laRegione
diritti-allo-stomaco-nel-nome-del-vax
© Ti-Press
Ticino7
18.09.21 - 07:000

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Lo scontro all’ultima iniezione dei vaccinati contro i non vaccinati segna punti inattesi. Te ne accorgi quando, alle prime piogge, con lo smartphone alla mano e un indecifrabile codice in bianco e nero, ti ritrovi di fronte al cortese collaboratore di un ristorante self-service. Tu entri, la coppia davanti a te invece (al massimo) può portarsi via qualcosa da consumare dove capita, ma lontano da qui, visto che di terrazze non ce ne sono. E non sono gli unici: dentro al ritrovo i tavoli liberi non si contano, lì dove (solitamente) prima dell’introduzione del lasciapassare dovevi arrivare con ampio anticipo se ambivi ai posti più ricercati accanto alle grandi finestre.
“Mi sa che dobbiamo vaccinarci...” , commentano tra loro degli studenti appena respinti. A questo punto, assodato che la pancia del popolo pensa profondo e parla chiaro, la nuova strategia della Confederazione per convincere chi ancora è nel dubbio sarebbe già bell’e che pronta: “Senza vax niente (pommes) frites”. Proviamo.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
1 gior
Swiss Riot Girls: il coraggio e le idee fanno la differenza
Un podcast della RSI ricorda 7 donne fuori dagli schemi, controcorrente, che hanno lasciato il segno. Alcune sono svizzere, altre da noi ci hanno vissuto
Ticino7
2 gior
Ti-Press: quando lo scatto è al centro della notizia
Che cosa significa catturare per immagini l’essenza e i cambiamenti della nostra società? Francesca, Davide e il loro team lo fanno da oltre 20 anni...
Ticino7
3 gior
Vent’anni di ‘Tenenbaum’ (un film da rivedere)
“La gente non approva, ma oggi giorno che cosa approva la gente?” (Gene Hackman). Per tutto il resto cercatevelo e godetevelo, me vale la pena
Ticino7
3 gior
La Sindrome dell’Impostore. Se pensiamo di non sapere
‘Il problema (...) è che gli sciocchi e i fanatici sono estremamente sicuri di loro stessi, mentre le persone più sagge sono piene di dubbi’ (B. Russell)
Ticino7
3 gior
Svastiche al sole (ma forse è solo noia)
Ogni tanto compaiono, poi qualcuno le cancella e tutto passa. Altre volte restano lì, a futura memoria, chissà...
Ticino7
1 sett
E se fosse sbagliato, quello che pensi?
Sono circa 70mila i pensieri che attraversano la nostra mente ogni giorno: e quasi sempre diamo retta a quel flusso di idee, senza nemmeno riflettere
Ticino7
1 sett
Gabrielli, fuori! Storia una mente creativa
Antonella ride, piange, fuma e beve mentre la intervisto. Ha preparato un picnic, nel caso in cui ci venga fame: prosecco, insalata di riso, salametto...
Ticino7
1 sett
Buongiorno, sono il signor tasso
Animale di indole solitaria, prudente e sospettoso, cerca cibo solo al calar del sole. Riconoscerlo e facile: seguite le sue strisce nere sul musetto...
Ticino7
1 sett
I mondi perduti di Enzo Pelli (e quelli ritrovati)
“Ogni epoca distrugge in un certo senso quella precedente – non necessariamente con guerre –, quella attuale ha distrutto un modo di vita contadino".
Ticino7
1 sett
Social e comunicazione. I ‘meme’ e le pillole d’ironia
Si presenta come una vignetta ironica, ma si è rivelato uno strumento capace di attirare l’attenzione e di creare un’identità unitaria fra chi lo utilizza. Ecco la loro forza
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile