laRegione
zone-temporaneamente-autonome-ma-virtuali
© izismile.com
Dalla serie “Children Of London 70 Years Ago By Thurston Hopkins” (2021).
18.12.21 - 07:00
Aggiornamento : 20.12.21 - 10:25

Zone temporaneamente ‘autonome’ (ma virtuali)

Oggi sono qui, domani non si sa. Perché sono ragazzi e cercano le novità: il resto è già vecchio

di Redazione/gc

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Chiedere oggi a un 15enne che ci fa giorno e notte su una piattaforma come TikTok o Instagram (per dire, ma “il catalogo” è incompleto e in divenire) è più o meno lo stesso interrogativo che i genitori di 20, 30 oppure 40 anni fa si ponevano quando il loro pargolo prendeva la giacca e usciva di casa ancora col tortellino in gola: “Vado fuori, mi trovo coi soci”. Dove poco importava, bastava fuggire. I social pensati per i giovani vengono modulati in base alle loro richieste e aspettative: se non puoi postare video vali zero, se è complicato non funziona, se pensi di infilarci regole e limiti rischi di assistere a colossali migrazioni di massa verso piazze meno ingessate. Non per nulla – e lo dicono quelli che se ne intendono – Facebook è diventato roba per pensionati in vacanza. Di certo non rappresenta più l’universo dei 20enni. E nemmeno dei 30enni. Se sei giovane (per davvero) cerchi la novità e l’eccentricità, mica la solita robetta considerata accettabile dal mondo adulto. Anche per questo, forse, pare servano a poco le raccomandazioni su un utilizzo “consapevole” dei social: quando le alternative sono città senz’anima, asettiche, prive di spazi liberi e aree temporaneamente autonome – le TAZ, tanto care a chi crede nell’autogestione vs il controllo sociale – dove vuoi che si rifugino molti di loro?


© izismile.com
Dalla serie “Children Of London 70 Years Ago By Thurston Hopkins” (2021).


© izismile.com
Dalla serie “Children Of London 70 Years Ago By Thurston Hopkins” (2021).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
facebook instagram smartphone social ticino7 tik tok
© izismile.com
Guarda le 3 immagini
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
6 gior
Sara Bonora: una donna e molti ruoli
"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
6 gior
Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)
Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
6 gior
Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?
“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
6 gior
Essere genitori e i facili maestri
A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
1 sett
Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso
‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
1 sett
Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta
Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
1 sett
España 82: l’anno della rivalsa
Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
2 sett
‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli
“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
2 sett
Un risotto ‘milanese’... o forse no
Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
2 sett
Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità
Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
© Regiopress, All rights reserved