laRegione
nuove-correnti-noi-il-futuro-e-le-auto-elettriche
Le auto elettriche non sono una novità, come molti sapranno, e la loro storia è ultracentenaria. Nell'immagine un'auto elettrica e la colonnina di ricarica all'inizio del Novecento.
25.09.21 - 07:000

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Il 2035: non un numero ma un anno, e nemmeno troppo lontano. Per alcuni sarà l’inizio dell’apocalisse del settore auto, per altri l’alba di una nuova era (grazie all’elettrificazione diffusa dei mezzi di trasporto). Il 2035, ma forse anche il 2040 o il 2050: perché le rivoluzioni non sono mai indolori e si paventano pesanti conseguenze occupazionali. In Francia, per esempio, già nei mesi scorsi i costruttori hanno chiesto al governo un approccio soft alla transizione, perché 14 anni passano in fretta e il rischio nel correre troppo è di trovarsi con il 25% degli occupati del settore a casa, 100mila stimano negli uffici della filiera francese PFA. Il problema (almeno in Europa; in India, Nigeria o Tagikistan, chissà) non toccherebbe solo chi le auto le costruisce: pensate al mondo delle piccole officine e dei garage di casa nostra che vivono di ricambi d’olio, sostituzioni di frizioni e filtri vari: che ne sarà di loro con la morte delle auto a combustione? Già oggi molti veicoli elettrici (che rappresentano circa l’1% del totale di auto in Svizzera; dati Ust, Ustra) aggiornano i loro software in tempo reale, “auto-aggiustandosi” in alcuni casi. Su come troveremo poi l’elettricità per far funzionare un parco veicoli tutto “a corrente” rimane la domanda del secolo.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
1 gior
Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)
Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
1 gior
L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio
"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
2 gior
Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino
Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
2 gior
Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara
“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
3 gior
Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi
Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
3 gior
Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg
In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
3 gior
Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)
Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
1 sett
Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...
“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
1 sett
Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone
Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
1 sett
Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)
“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile