laRegione
Salernitana
0
Atalanta
0
2. tempo
(0-0)
Ajoie
4
Ambrì
0
3. tempo
(3-0 : 0-0 : 1-0)
Bienne
3
Davos
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 1-0)
Zugo
1
Friborgo
1
3. tempo
(1-1 : 0-0 : 0-0)
Langnau
2
Zurigo
6
3. tempo
(0-1 : 1-4 : 1-1)
Lakers
5
Losanna
1
3. tempo
(2-0 : 2-0 : 1-1)
Ginevra
3
Lugano
5
3. tempo
(1-1 : 1-2 : 1-2)
alla-scoperta-del-pettirosso
© Ti-Press
Ticino7
06.09.21 - 11:260
Aggiornamento : 07.09.21 - 10:32

Alla scoperta del pettirosso

Il suo arrivo già da metà settembre è annunciato dallo sfrecciare di una macchia rossa tra i cespugli e dal tipico ‘tic tic’ che ne contraddistingue il verso

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Il pettirosso è un insettivoro paffuto con grandi occhi scuri diffuso in tutta Europa sino al circolo polare artico e dall’Atlantico agli Urali ed è una specie che può essere sia migratrice che sedentaria. Dell’ordine dei Passeriformi, famiglia dei Turdidi, l’Erithacus rubecula – questo il suo nome scientifico – trova nei boschi di conifere e nei boschi cedui il suo habitat nei mesi estivi, luoghi che vengono abbandonati in autunno per la ricerca di cibo nelle pianure e nei giardini presso l’abitato. Qui, spesso, il pettirosso s’inoltra spinto dalla sua insaziabile curiosità, lesto però a sfuggire l'uomo.

Veloce e curioso

È lungo da 13 a 15 centimetri, raggiunge un peso massimo di 16 grammi e vive in media 3-4 anni anche se alcuni individui hanno raggiunto i 13 anni di età. Presenta un piumaggio tendenziamente bruno oliva scuro e un addome bianco sul quale spicca una macchia d’un bel rosso-arancione vivo che interessa la fronte, la gola e la parte superiore del petto, caratteristica quest’ultima che gli è valsa il suo nome e che lo rende facilmente riconoscibile. Solo gli adulti presentano questa peculiarità e non c’è differenza fra soggetti di sesso maschile o femminile, mentre i giovani non hanno il petto arancio e mostrano numerose macchie bruno-scure e fulve. Gli occhi sono relativamente grandi e scuri, il becco nerastro e le zampe brune e sottili. È un uccello dalla vivacità inesauribile, sul terreno si muove con una rapida successione di lunghi balzi, in posizione quasi curvata per un passo o due, poi si arresta in atteggiamento eretto facendo vibrare talvolta ali e coda. Se incuriosito o eccitato inclina rapidamente il corpo da lato a lato muovendo ali e coda.


© Ti-Press

I mesi dell’amore

All’arrivo della stagione riproduttiva, che inizia verso marzo, il maschio cerca di ottenere i favori della femmina con uno speciale canto nuziale simile a un sottile sussurrio unito a una serie di posture rituali, quali l’arruffamento delle piume del capo e della gola e il frenetico movimento delle ali. A fine aprile o ai primi di maggio vengono deposte 5-6 uova bianche macchiate di bruno pallido nel nido che la sola femmina ha preparato intessendo foglie e muschi esternamente, e imbottendo l’interno con piume e pelo. Solitamente il sito di nidificazione è un foro nel tronco di un albero, in un muro o in una fossetta sul terreno, ma spesso anche i bassi e fitti cespugli sono scelti quale dimora. La cova dura 13-15 giorni; i piccoli abbandonano il nido dopo un paio di settimane pur continuando ad essere imbeccati dai genitori ancora per un certo tempo. Qualche volta vengono portate a termine tre covate in una stagione riproduttiva, ma solitamente due.  Quando esce dall’uovo, il pullo pesa un grammo e mezzo solo dieci giorni dopo il suo peso è uguale a quello dei genitori. 


© Ti-Press

Animale territoriale

Potrebbe sembrare un essere dolce ma in realtà è di indole aggressiva verso i consimili di cui non ama la vicinanza in quanto è un animale solitario e mostra uno spiccato comportamento territoriale. Tutto l’anno impedisce agli altri pettirossi di entrare nel suo territorio e, in primavera, respinge gli intrusi con un’energia raddoppiata. I confini sono invisibili ma ben noti ai proprietari adiacenti tra loro. Se un individuo sconfina in “casa d’altri”, il proprietario appena se ne accorge, lo intima ad allontanarsi con canti e ostentazioni del petto. Proprio perché il rosso del petto segnala la presenza di un proprietario, a questo colore i pettirossi reagiscono molto reattivamente: prima cantando a squarciagola, poi avvicinandosi e infine attaccando l’intruso. È infatti sufficiente mettere su un ramo un ciuffo di piume rosso perché lui parta all’attacco come se avesse di fronte un altro uccello.
Entrambi i sessi difendono il loro territorio e nell’atteggiamento di difesa, la testa è tenuta eretta, per mostrare la macchia color arancio del petto, e il corpo viene fatto oscillare a destra e a sinistra. La macchia rossa è un segno incontestato della forza dell’individuo, infatti più la macchia è appariscente, perché presenta colori sgargianti e ha grandi dimensioni, e più dimostra che il soggetto è in ottima salute. Per cui sfidare individui in buona salute significa dover combattere con un rivale nel pieno delle sue forze. La macchia è perciò un segnale che indica ai possibili usurpatori se vale la pena lottare per cercare di impossessarsi di un nuovo territorio o se è meglio andare a cercare altrove.
Il metodo migliore per segnalare il territorio è far sentire la propria presenza. In inverno, quando la maggioranza degli uccelli è più silenziosa, il pettirosso canta abitudinariamente da postazioni caratteristiche, in bella vista. Il verso territoriale è un semplice “tic tic” ripetuto a lungo spesso emesso in corrispondenza dei confini territoriali. Il suo regime alimentare è composto soprattutto di invertebrati e insetti che vivono nel suolo, ma anche di semi e piccoli molluschi. Inoltre integra questa dieta con una grande quantità di frutta e bacche, more, lamponi, mirtilli, fragole e ribes.

© Ti-Press
Guarda 3 immagini e 1 video
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
8 ore
Dentro i cassetti di Georgina Bernardi
Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
11 ore
Metti un giorno con Martino Rossi
“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
14 ore
Diritti allo stomaco (nel nome del vax)
Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
4 gior
Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)
L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
6 gior
La vocazione di Sandro Bonetti
Cosa vuoi fare da grande? ‘Il medico, come il mio papà’. Figlio di un gastroenterologo, sin da ragazzo Sandro non aveva molti dubbi su cosa fare nella vita
Ticino7
6 gior
Cosa diresti al te stesso di dieci anni fa?
Lo dico subito, a scanso di equivoci: io mi sarei detta di stare più tranquilla ed essere positiva. Ma anche di criticare meno e crederci di più. E voi?
Ticino7
1 sett
Bellessere. Volersi bene senza età
Non esistono limiti anagrafici per aver cura del proprio aspetto. Iniziando da una buona dose di sorrisi, voglia di vivere e ottimismo.
Ticino7
1 sett
Lì dove costano meno: la via del turismo farmaceutico
Poiché le medicine in Svizzera costano molto di più, anche i ticinesi fanno shopping oltre confine. Ma cosa nasconde questo importante fenomeno?
Ticino7
1 sett
Sono strani tempi, come sempre
Se devi guardare da qualche parte, meglio farlo ‘in avanti’. Dal passato arrivano (spesso) solo fantasmi
Ticino7
2 sett
Donazione d’organi: parliamone
Mesi di attesa in cui il ritmo della quotidianità è scandito da costanti visite mediche. Poi finalmente la tanto attesa chiamata. È il futuro che chiama
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile