laRegione
31.07.21 - 07:00

Nei social il silenzio paga

Non volete alimentare il fuoco dell’odio? Evitate di gettare nuova benzina, semplice

nei-social-il-silenzio-paga

Pubblichiamo l'editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

È lo sport della rete e accontenta tutti: chi finalmente può dire quello che pensa e “a modo suo”, e soprattutto rende felici i proprietari e i gestori delle piattaforme dove si chatta, si posta, si scrive e troppo spesso si sparla. I primi possono aprirsi e confessarsi senza troppi filtri, forse convinti che qualcuno li ascolterà. I secondi vivono piuttosto del traffico dei dati e della raccolta di informazioni lasciate qui e lì, tutta robetta che potranno rivendere ad altri. Più nel loro portale c’è gente e movimento, maggiore visibilità avranno anche da un punto di vista commerciale e pubblicitario.
Quello che ci si racconta nel mondo dei social è il tema sviluppato da Federica Cameroni nel nostro ‘Approfondimento’: tra diritti democratici, libertà di espressione, controlli, satira e violenze verbali, quali strumenti abbiamo per provare ad arginare questa deriva d’odio (poco edificante)? Una risposta la suggerisce il nostro Alessio von Flüe nella sua rubrica a strisce: “Non si ragiona dove tutti urlano. C’è bisogno di silenzio...”. Bravo, si potrebbe organizzare un gioco a ricchi premi: chi sta zitto vince. Funzionerà?

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
3 gior
Maria del Pilar Cabarcas-Gaberell. Beneficenza, ma con ‘stile’
Dalla doppia nazionalità colombiana e svizzera, la incontriamo a Paradiso, dove lavora. Vivace, dinamica e solare, non ha mai dimenticato le sue origini
Ticino7
3 gior
Broadcast. Fine delle trasmissioni
Una manciata di album, alcune raccolte, lavori sperimentali e qualche collaborazione. Ma di solo talento non si vive, e senza la buona sorte...
Ticino7
3 gior
Disavventure Latine. Messico: l’ultimo cenote
Tutti a dirmi “vai a fare il bagno in un cenote”. E io ci sono andato, non in uno, ma in quattro. Che cosa sono mo’ ve lo spiego (per chi non lo sapesse).
Ticino7
4 gior
Stevie Wonder, il ragazzo dei miracoli
Siamo nell’ottobre del 1972 e nei negozi arriva “Talking Book”. Stevie aveva 22 anni e 19 dischi alle spalle. Sarà un capolavoro e altri ne seguiranno
Ticino7
4 gior
Dagli Steely Dan a Donald Fagen (o il contrario, se vi pare)
Quanti sono gli album che avete consumato a forza di ascoltarli? Qui ve ne proponiamo un paio, dischi “senza tempo” da ascoltare prendendovi del tempo
Ticino7
4 gior
Orphaned Land. Di metal e di religioni
’Mabool’ è un album del 2004 di un quintetto di metallari israeliani, con testi anche in ebraico e un sacco di religione. Vi suona strano? Ascoltatelo
Ticino7
4 gior
Stefanino Meraviglia e altre meravigliose storie
In caso di dolori di cuore, turbe esistenziali e altri scompensi di natura umana, il brano giusto è quello che ci vuole. Nel dubbio, puntate sui classici
Ticino7
1 sett
Barbara Conrad corre sempre più in alto
Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
1 sett
Arnold Rikli, il dottore del Sole
Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
1 sett
Covid-19. Il valzer delle statistiche
Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
© Regiopress, All rights reserved