laRegione
la-scelta-del-profilo-basso
© Shutetrstock
L’essere invisibile.
22.01.22 - 07:00
Aggiornamento : 24.01.22 - 09:41

La scelta del ‘profilo basso’

ʻPiù piccola è la mente più grande è la presunzioneʼ. Esopo aveva ragione, si sa

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato settimanale de laRegione

L’amico Paolo fa il suo lavoro e cerca di farlo meglio che può. Conta gli anni che lo porteranno alla pensione, perché a volte è stanco di giornate diventate troppo lunghe per le sue gambe e in balia dell’insicurezza (anche occupazionale). Ma sa che prima del riposo di mesi ne mancano ancora parecchi, forse una trentina. Paolo non è un quadro aziendale e per alcuni forse non è nemmeno insostituibile, ma lui conosce bene il suo mestiere e se c’è una cosa che non sopporta è il disordine. E infatti maledice (sottovoce, va da sé) quelli che buttano le cose di qua e di là, tanto poi ci pensano gli altri a dare loro un senso (un vero classico, non c’è che dire). Non essendo più un ragazzino, Paolo è un convinto sostenitore di quello che in italiano traduciamo con “tenere un profilo basso” (dall’inglese to keep a low profile, ovvero evitare di fare cose che potrebbero portare gli altri a notarti). Ma la timidezza c’entra poco, qui. “Fra tutte le debolezze, la più pericolosa è l’eccessiva paura di apparire deboli”, scrisse nel XVII secolo il vescovo francese Jacques-Benigne Bossuet. Se Paolo sia un buon cristiano non lo so, e sulla virtù dell’umiltà forse non saprebbe aggiungere molto. Di certo la applica alla perfezione e in piena coscienza; la stessa che contraddistingue gli umili e che caratterizza anche i ‘marginali’. Per saperne di più, dedicate qualche minuto al contributo di Sara Rossi Guidicelli apparso nella nostra edizione di sabato 22 gennaio. Buona lettura.

Leggi anche:

Ai margini: riflessioni su chi c’è, ma non si fa notare

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
jacques-benigne bossuet asociali marginali sara rossi guidicelli ticino7
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
4 ore
Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?
‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
7 ore
Brillante come un ramarro
Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
11 ore
Karin Motta non abbocca, anzi...
“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
22 ore
Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’
Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
1 gior
Ambiente & azione
Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
1 sett
L’occhio sociale di Alessandro Ligato
‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
1 sett
Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco
Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
1 sett
Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)
Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
1 sett
Quello sei tu, davvero
Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
2 sett
Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza
La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
© Regiopress, All rights reserved