laRegione
svastiche-al-sole-ma-forse-e-solo-noia
© T7
Un masso di granito, un simbolo poco edificante e una storia fatta di milioni e milioni di morti che qualcuno pare (ancora) non conoscere?
16.10.21 - 07:00

Svastiche al sole (ma forse è solo noia)

Ogni tanto compaiono, poi qualcuno le cancella e tutto passa. Altre volte restano lì, a futura memoria, chissà...

Al campo sportivo di un comune della Riviera ce n’è una nera. È lì da tempo immemore, proprio all’imbocco del Percorso Vita e con vista sul campo da calcio. Il masso che la ospita serve a tenere le auto ordinate e contenute nel posteggio sterrato. Ogni volta che la vedo cerco d’immaginarmi chi potrebbe averla lasciata: forse un dodicenne armato di bomboletta rubata nell’autorimessa del nonno. Oppure qualche tifoso o giocatore di lega minore, di quelli che ogni tanto si menano, coi genitori in piedi a bordo campo a chiedere la testa dell’arbitro. Le svastiche fanno parte della storia (passata), si dirà, e chi oggi le disegna è spinto più da una puerile provocazione che da un credo politico. Sarà, ma vederle abbozzate, così, a mo’ di simpatiche faccine non è proprio una bellezza. “Papà, che cosa significa quel segno...?”. Eh, che cosa significa... “Sai, a volte la gente ‘fa cose’, ma in verità vorrebbe dirne altre”. O almeno questo uno si augura.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ignoranza olocausto svastiche ticino7 violenza
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
3 gior
Francesco Aiello. Lo spirito, oltre il corpo
‘Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo’
Ticino7
4 gior
Vai col campeggio! (con alcune regole e tanto buon senso)
Dall’invenzione di questa modalità turistica al successo delle strutture ticinesi: cosa c’è dietro al boom della “tenda”?
Ticino7
4 gior
Viaggia che ti passa
Muoversi, anche a zonzo, aiuta ad allargare i propri orizzonti. Ma sempre con coscienza e rispetto
Ticino7
1 sett
Sara Bonora: una donna e molti ruoli
"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
1 sett
Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)
Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
1 sett
Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?
“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
1 sett
Essere genitori e i facili maestri
A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
2 sett
Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso
‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
2 sett
Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta
Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
2 sett
España 82: l’anno della rivalsa
Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
© Regiopress, All rights reserved