laRegione
28.08.21 - 07:00
Aggiornamento: 30.08.21 - 10:36

La scuola e l’età dello stress

A che serve avere bambini e ragazzi ‘sotto pressione’? A nessuno, nemmeno agli adulti

la-scuola-e-l-eta-dello-stress

Pubblichiamo l'editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Secondo un sondaggio elaborato da Pro Juventute e condotto a cavallo tra il 2019 e il 2020 – prima dunque di lockdown e pandemia –, i bambini ticinesi sarebbero i più stressati della Confederazione (quasi 4 su 10), ma non lontani dai coetanei romandi e germanofoni (35% i primi, 31% i secondi). E più l’età avanza, più i ragazzi sono stressati. Secondo la Fondazione, all’origine del fenomeno vi sarebbero la famiglia e lo scarso interesse dei genitori nei loro confronti, ma soprattutto la scuola: “Esami, compiti, litigi in classe e bullismo portano a un aumento dello stress tra gli studenti”. Senza dimenticare il ruolo dei docenti: “Più negativa è l’immagine che l’insegnante ha della classe, più stressati sono gli alunni”, si sottolinea.
Rifatto oggi (immaginiamo) il sondaggio avrebbe dato risultati probabilmente “peggiori”, assodato che Covid, lavoro parziale e insicurezza non stanno aiutando le dinamiche familiari più fragili. Con l’inizio dell’anno scolastico alle porte, in "Ticino7" n. 35 apparso sabato potrete leggere un approfondimento dedicato proprio all’educazione scolastica e all’insegnamento delle materie artistiche (disegno, pittura, ma anche laboratori). Attività che andrebbero rafforzate e meglio integrate nella griglia oraria, secondo alcuni, a tutto vantaggio degli allievi e delle loro competenze, anche sociali.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
4 gior
Barbara Conrad corre sempre più in alto
Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
4 gior
Arnold Rikli, il dottore del Sole
Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
4 gior
Covid-19. Il valzer delle statistiche
Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
Ticino7
5 gior
Sano sì, ma all’apparenza
A volte è solo una questione genetica. Molto più spesso stare bene dipende (naturalmente) da noi, da ciò che facciamo, mangiamo e respiriamo
Ticino7
6 gior
Roger Federer: la forza delle emozioni
In occasione del recente annuncio del ritiro, pubblichiamo un approfondito contributo dedicato al fenomeno basilese apparso su ‘Ticino7’ nel febbraio 2018
Ticino7
1 sett
Luca Mengoni: l’arte d’indagare la realtà
Afferma di essere un pragmatico, materialista, poco incline all’introspezione. Le sue opere, però, sono evocative, quasi meditative: un bel mistero
Ticino7
1 sett
Lauro Rodoni e quella cassetta misteriosa
La Val Pontirone è casa sua e quassù fa il pastore più o meno da quando ha imparato a camminare.
Ticino7
1 sett
Disavventure Latine. Messico: Palenque e Campeche
Ascoltare e seguire le dritte di chi è del posto, sarebbe sempre buona cosa... soprattutto quando si tratta di muoversi coi mezzi pubblici
Ticino7
1 sett
A lezione di carcere. Andare ‘dentro’ per capire
Cronaca di una mattinata nelle vecchie Pretoriali di Locarno. Per comprendere e vedere “che effetto che fa”. Ma qui c’è poco da ridere e molto da pensare
Ticino7
1 sett
Vite forzate. Le parole di chi ci è passato
Ci finisci dentro perché, salvo errori, qualcosa hai combinato. E in un attimo ti ritrovi in un ‘altro mondo’
© Regiopress, All rights reserved