laRegione
Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
2. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
1
1. tempo
(0-1)
Langnau
1
Lugano
3
1. tempo
(1-3)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
2
Bienne
0
1. tempo
(2-0)
Davos
2
Berna
0
2. tempo
(2-0 : 0-0)
Zugo
3
Ajoie
0
2. tempo
(2-0 : 1-0)
Visp
1
Turgovia
0
2. tempo
(0-0 : 1-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
0
2. tempo
(2-0 : 0-0)
Ticino Rockets
0
Langenthal
3
1. tempo
(0-3)
Sierre
2
GCK Lions
1
1. tempo
(2-1)
quando-l-emancipazione-parti-in-bicicletta
Jean Béraud (1849-1935), ‘Le Chalet du Cycle au bois de Boulogne’.
+2
27.11.21 - 11:110

Quando l’emancipazione partì in bicicletta

Solo poco più di un secolo fa andare in bicicletta era considerato uno sport non adatto alle donne. Anzi, pericoloso...

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Il 2021 è stato l’anno della prima edizione del Tour de Suisse di ciclismo femminile. Quale occasione migliore per ricordare come proprio la bici abbia dato un contributo non da poco alla parità di genere. Non a caso nel 1896 una delle pioniere della lotta per i diritti delle donne, l’americana Susan Brownell Anthony (nell’immagine qui sotto, ndr) affermò che andare in bicicletta era l’attività che più di ogni altra stava contribuendo all’emancipazione femminile. La bici, infatti, permetteva di muoversi in piena libertà e di spostarsi in autonomia in un’epoca in cui era considerato scandaloso per una donna andare in giro senza essere accompagnata da un maschio di famiglia – padre, fratello o marito che fosse –, peggio ancora se da sola. Insomma, quello che oggi ci appare abituale come una pedalata “tutta femminile” era una vera e propria conquista per le donne di poco più di un secolo fa. Anzi fu solo il primo passo per combattere una serie di pregiudizi come ci racconta Antonella Stelitano in Donne in bicicletta (Ediciclo Editore, 2020). In questo interessante saggio e ben documentato viene ripercorsa la storia del binomio donna-bici, un resoconto che è anche una vicenda di lotta a stereotipi e preconcetti. Andare in bicicletta, fin dall’apparire di questo mezzo rivoluzionario – pensateci: la prima “macchina” pensata per muoversi in completa autonomia! –, venne, infatti, considerata un’attività tutt’altro che femminile.


Susan Brownell Anthony (1820-1906).

Il falso mito del ‘sesso debole’

Prima di tutto, più di un secolo fa, era scandaloso vedere delle donne in pantaloni o peggio in pantaloncini nell’epoca delle gonne lunghe e dei corpetti. Le coraggiose che si abbigliavano da cicliste venivano apostrofate come rappresentanti di un fantomatico “terzo sesso” in un articolo della Gazzetta dello Sport del 1896. Inoltre, era diffusa l’idea che alcuni sport come la bicicletta distruggessero la femminilità, come scriveva la rivista Almanacco dello Sport nel 1914: “Non amiamo la donna che corre in bicicletta, ma adoriamo tutti gli sport dove la donna vi appare ancora donna”. Il ciclismo era poi nel mirino di illustri luminari della medicina come attività pericolosa perché poteva provocare insano calo di peso, danni ai polmoni, intorpidimento della mente, malattie agli occhi. Per le donne si aggiungevano seri rischi di sterilità totale e di incorrere in ripetuti aborti. Il pedale poteva poi deformare i delicati piedi delle ragazze! Se non bastavano queste controindicazioni ve ne era una definitiva: pedalare era troppo faticoso per il “gentil sesso”, anche perché le prime biciclette pesavano in media ben 20 chilogrammi. Pazienza che poi le donne si spaccassero la schiena nei campi o in fabbrica, la bici era davvero troppo… soprattutto per benpensanti e affini. Insomma, una donna su una due ruote qualche decennio fa dava scandalo, segno che certi comportamenti che oggi condanniamo – giustamente, ci mancherebbe! – in nazioni come l’Afghanistan non sono poi tanto distanti da noi, almeno dal punto di vista temporale.


Ramon Casas (1866-1932), ‘El descanso de los ciclistas’.

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
4 gior
Diaframma. A ‘Gennaio’ fa freddo, anche a Firenze
“Nessun senso di colpa, non è importante per me / tu non stare in pensiero, è solo un finto cuore”
Ticino7
6 gior
La bacchetta magica di Elena Schwarz
Nata a Lugano nel 1985, le sue radici affondano fra l’Engadina e l’Australia. Direttrice d’orchestra, la musica è la colonna sonora della sua esistenza
Ticino7
6 gior
Vasco Rossi a Locarno. Cosa succede(va) nel 1985?
A pochi giorni dal 70esimo compleanno di Vasco Rossi, ricordiamo attraverso la lettura dei giornali dell’epoca l’incredibile controversia di Piazza Grande
Ticino7
6 gior
Ai margini: riflessioni su chi c’è, ma non si fa notare
Una società senza asociali o è morta oppure è una dittatura. Perché abbiamo molto da imparare da chi non ama i riflettori
Ticino7
6 gior
La scelta del ‘profilo basso’
ʻPiù piccola è la mente più grande è la presunzioneʼ. Esopo aveva ragione, si sa
Ticino7
1 sett
Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)
Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
1 sett
L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio
"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
1 sett
Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino
Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
1 sett
Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara
“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
1 sett
Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi
Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
© Regiopress, All rights reserved