laRegione
15.01.22 - 07:00

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano

di Redazione/GF
sulle-cime-e-sui-pendii-occhi-aperti-sempre
© Ti-Press

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Dopo la pubblicazione la scorsa estate di Consigli e informazioni per una montagna sicura (un “promemoria utile per tutti coloro che si recano in montagna e vogliono farlo in sicurezza”), attraverso il progetto ‘Montagne sicure’ il Dipartimento delle istituzioni mette ora a disposizione un secondo volumetto dedicato alla sicurezza nella stagione invernale (qui sotto la copertina). Stampato dalle Arti grafiche salvioni, redatto con la collaborazione di esperti del settore, maneggevole e ricco di consigli, indirizzi, applicazioni e tabelle che spaziano dai fattori legati al freddo, al rischio valanghe e le scale di difficoltà escursionistiche, questo nuovo strumento mira ad “accrescere le conoscenze di base e soprattutto a ridurre gli incidenti e gli infortuni”. Eventi che, come le cronache puntualmente ci ricordano, non sono una rarità e sono sovente legati a scarse valutazioni e alla disattenzione. Per informazioni, contatti e reperibilità dei volumi cliccate qui.


Per l’inverno... (© DI / Arti grafiche salvioni)


... e per l’estate (© DI / Arti grafiche salvioni)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
5 ore
Maria del Pilar Cabarcas-Gaberell. Beneficenza, ma con ‘stile’
Dalla doppia nazionalità colombiana e svizzera, la incontro a Paradiso, dove lavora. Vivace, dinamica e solare, non ha mai dimenticato le sue origini
Ticino7
16 ore
Broadcast. Fine delle trasmissioni
Una manciata di album, alcune raccolte, lavori sperimentali e qualche collaborazione. Ma di solo talento non si vive, e senza la buona sorte...
Ticino7
22 ore
Disavventure Latine. Messico: l’ultimo cenote
Tutti a dirmi “vai a fare il bagno in un cenote”. E io ci sono andato, non in uno, ma in quattro. Che cosa sono mo’ ve lo spiego (per chi non lo sapesse).
Ticino7
1 gior
Stevie Wonder, il ragazzo dei miracoli
Siamo nell’ottobre del 1972 e nei negozi arriva “Talking Book”. Stevie aveva 22 anni e 19 dischi alle spalle. Sarà un capolavoro e altri ne seguiranno
Ticino7
1 gior
Dagli Steely Dan a Donald Fagen (o il contrario, se vi pare)
Quanti sono gli album che avete consumato a forza di ascoltarli? Qui ve ne proponiamo un paio, dischi “senza tempo” da ascoltare prendendovi del tempo
Ticino7
1 gior
Orphaned Land. Di metal e di religioni
’Mabool’ è un album del 2004 di un quintetto di metallari israeliani, con testi anche in ebraico e un sacco di religione. Vi suona strano? Ascoltatelo
Ticino7
1 gior
Stefanino Meraviglia e altre meravigliose storie
In caso di dolori di cuore, turbe esistenziali e altri scompensi di natura umana, il brano giusto è quello che ci vuole. Nel dubbio, puntate sui classici
Ticino7
1 sett
Barbara Conrad corre sempre più in alto
Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
1 sett
Arnold Rikli, il dottore del Sole
Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
1 sett
Covid-19. Il valzer delle statistiche
Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
© Regiopress, All rights reserved