laRegione
dai-parliamo-di-grease
23.01.21 - 11:35
di Laura (la Ficcanaso)

Dai, parliamo di 'Grease'...

... anche se, in verità, quello che vorrei è uscire a mangiarmi una pizza in santa pace, alla faccia del delivery e del cibo da asporto

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

L’amica che ha cambiato città da un anno ha avuto la bella idea di mandare sul gruppo delle amiche la foto di un tavolo al ristorante. “Mi vuoi dire che ci sei entrata?”. La malcapitata spiega che non ha sfondato il vetro, che ha fatto quello che in quel momento, in quel posto del mondo, era permesso. Il resto del gruppo esibisce la frustrazione di giorni, settimane, mesi di divieti e restrizioni (Paese che vai, regole che trovi) passati a capire come preservare pezzi di normalità.
Anche le chiacchiere, le solite, quelle che iniziamo in chat di WhatsApp infinite, sono sempre sporcate da qualche incursione nel mondo della virologia. Scuotiamo la testa sconsolate di fronte alla polemica inglese che giudica Grease del 1978 un film sessista. Neanche il tempo di commentare che non c’è niente da commentare e si finisce a disquisire di variante inglese e di quanto stiano peggio Oltre Manica di nuovo chiusi in casa. Alcuni si chiedono se un mese senza ristoranti né negozi possa fare bene almeno al portafoglio. Chiamano quelli che ci sono già passati, che in molti casi non hanno ancora capito se ne sono usciti, per cercare indicazioni e conforto. 
Un marito premuroso, giorni fa, ha provato a prendere il toro per le corna. Con l’audacia e la discrezione con cui un quindicenne propone alla fidanzatina di scappare di casa, l’ha guardata negli occhi, buttando il portafoglio oltre l’ostacolo: “Prenotiamo un albergo, una notte, soltanto noi”. Gli occhi brillano immaginando non scene da Orchidea Selvaggia (con Mickey Rourke, eh), ma l’idea di fare una valigia, godersi una cena seduti al ristorante.
I giornali annunciano il sequel di Sex and the City specificando che non ci sarà Samantha, la più disinibita del gruppo. È il tipico titolo che decine di amiche si rimbalzano in chat in cerca di un commento definitivo che sancisca la posizione chiara delle amanti della serie della prima ora. Niente: raccolgono meno entusiasmo che per la censura di Grease. Ci si interroga su quanto debba lievitare la pizza e si confessa un unico desiderio, augurandosi di esaudirlo un giorno con la voluttà sincera ed energica di Samantha: uscire per una pizza. Con gli amici. Dichiarando estinta ogni formula di delivery.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amiche delivery grease normalità pandemia covid-19 pizza
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
3 gior
Tutto quello che avreste voluto sapere sulla mucca
Il primo addomesticamento risale al 6000 a.C. A livello mondiale, la popolazione è stimata a 1,4 miliardi di capi circa. Quanto al nome...
Ticino7
3 gior
Ciao noia sociale (lascia che ti offra da bere)
Impegniamoci a trasformare la noia in curiosità, perché la curiosità arricchisce, ci spinge a cercare nuovi impulsi, a domandare, a scoprire, a inventare.
Ticino7
4 gior
Danzando con Camilla Stanga
Classe 1996, una passione diventata mestiere. Il suo posto è il palco, ma anche il dietro le quinte del Festival di Narrazione di Arzo
Ticino7
4 gior
Tutto il resto è noia (ma un po’ ce la cerchiamo)
L’assenza di stimoli interessanti nelle nostre vite dipende anche dal nostro scarso impegno a trovarne
Ticino7
1 sett
Live in Ticino. Voci da ‘strani’ concerti del secolo scorso
Una musica ‘fatta apposta per causare la sovreccitazione di cervelli ancora in formazione (...) meno resistenti a vibrazioni ritmate’? Ok, è solo r’n’roll
Ticino7
1 sett
Musica per adulti. Genitore avvisato, ragazzi salvati?
Sesso, droghe, alcool, occultismo, morte, violenze. Il mondo delle arti ne è pieno, e la musica pop e rock li cavalca da sempre. Poi 37 anni fa...
Ticino7
1 sett
Spartiti proibiti (alcuni sì, altri meno)
Sono peggio le droghe visionarie dei Greatful Dead o la sessualità cantata da Jane Birkin?
Ticino7
2 sett
Francesca Cavallo. Essere forti abbastanza
Imprenditrice, scrittrice, attivista, vive a Roma con Dopamina, una gatta. Ha appena pubblicato “Ho un fuoco nel cassetto”, un libro (anche) sulla libertà
Ticino7
2 sett
Locarno souvenir (cartoline dal Festival)
“Quando vai a cena con il diavolo, portati un cucchiaio molto lungo…”. Dal Presidentissimo a Ken Loach, ricordi e aneddoti da Piazza Grande (e dintorni)
Ticino7
2 sett
Bella sì, ma non vuota dentro
“La pelle è lo specchio della tua anima”, mi dicevano. Per questo mi sono rivolta a chi se ne intende (in attesa di fare poi due conti, anche economici)
© Regiopress, All rights reserved