laRegione
12.06.21 - 14:21
Aggiornamento: 15.06.21 - 08:28

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)

di Farian Sabahi
biennale-architettura-venezia-2021-visioni-svizzere-in-laguna
Particolari dell’installazione ‘oræ - Experiences on the Border’ KEYSTONE/Gaëtan Bally © Mounir Ayoub, Vanessa Lacaille, Fabrice Aragno e Pierre Szczepski).
+3

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

"Il mio lavoro nasce in Engadina, la mia terra mi ha dato la possibilità di costruire su una solida base per il progetto che ho chiamato SCARCH, una parola che unisce scultura e architettura”. Inizia così la conversazione con l’artista svizzero Not Vital, classe 1948. Siamo sull’isola di San Giorgio Maggiore, di fronte a Piazza San Marco, all’interno della basilica palladiana sono collocate diverse opere dell’artista. L’intento dei monaci è recuperare il dialogo tra Chiesa e Arte Contemporanea. Carmelo Grasso, direttore e curatore della Benedicti Claustra, organizzazione no profit dell’Abbazia di San Giorgio Maggiore, ci lascia accomodare sugli stalli della Sala del Capitolo. Alle nostre spalle, il dipinto di San Giorgio che uccide il drago, attribuito alla bottega di Domenico Tintoretto. 


Not Vital

Not Vital, ci parli del lavoro che presenta qui alla Biennale Architettura...
“A Venezia ho inserito una casa nella casa: una torre alta 13 metri per vedere il tramonto, collocata tra le due navate della Chiesa di San Giorgio Maggiore. Tecnicamente, è stato difficile: non ho avuto a disposizione una gru, non abbiamo potuto saldare. È stato un po’ come inserire una barca in una bottiglia. Dopo la Biennale la torre andrà nell’isola Fangasito nel Pacifico meridionale, è stata preparata per riuscire a tenere quei grandi venti che soffiano nell’Arcipelago di Tonga. Questa torre è l’ultima di una serie distribuita sui diversi continenti: la prima in fango e paglia ad Agadez, in Niger; la seconda in legno, è in Amazzonia; la terza in cemento a Tarasp (GR) in Svizzera; questa è la quarta, in alluminio; la quinta sarà a Ulaanbaatar, in Mongolia”. 

Lei ha lavorato a lungo in Niger, dove ha dato vita alle opere in argento presenti alla Biennale Architettura. Da dove nasce il legame con l’Africa?
“Il Niger mi ha aperto una porta: lì ho cominciato a costruire in modo non convenzionale, creando un habitat, una casa, una scuola. È uno dei Paesi più poveri al mondo, i bambini erano 150, ho costruito una specie di teatro pensando che si sarebbero potuti sedere in posizioni diverse, ma i bambini erano diventati quattro volte di più e la scuola è sparita, ad avere il sopravvento è stata la scultura cinetica. In Europa non potrei costruire una scuola. In Africa non ci sono divieti”. 


Not Vital: ‘House to Watch the Sunsetʼ (2021). Foto di Eric Powell; per concessione dell’artista.

Lei è certamente un artista di successo, quanto è importante la restituzione?
“Nietzsche scrisse che l’amicizia ha più a che fare con il prendere che con il dare. Andare in Africa come missionario è sbagliato: bisogna poter ricevere. Nel mio caso, ho avuto la possibilità di costruire una scuola in Africa e i bambini l’hanno trasformata. Quando si fa così, la modalità sociale funziona. Spesso il programma Aid for Africa non funziona: non puoi solo elargire denaro, aspettandoti che ti ringrazino. Devi pensare a quello che puoi prendere, a quello che puoi imparare”. 

La sua opera è esposta in una chiesa consacrata. Lei crede in Dio?
“Credo nell’energia positiva”.

Il curatore della Biennale, Hashim Sarkis, ha posto la domanda: ‘How will we live together?’ Per lei quanto è importante vivere insieme?
“Nell’ultimo anno, con la pandemia, ci siamo resi conto di quanto sia rilevante. A me sta a cuore portare avanti progetti tra architettura e scultura, con una dimensione sociale. Senza dimenticare l’Africa, come già detto. Il 20 giugno andrò in Yemen, un Paese devastato da sei anni di guerra... Lì si apriranno altre possibilità sulle modalità di vita insieme”. 


Foto di gruppo, maggio 2021: il team che ha lavorato allo Swiss Pavilion - Biennale di Venezia. Da sinistra a destra, Mounir Ayoub, Vanessa Lacaille, Fabrice Aragno e Pierre Szczepski (KEYSTONE/Gaëtan Ballyt).

VANESSA LACAILLE - Cocuratrice del padiglione Svizzera

“Il libro che ci ha accompagnati nell’elaborazione del nostro progetto ‘oræ – Experiences on the Border’ è Finzioni di Jorge Luis Borges. Se il romanzo mescola conoscenze precise e finzione totale, il nostro obiettivo è a metà strada tra la precisione assoluta e il sogno” , afferma l’architetto Vanessa Lacaille, soffermandosi sul fatto che “in latino oræ vuol dire ‘confine’ ”. Originaria dell’isola di Réunion, Lacaille è curatrice del Padiglione Svizzera alla 17esima Mostra Internazionale di Architettura (visitabile fino al 21 novembre) insieme al giornalista tunisino Mounir Ayoub, al cineasta Fabrice Aragno e allo scultore Pierre Szczepski. “Quest’avventura è nata due anni fa, ci siamo posti la domanda A che cosa somiglia la frontiera? Non è solo una linea che separa territori, ma uno spazio condiviso, che va vissuto. Gli architetti si occupano poco di confini ma proprio qui l’architettura può mettersi in collegamento con la politica”. Il gruppo di lavoro interdisciplinare di Lacaille ha così allestito un camion come atelier ed è partito per incontrare gli abitanti della frontiera a cavallo tra la Svizzera e i Paesi confinanti. A ogni tappa, i partecipanti sono stati invitati a costruire un luogo di confine immaginario o reale a loro scelta, realizzando dei video per documentare il processo. Di fatto, conclude Lacaille, “la pandemia ha confermato l’importanza delle frontiere”. 


Particolare dell’installazione ‘oræ - Experiences on the Border’ (KEYSTONE/Gaëtan Bally © Mounir Ayoub, Vanessa Lacaille, Fabrice Aragno e Pierre Szczepski).


Particolare dell’installazione ‘oræ - Experiences on the Border’ (KEYSTONE/Gaëtan Bally © Mounir Ayoub, Vanessa Lacaille, Fabrice Aragno e Pierre Szczepski).


Vista dell’installazione ‘oræ - Experiences on the Border’ (KEYSTONE/Gaëtan Bally © Mounir Ayoub, Vanessa Lacaille, Fabrice Aragno e Pierre Szczepski).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
2 gior
Le corde (distorte) dei The Heads
Nel ventennale di un disco tutto da riscoprire, ancora oggi il quartetto di Bristol rappresenta un illuminante esempio di neopsichedelia “evoluta”
Ticino7
3 gior
James Taylor che fermò il tempo in ‘Hourglass’
Venticinque anni fa, un american standard prima di ‘American standard’, un libro aperto premiato con due Grammy, uno dei quali al Miglior album pop.
Ticino7
3 gior
Chi li ascolta? I giovani, l’attivismo e certi ‘fastidi’
Per alcuni sono degli ‘sdraiati’ (titolo di un fortunato romanzo di Michela Serra). Per altri delle menti manipolate. Ma loro, i ragazzi, che ne pensano?
Ticino7
4 gior
Fabiano Bevilacqua e le strade dell’arte
"Ne demande pas ton parcour a quelqu’un qui le connaît: tu risquerais de ne pas te perdre" (Nachman di Breslov; 1772-1810)
Ticino7
4 gior
Michael Jackson. ‘Thriller’: 40 anni di un album killer
Impossibile in questo fine 2022 non celebrare l’album più venduto della storia. L’occasione per ricordare come nacque e in quale contesto musicale maturò
Ticino7
4 gior
Extraterrestre portami via (quarant’anni di E.T.)
Dal genio di Spielberg, figlio di separati, e dalle mani di Carlo Rambaldi, fabbricante di mostri. Storia dell’alieno buono amato da tutti (o quasi)
Ticino7
5 gior
Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)
Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano
Ticino7
5 gior
Er Thrilleraro e l’artri ‘Immortacci’
Perché, se non vedete l’ora di rivedere gente famosa di cui (in qualche modo) si sono perse tracce e corpi, dovete solo andare a Roma, eh
Ticino7
1 sett
La pigna: simboli, significati, leggende e atmosfere natalizie
Con un po’ di fantasia e un pizzico di manualità questi elementi vegetali, raccolti per tempo nel sottobosco, possono dare vita a suggestive decorazioni
Ticino7
1 sett
Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...
‘Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...’
© Regiopress, All rights reserved