laRegione
Ungheria
Portogallo
18:00
 
MOLTENI A./PELLA G.
1
ALTMAIER D./STRICKER D.
0
2 set
(7-6 : 0-0)
la-ficcanaso-agassi-un-jeans-e-una-canotta
(Keystone)
Ticino7
09.01.21 - 17:350

La Ficcanaso, Agassi, un jeans e una canotta

Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti sulle piste da sci

Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti che si lanciavano a rotta di collo sulle piste da sci con zainetto e jeans indosso. Non temevano il freddo, né il pericolo di infradiciarsi una volta caduti. Per il semplice fatto che loro non cadevano. I jeans erano la prova tangibile del loro disprezzo per le regole e per il freddo che le nostre madri ci ordinavano di combattere. Leggendo Open, biografia del campione di tennis Andre Agassi uscita diversi anni fa e scritta con il premio Pulitzer J.J. Moehringer, ho pensato ai jeans di quei ragazzi sulle piste  da sci. Ho divorato quel libro negli ultimi giorni di quell’anno in cui il grande campione ha compiuto 50 anni. In ritardo di quasi dieci anni rispetto al caso editoriale che è stato, eppure con un tempismo perfetto rispetto a tutto ciò che gli ultimi tempi ci hanno portato in sorte. Andre Agassi giocava a tennis con calzoncini jeans, ciclisti di colori improbabili, petto depilato e capelli/parrucchino da mohicano, orecchino d’oro e diamanti. Perdeva e vinceva a fasi alterne e arrivò nell’Olimpo del tennis senza mai sentirsi imbattibile. La delusione che si prova quando si perde, dice uno dei passaggi più citati del libro, è infinitamente maggiore della soddisfazione che si prova quando si vince.

Venne iniziato al tennis, disciplina odiatissima, dal padre, ex pugile iraniano che scelse una casa con un cortile abbastanza grande, nel deserto dei dintorni di Las Vegas, da poter ospitare un campo e il Drago. Questo il nome che il piccolo Andre, a sette anni, diede al macchinario costruito dal padre e in grado di sparare una quantità incredibile di palline. Andre è stato tirato su dalle grida del padre che ordinavano di colpire più forte e di battere il Drago. Al termine di un anno in cui chiunque ci ha detto di aver riscoperto ciò che ama davvero, la bellezza dei sentimenti e degli affetti, ho trovato liberatorio leggere di una vita feconda nonostante l’odio, la rabbia e gli incidenti di cui è stata costellata. Meravigliosa perché combattuta. In questi primi giorni dell’anno auguro a tutti noi non solo di riflettere, ma anche di combattere. Preferibilmente in canotta e calzoncini jeans.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
1 gior
La montagna come una volta
Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
1 gior
Comunione e Liberazione. La finestra aperta
Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
3 gior
Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna
“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
3 gior
Una partita con Claudio Boschetti
Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
3 gior
I miracoli di tutti (i giorni)
Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
1 sett
Mangiare fuori. Da ogni campo
Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
1 sett
Alla fonte della tradizione con Edo Cima
Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
1 sett
La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli
"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
1 sett
Senza 'diversità' si soffoca un po’
Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
2 sett
United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ
“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile