppure sei tu che non ci stai più dentro, alienato da un sistema febbricitante. Da cosa dipende? Dalla smaterializzazione dei processi lavorativi e delle relazioni umane? È colpa di chi decide, sempre più afflitto dal Principio di Peter (quello di Laurence J. Peter) e inadatto a gestire le ‘risorse umane’? Oppure – e ancora prima della pandemia – forse in molti si sono stancati d’identificarsi con quello che fanno e di cercare la carità?
Valeria, mamma 40enne e una buona formazione universitaria, sta provando a rimettersi in gioco. L’altro giorno a un colloquio, di fronte alla solita domanda (“Quali sono le sue pretese salariali?”), ha guardato il tizio negli occhi e dopo un attimo di silenzio, sorridendo, ha ribattuto: “Secondo lei quanto valgo?”.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
6 gior
Sara Bonora: una donna e molti ruoli
"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
6 gior
Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)
Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
6 gior
Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?
“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
6 gior
Essere genitori e i facili maestri
A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
1 sett
Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso
‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
1 sett
Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta
Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
1 sett
España 82: l’anno della rivalsa
Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
2 sett
‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli
“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
2 sett
Un risotto ‘milanese’... o forse no
Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
2 sett
Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità
Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
© Regiopress, All rights reserved