laRegione
naomi-brunschwig-dal-messico-ai-gioielli
© Michael Bonito
Ticino7
20.02.21 - 17:470
Aggiornamento : 24.02.21 - 11:37

Naomi Brunschwig: dal Messico ai gioielli

È cresciuta in un rustico nei boschi della Val Colla. Nei suoi geni è rimasto tutto l’amore per l’oggetto decorativo e per la creazione artigianale

È cresciuta in un rustico nei boschi della Val Colla riattato dal padre: “Io e i miei due fratelli abbiamo avuto un’infanzia libera, immersi nella natura”. Figlia di zurighesi “alternativi”, Naomi si è sempre sentita fuori norma; il nonno possedeva un’importante fabbrica di cappelli a Zurigo, il padre ha ereditato la passione divenendo artigiano e cappellaio, ma ha preferito rinunciare al lato imprenditoriale, facendone un passatempo. Ma nei geni di Naomi è rimasto tutto l’amore per l’oggetto decorativo e per la creazione artigianale.

Mi racconta della sua adolescenza libera e ribelle, della difficoltà a capire “chi essere da grande” quando di fronte hai (fortunatamente) molte strade fra le quali scegliere. E nelle quali potersi perdere molte volte. E in questo vagare riuscire a ritrovarsi, comunque, un pezzetto per volta, scoprendo affinità, talenti e imparando a fidarsi dell’istinto. A sedici anni e dopo aver realizzato che gli studi alla SSPSS (Scuola Specializzata per le Professioni Sanitarie e Sociali) non facevano per lei, Naomi Brunschwig parte con la madre per un viaggio di lavoro in Messico; un’esperienza che ha un impatto decisivo sulla sua vita, e dove scopre l’universo dei gioielli. Qui scopre anche il suo lato più nomade, quello che definirà gli anni che verranno.

In Sudamerica

“Andammo a visitare la tribù indigena presso la quale mia madre aveva passato diversi mesi durante gli studi in etnologia. A bordo di un piccolo aereo con le eliche – a bordo di quel trabiccolo miracolosamente sospeso in aria credo di avere pregato per la prima volta, ci confida sorridendo – raggiungemmo il cuore della foresta. I ricordi di quel viaggio sono fortissimi. Una donna, alla quale mia madre era molto legata, ci venne incontro in mezzo alla foresta: sapeva che saremmo arrivate quel giorno senza che nessuno glielo avesse detto. È stato pazzesco, come se esistesse una comunicazione invisibile tra le persone…”.

In Messico, attirata dalle produzioni artigianali degli artisti di strada, si innamora di quell’universo, si fa degli amici e inizia ad apprendere le tecniche locali. Prima di rientrare in Svizzera, compra il suo primo materiale nei grandi mercati di Città del Messico. In Ticino inizia e completa gli studi artistici allo CSIA di Lugano; in Messico tornerà più volte per esplorare il Paese e continuare l’apprendimento del fare gioielli. “Dai 16 anni in poi ho viaggiato moltissimo, sia in Centro America sia in Asia, con lunghi periodi in Thailandia, in varie parti dell’India,” racconta ripercorrendo i ricordi con la memoria. “In ogni luogo, trovavo il modo di fermarmi con gli artigiani locali e imparare qualcosa di nuovo sulle tecniche di creazione, sulle pietre, sui metalli, è sempre stata un’attrazione naturale e irresistibile. Poi però, rientrata in Ticino, dovendomi occupare da brava adulta del quotidiano, tra bollette e affitto, puntualmente perdevo un po’ i miei obiettivi”.

Nel frattempo si forma come orafa, imparando i trucchi del mestiere nel laboratorio di un abile gioielliere classico a Lugano… “Marco Linzaghi è diventato come un secondo padre per me, una figura di riferimento importante. Apprendere il mestiere al suo fianco è stata una fase importante della mia crescita come artista, portandomi a creare il mio brand di gioielli”. Il suo approccio alla creazione è istintivo, spontaneo, anarchico. “Mi viene un’idea e subito devo darle forma, senza passare per lunghi processi di disegno e riflessione, un aspetto che si percepisce immediatamente nelle curve insolite e uniche delle creazioni”.

Coltivare sogni e obiettivi

Il compimento dei trent’anni ha portato nuove comprensioni e la valorizzazione di valori come la disciplina, il discernimento e la determinazione: “Oggi voglio dedicarmi totalmente al raggiungimento dei miei obiettivi, questa fermezza applicata al quotidiano mi sta dando una direzione e un senso di appartenenza, più che a un luogo o a un mestiere sento sempre più di appartenere a me stessa”.

Il 2020, se per molti è stato vissuto come un anno indubbiamente da dimenticare, per Naomi è stato anche di cambiamento e svolte, sempre con l’intenzione di far crescere il suo sogno. “La sveglia suona alle 5.30 del mattino di modo da potermi dedicare al programma di obiettivi quotidiani, dallo sport che mi carica e mi fa sentire forte, agli appuntamenti lavorativi. Ho smesso di disperdere la mia energia in ciò che mi distoglieva dal mio lavoro e di focalizzarmi sul mio desiderio. Facendo un salto nel vuoto, con tutte le incognite finanziarie del caso, ho finalmente deciso di lasciare i lavori ‘accessori’ per dedicarmi al 100% ai gioielli”. Oggetti che nascono dal contatto con le forze della natura. Il profumo del muschio, il suono del ruscello che scende tra le rocce fredde, la luce della neve che si scioglie in primavera non hanno mai smesso di ispirare Naomi. Dalle atletiche camminate tra monti, laghi e fiumi ticinesi, oggi sgorgano le forme organiche dei suoi gioielli… Pietre preziose e metalli, da portare sulla pelle, per non scordare mai la stretta relazione che abbiamo con la terra. Il mondo ogni tanto pare fermarsi, i sogni fortunatamente no.

Guarda le 2 immagini
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
5 gior
La Ficcanaso e quello che non possiamo permetterci
“Oh che belle, ma lei che lavoro fa?”. La cortese signora del negozio parlava delle mie scarpe: eh, certe cose fanno ancora la "differenza"...
GALLERY
Ticino7
5 gior
Clarence, Martin e il capitolo della “Black History”
Ogni anno, il mese dedicato alla storia e al ruolo degli Afroamericani è febbraio. Ma il mio fu a giugno. Era il 2016, a Louisville, in Kentucky.
Ticino7
5 gior
Cosa significa davvero avere una malattia rara
Tra casse malati che non rimborsano i farmaci, sofferenza fisica e mentale, gente che non capisce. Alcune testimonianze
Ticino7
5 gior
Non pensare al Carnevale, non pensare all’elefante
A Bellinzona le fotografie dei vecchi carnevali cercano di lenire il nostro senso di vuoto. Ma che fatica
Ticino7
1 sett
Parchi per bambini: a che gioco giochiamo?
ʻIl gioco sa innalzarsi a vette di bellezza e di santità che la serietà non raggiungeʼ. Per questo progettare spazi stimolanti e originali è fondamentale
Ticino7
1 sett
Jole Agostinetti. Una signora da "palco"
Per decenni è stata nella sala del Gran Consiglio. Ora saluta l’amministrazione cantonale, che non perde solo una segretaria ma un punto di riferimento
Ticino7
1 sett
Le lettere di Clooney e le stanze di ‘Clubhouse’
Chi vive in una relazione di copia lo sa: ogni tanto è meglio laciar perdere. E se hai qualcosa da dire, scrivilo (per il bene di tutti e a futura memoria)
Ticino7
1 sett
L’effetto farfalla (al dente)
Quando si scambia il massacro di un popolo per un villaggio vacanze, tutto è possibile. E per lavarsi la coscienza basta una spolverata di parmigiano
Ticino7
1 sett
Un tipaccio con le frecce spuntate
Girano voci che causa pandemia questʼanno Cupido colpirà molto meno. E forse è meglio così, visti i tempi.
Ticino7
2 sett
Che dite, ma esiste davvero il Punto G?
No, e secondo la sessuologa Isabel Londoño questa è una buona notizia. Per sfatare questo e altri "miti" legati al piacere femminile leggete un po' qui...
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile