laRegione
svastiche-al-sole-ma-forse-e-solo-noia
© T7
Un masso di granito, un simbolo poco edificante e una storia fatta di milioni e milioni di morti che qualcuno pare (ancora) non conoscere?
Ticino7
16.10.21 - 07:000

Svastiche al sole (ma forse è solo noia)

Ogni tanto compaiono, poi qualcuno le cancella e tutto passa. Altre volte restano lì, a futura memoria, chissà...

Al campo sportivo di un comune della Riviera ce n’è una nera. È lì da tempo immemore, proprio all’imbocco del Percorso Vita e con vista sul campo da calcio. Il masso che la ospita serve a tenere le auto ordinate e contenute nel posteggio sterrato. Ogni volta che la vedo cerco d’immaginarmi chi potrebbe averla lasciata: forse un dodicenne armato di bomboletta rubata nell’autorimessa del nonno. Oppure qualche tifoso o giocatore di lega minore, di quelli che ogni tanto si menano, coi genitori in piedi a bordo campo a chiedere la testa dell’arbitro. Le svastiche fanno parte della storia (passata), si dirà, e chi oggi le disegna è spinto più da una puerile provocazione che da un credo politico. Sarà, ma vederle abbozzate, così, a mo’ di simpatiche faccine non è proprio una bellezza. “Papà, che cosa significa quel segno...?”. Eh, che cosa significa... “Sai, a volte la gente ‘fa cose’, ma in verità vorrebbe dirne altre”. O almeno questo uno si augura.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
1 gior
La strategia del ‘revenge dress’ (metti il caso che...)
Giugno 1994: Carlo ammette l’infedeltà nei confronti della moglie Diana. Lei, di tutto punto, tira fuori dall’armadio l’abito della rivincita. Che colpo!
Ticino7
1 gior
Traffico e rumore. Quelli coi tubi in testa
Da Berna presto un giro di vite contro i veicoli rumorosi e gli stili di guida molesti. E in Ticino che si fa per arginare il fenomeno dei “tamarri”?
Ticino7
2 gior
Angélique Beldner: una questione di pelle?
Il percorso, a ritroso ma non solo, di una donna a cui oggi – nel 2021, in Svizzera – non è permesso essere come tante
Ticino7
2 gior
Quando l’emancipazione partì in bicicletta
Solo poco più di un secolo fa andare in bicicletta era considerato uno sport non adatto alle donne. Anzi, pericoloso...
Ticino7
2 gior
‘Gas a martello’ (tanto son tamarro)
Sono spesso giovani e vogliono trasgredire. Ok, ma certe cose oggi è meglio farle in un circuito automobilistico
Ticino7
1 sett
Bindu De Stoppani e le immagini che (s)corrono
Sceneggiatrice, regista e showrunner, cioè chi ‘fa correre’ l’intero processo di produzione di un telefilm. Ma ci sa fare anche con gli “affari di cuore”
Ticino7
1 sett
Ciò che il mondo separa, la poesia unisce
I versi di Francesca Matteoni e la grafica di Luca Mengoni per una raccolta poetica (curata da Fabio Pusterla) che racconta quello che sente il cuore
Ticino7
1 sett
Tra lui e lei: attraversamenti di genere e di vestiti
Uomini e donne non sono semplicemente “maschili” o “femminili”: sono molto di più. E allora si spiegano i fisici scolpiti, i toraci depilati e molto altro
Ticino7
1 sett
Radersi tra salute e consapevolezza, a ‘Movember’
Avete tempo sino alla fine del mese. Ma le buone cause, si sa, non hanno date e scadenze. Soprattutto quando parliamo di benessere, malattie e prevenzione
Ticino7
1 sett
L’ultima libertà dell’ultima cena
Nel nome del vostro bene e di quello dei vostri ospiti, mettete un bel cartello sulla porta di casa, con scritto: "Qui è vietato parlare di Covid’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile