laRegione
09.01.21 - 17:35

La Ficcanaso, Agassi, un jeans e una canotta

Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti sulle piste da sci

di Laura la Ficcanaso
la-ficcanaso-agassi-un-jeans-e-una-canotta
(Keystone)

Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti che si lanciavano a rotta di collo sulle piste da sci con zainetto e jeans indosso. Non temevano il freddo, né il pericolo di infradiciarsi una volta caduti. Per il semplice fatto che loro non cadevano. I jeans erano la prova tangibile del loro disprezzo per le regole e per il freddo che le nostre madri ci ordinavano di combattere. Leggendo Open, biografia del campione di tennis Andre Agassi uscita diversi anni fa e scritta con il premio Pulitzer J.J. Moehringer, ho pensato ai jeans di quei ragazzi sulle piste  da sci. Ho divorato quel libro negli ultimi giorni di quell’anno in cui il grande campione ha compiuto 50 anni. In ritardo di quasi dieci anni rispetto al caso editoriale che è stato, eppure con un tempismo perfetto rispetto a tutto ciò che gli ultimi tempi ci hanno portato in sorte. Andre Agassi giocava a tennis con calzoncini jeans, ciclisti di colori improbabili, petto depilato e capelli/parrucchino da mohicano, orecchino d’oro e diamanti. Perdeva e vinceva a fasi alterne e arrivò nell’Olimpo del tennis senza mai sentirsi imbattibile. La delusione che si prova quando si perde, dice uno dei passaggi più citati del libro, è infinitamente maggiore della soddisfazione che si prova quando si vince.

Venne iniziato al tennis, disciplina odiatissima, dal padre, ex pugile iraniano che scelse una casa con un cortile abbastanza grande, nel deserto dei dintorni di Las Vegas, da poter ospitare un campo e il Drago. Questo il nome che il piccolo Andre, a sette anni, diede al macchinario costruito dal padre e in grado di sparare una quantità incredibile di palline. Andre è stato tirato su dalle grida del padre che ordinavano di colpire più forte e di battere il Drago. Al termine di un anno in cui chiunque ci ha detto di aver riscoperto ciò che ama davvero, la bellezza dei sentimenti e degli affetti, ho trovato liberatorio leggere di una vita feconda nonostante l’odio, la rabbia e gli incidenti di cui è stata costellata. Meravigliosa perché combattuta. In questi primi giorni dell’anno auguro a tutti noi non solo di riflettere, ma anche di combattere. Preferibilmente in canotta e calzoncini jeans.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Newsletter
4 gior
C’era una volta il primo skilift
È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
4 gior
Da più di settant’anni, a Lüina si scia
‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
4 gior
Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta
Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
5 gior
Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti
Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
5 gior
Scrittore sarà lei!
Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
5 gior
Capra! Capra! Capra! Capra!
Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
1 sett
Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado
C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
Ticino7
1 sett
Disavventure latine. Messico: diari da Oaxaca
Nella città che canta l’amore tra un quarantenne e una ventenne, io stesso finirò intrappolato in quelle parole
Ticino7
1 sett
Loretta Bubola, la parola è ‘cambiamento’
La sua missione: mettersi al servizio degli altri ma, in primis, togliersi di dosso strati che non la fanno esprimere per quella che è la sua essenza
Ticino7
1 sett
Il peggio non è passato, ma è comunque ‘Un sabato italiano’
Nella ‘Roma felliniana’ del 1983 usciva l’italian standard di Sergio Caputo, il ‘Re delle tronche’. Ne approfittiamo per fare un po’ di musica...
© Regiopress, All rights reserved