laRegione
nuove-correnti-noi-il-futuro-e-le-auto-elettriche
Le auto elettriche non sono una novità, come molti sapranno, e la loro storia è ultracentenaria. Nell'immagine un'auto elettrica e la colonnina di ricarica all'inizio del Novecento.
25.09.21 - 07:00

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Il 2035: non un numero ma un anno, e nemmeno troppo lontano. Per alcuni sarà l’inizio dell’apocalisse del settore auto, per altri l’alba di una nuova era (grazie all’elettrificazione diffusa dei mezzi di trasporto). Il 2035, ma forse anche il 2040 o il 2050: perché le rivoluzioni non sono mai indolori e si paventano pesanti conseguenze occupazionali. In Francia, per esempio, già nei mesi scorsi i costruttori hanno chiesto al governo un approccio soft alla transizione, perché 14 anni passano in fretta e il rischio nel correre troppo è di trovarsi con il 25% degli occupati del settore a casa, 100mila stimano negli uffici della filiera francese PFA. Il problema (almeno in Europa; in India, Nigeria o Tagikistan, chissà) non toccherebbe solo chi le auto le costruisce: pensate al mondo delle piccole officine e dei garage di casa nostra che vivono di ricambi d’olio, sostituzioni di frizioni e filtri vari: che ne sarà di loro con la morte delle auto a combustione? Già oggi molti veicoli elettrici (che rappresentano circa l’1% del totale di auto in Svizzera; dati Ust, Ustra) aggiornano i loro software in tempo reale, “auto-aggiustandosi” in alcuni casi. Su come troveremo poi l’elettricità per far funzionare un parco veicoli tutto “a corrente” rimane la domanda del secolo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
2035 auto garage in ticino mobilità politica ambientale energetica
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
20 ore
Live in Ticino. Voci da ‘strani’ concerti del secolo scorso
Una musica ‘fatta apposta per causare la sovreccitazione di cervelli ancora in formazione (...) meno resistenti a vibrazioni ritmate’? Ok, è solo r’n’roll
Ticino7
1 gior
Musica per adulti. Genitore avvisato, ragazzi salvati?
Sesso, droghe, alcool, occultismo, morte, violenze. Il mondo delle arti ne è pieno, e la musica pop e rock li cavalca da sempre. Poi 37 anni fa...
Ticino7
1 gior
Spartiti proibiti (alcuni sì, altri meno)
Sono peggio le droghe visionarie dei Greatful Dead o la sessualità cantata da Jane Birkin?
Ticino7
1 sett
Francesca Cavallo. Essere forti abbastanza
Imprenditrice, scrittrice, attivista, vive a Roma con Dopamina, una gatta. Ha appena pubblicato “Ho un fuoco nel cassetto”, un libro (anche) sulla libertà
Ticino7
1 sett
Locarno souvenir (cartoline dal Festival)
“Quando vai a cena con il diavolo, portati un cucchiaio molto lungo…”. Dal Presidentissimo a Ken Loach, ricordi e aneddoti da Piazza Grande (e dintorni)
Ticino7
1 sett
Bella sì, ma non vuota dentro
“La pelle è lo specchio della tua anima”, mi dicevano. Per questo mi sono rivolta a chi se ne intende (in attesa di fare poi due conti, anche economici)
Ticino7
1 sett
Come trovare una ‘gallina dalle uova d’oro’
Le storie migliori sono quelle di tutti i giorni. E il cinema lo sa bene
Ticino7
2 sett
Pallone e ‘coming out’. L’esempio di Jake Daniels
Certe cose sono dure a morire. Prendete il mondo del calcio professionistico e l’omosessualità, un binomio che a moltissimi fa storcere parecchio il naso
Ticino7
2 sett
Turismo alpino e sicurezza. Ma una volta eravamo ‘più bravi’?
E così, oggi, le montagne sarebbero frequentate da gente sprovveduta e incurante del pericolo... Ma il problema forse è un altro
Ticino7
2 sett
Disavventure Latine. Messico: Francesca fugge dalla muerte
Continua il viaggio e non mancano le sorprese. Come in quel bar dove, già pronto a rinfrescarmi con una birretta, mi dicono che “No, oggi non si beve”...
© Regiopress, All rights reserved