laRegione
diaframma-a-gennaio-fa-freddo-anche-a-firenze
Federico Fiumani, classe 1960
+10
24.01.22 - 10:16
Aggiornamento : 27.01.22 - 11:54

Diaframma. A ‘Gennaio’ fa freddo, anche a Firenze

“Nessun senso di colpa, non è importante per me / tu non stare in pensiero, è solo un finto cuore”

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato settimanale de laRegione

IL DISCO

Diaframma - Gennaio (EP)
Lato A: ʻGennaioʼ / ʻLʼamore segue i passi di un cane vagabondoʼ; Lato B: ʻVoce che chiamiʼ / ʻGloriaʼ.
Diaframma Records (1989; 3ʼ000 copie di cui 1ʼ500 in vinile trasparente).

LA CANZONE

C’era una volta la scena fiorentina: ovvero i Litfiba, i Neon e i Diaframma. Ma c’era anche la I.R.A. Records, storica etichetta che oltre al gruppo di Piero Pelù annoverava pure i Moda (non i Modà...) e gli Underground Life di Giancarlo Onorato. Insomma, tanta roba, si direbbe oggi. Erano i primi anni Ottanta, quelli del post-punk e dell’onda lunga della new wave britannica, con mezzo mondo a riscoprire i defunti Joy Division. Anche il chitarrista Federico Fiumani (classe 1960) si butta nella mischia e fonda i Diaframma. Il gruppo pubblica almeno un capolavoro (Siberia, 1984) e dopo il terzo disco (Boxe, 1988) manda tutti a casa, per poi ripartire nel 1989 con Massimo Bandinelli al basso e Fabio Provazza alla batteria. Esce un 12 pollici dal titolo Gennaio: quattro brani, inclusa la traccia omonima. Il piglio è più rock-punk e meno introspettivo degli esordi, segnato da una sezione ritmica senza fronzoli e una voce diretta. Il testo segue a ruota. Le tracce dell’EP verranno incluse nella raccolta Da Siberia al Prossimo Week-End (1991). I Diaframma, sempre vivi e vegeti, nel 2018 hanno prodotto L’abisso, il loro 20esimo album.


Una ristampa in edizione limitata in vinile dell’EP “Gennaio” (Contempo, 300 copie; 2017).

IL TESTO

Parte dei soldi li spesi in assoluta allegria
quella stessa con cui li avevo guadagnati.
Ci voleva del fegato per ammettere
che come erano entrati così erano usciti.

Il resto era là, in banca ad aspettare
attirato da una formula a interesse anticipato.
Alla fine del mese sembrava proprio di avere
lo stipendio e un nuovo datore di lavoro.

Nessun senso di colpa, non è importante per me
tu non stare in pensiero, è solo un finto cuore.
Nessun senso di colpa, non è importante per me
tu non stare in pensiero, è solo un finto cuore.

Alla fine decisi di prender casa in affitto
sempre meglio che vagare e lavarsi i panni al diurno.
La mia stanza era entrando sulla sinistra
quella di Barbara a destra: c’eravamo rivolti
a nostra insaputa, alla stessa agenzia.

Gennaio, gennaio, gennaio


Il raro singolo, formato 7 pollici, con “Pioggia / Illusione ottica” (1982; Italian Records).


Copertina dell’EP “Altrove” (1983).


“Siberia” (1984), il loro primo disco (esteso) e uno degli album più importanti del rock italiano.


Da “Ticino7” n. 5/2019.


Copertina del disco “Diaframma 8183” (1989), imperdibile raccolta dei primi brani.


I Diaframma: la formazione nel 1984-85, con Gianni Cicchi (batt.), Federico Fiumani (c.), Leandro Cicchi (b.) e Miro Sassolini (v.).


La copertina di “Something about Joy Division”, un importante album-tributo allo storico gruppo di Manchester pubblicato dalla Vox Pop (1990) e a cui hanno partecipato gli artisti all’epoca sotto contratto con la casa discografica milanese. Per questa ragione i Diaframma non compaiono, ma certo molti altri nomi importanti del rock indie italiano non mancano... (vedi il retro della copertina qui sotto).



“Il dono" è un album tributo ai Diaframma (commissionato dallo stesso Federico Fiumani). Tra gli altri compaiono i Marlene Kuntz, Le Luci Della Centrale Elettrica, The Zen Circus e Tre Allegri Ragazzi Morti (che rifanno a modo loro proprio il brano "Gennaio”).

Leggi anche:

Joy Division. Quei piaceri perduti (e mai ritorvati)

Guarda 13 immagini e 1 video
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
2 gior
Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?
‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
2 gior
Brillante come un ramarro
Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
2 gior
Karin Motta non abbocca, anzi...
“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
2 gior
Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’
Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
3 gior
Ambiente & azione
Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
1 sett
L’occhio sociale di Alessandro Ligato
‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
1 sett
Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco
Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
1 sett
Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)
Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
1 sett
Quello sei tu, davvero
Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
2 sett
Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza
La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
© Regiopress, All rights reserved