laRegione
31.07.21 - 17:25

Piccola storia dei certificati lasciapassare

Vaccinati o non vaccinati, oggi il problema è garantire a tutti la libertà di potersi muovere (non solo per bazzicare una spiaggia). Un tema vecchio come il mondo

di Duccio Canestrini
piccola-storia-dei-certificati-lasciapassare

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

“Una masnada di raminghi, estrema e sconcertante”, ecco come lo storico Jacques Le Goff definiva la mobilità umana durante il Medioevo. Sulla via si incontravano innumerevoli dogane e il viandante, se non godeva di particolari “privilegi” accordati dalle autorità, doveva pagare diversi pedaggi. I lasciapassare hanno una lunga storia. Prima dell’era digitale erano cartacei, e in alcune circostanze soltanto orali, semplici parole d’ordine. Le origini dei lasciapassare e del passaporto stanno nei salvacondotti e nel cosiddetto guidaticum. Istituito intorno al XIII secolo, si trattava di una lettera che riportava il nome del portatore, il motivo del suo viaggio e la minaccia della punizione che avrebbe colpito eventuali aggressori.
Non viaggiavano soltanto i raminghi, beninteso, ma anche pellegrini, ciarlatani, avventurieri e mercanti. Questi ultimi, in particolare, erano controllati e soggetti a balzelli e gabelle da parte delle autorità locali. Nella storia dei viaggi si trovano gustosi aneddoti sui salvacondotti accordati ai turisti, se così possiamo chiamarli, che potevano vantare titoli nobiliari. Nei casi di epidemie – ma le notizie giungevano confusamente, un po’ come adesso – il presidio armato degli spazi pubblici e dei luoghi di transito aumentava. Pochi privilegiati, pagando, potevano ricorrere a sotterfugi, come identità fittizie e salvacondotti farlocchi. Inoltre potevano contare su favoritismi e raccomandazioni da parte degli aristocratici locali, capaci di allentare i controlli. Uno dei Leitmotiv della storia è dunque la restrizione della mobilità con lasciapassare individuali contenenti dati che oggi chiameremmo sensibili.


Lasciapassare sanitario di Montecchio (comune oggi situato in provincia di Reggio Emilia) risalente agli anni Venti del Settecento.

Questioni di principio

Tralasciando gli aspetti medici, oggi i pass sanitari sollevano diversi problemi. Primo: sembrano liberatori perché lasciano passare chi è “in regola” ma visti da un altro punto di vista sono discriminatori, perché distinguono tra gruppi di persone e impediscono di godere dei diritti civili a determinate categorie. Secondo: può lo Stato entrare nelle decisioni relative ai corpi delle persone? La risposta, negativa, l’aveva già data il filosofo francese Michel Foucault parlando di biopolitica. Più terra terra, ma non meno efficace è lo slogan in voga nel mondo dello spettacolo: “My body my rules”. Terzo: i gestori di esercizi commerciali e di strutture ricettive, comprensibilmente, non vogliono fare i controllori, non è il loro lavoro. Risultato, allo stato attuale delle cose, si rischia un conflitto sociale ed economico sbilanciato sulle categorie di vaccinato e non vaccinato. Come balbetta sconcertata Sara, la fidanzata di Nico nel film Songbird (vedi più in basso, ndr): “Sembra di essere al cinema”. Non un bello spettacolo, ma stiamo a vedere.


Paul-Michel Foucault (1926-1984), filosofo, sociologo, storico della filosofia, storico della scienza, accademico e saggista francese.

L'ERA DEL "COVID-23" 

“Sono immune, sono immune!” , grida Nico inginocchiandosi davanti a una pattuglia di polizia sanitaria che sta per fucilarlo. Nico è un fattorino, protagonista del film di fantascienza Songbird, prodotto nel 2020 e diretto da Adam Mason. Siamo al quarto anno di lockdown a causa del virus (mutato) Covid-23. Il coprifuoco è permanente, i rastrellamenti da parte dell’esercito sono la norma e si circola soltanto autorizzati, esibendo un braccialetto elettronico che certifica il proprio stato di salute. Pena la morte. Quanto ai contagiati, vengono prelevati a forza dalle loro abitazioni per essere confinati in lazzaretti lager. Tra i sani vi è appunto Nico, un giovane immune al patogeno, innamorato di Sara che invece è costretta alla quarantena insieme a sua nonna, perché è entrata in contatto con una vicina di casa ammalata. Quindi Sara non può vedere, né tantomeno toccare il suo amato. Toccherà a Nico salvare la ragazza, violando la legge per procurarsi, al mercato nero, un braccialetto lasciapassare. Songbird è fantascienza distopica e naturalmente anche sentimentale. Speriamo non prossima. Le recensioni professionali del film, a dire il vero, non sono state molto positive. Paura?

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
2 gior
Maria del Pilar Cabarcas-Gaberell. Beneficenza, ma con ‘stile’
Dalla doppia nazionalità colombiana e svizzera, la incontriamo a Paradiso, dove lavora. Vivace, dinamica e solare, non ha mai dimenticato le sue origini
Ticino7
3 gior
Broadcast. Fine delle trasmissioni
Una manciata di album, alcune raccolte, lavori sperimentali e qualche collaborazione. Ma di solo talento non si vive, e senza la buona sorte...
Ticino7
3 gior
Disavventure Latine. Messico: l’ultimo cenote
Tutti a dirmi “vai a fare il bagno in un cenote”. E io ci sono andato, non in uno, ma in quattro. Che cosa sono mo’ ve lo spiego (per chi non lo sapesse).
Ticino7
3 gior
Stevie Wonder, il ragazzo dei miracoli
Siamo nell’ottobre del 1972 e nei negozi arriva “Talking Book”. Stevie aveva 22 anni e 19 dischi alle spalle. Sarà un capolavoro e altri ne seguiranno
Ticino7
3 gior
Dagli Steely Dan a Donald Fagen (o il contrario, se vi pare)
Quanti sono gli album che avete consumato a forza di ascoltarli? Qui ve ne proponiamo un paio, dischi “senza tempo” da ascoltare prendendovi del tempo
Ticino7
3 gior
Orphaned Land. Di metal e di religioni
’Mabool’ è un album del 2004 di un quintetto di metallari israeliani, con testi anche in ebraico e un sacco di religione. Vi suona strano? Ascoltatelo
Ticino7
3 gior
Stefanino Meraviglia e altre meravigliose storie
In caso di dolori di cuore, turbe esistenziali e altri scompensi di natura umana, il brano giusto è quello che ci vuole. Nel dubbio, puntate sui classici
Ticino7
1 sett
Barbara Conrad corre sempre più in alto
Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
1 sett
Arnold Rikli, il dottore del Sole
Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
1 sett
Covid-19. Il valzer delle statistiche
Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
© Regiopress, All rights reserved