laRegione
arianna-tulipani-e-la-sacrosanta-difesa-del-body-positive
(Ti-Press)
Ticino7
09.01.21 - 14:500

Arianna Tulipani e la sacrosanta difesa del ‘body positive’

“L’uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo”. Così diceva Gandhi e personalmente lo declinerei pure al femminile. Lo sa bene Arianna

Nata sotto il segno della vergine il 21 settembre di metà anni Novanta, lavora in uno studio medico e la sua passione più grande sono l’universo della bellezza e la moda oversize. Pratica yoga ed è sempre in movimento, Ettore, il suo cagnolino, è il suo “personal trainer” di fiducia. Da buona vergine le piace l’ordine, è molto precisa e meticolosa. Crede fortemente nella vita. Non sopporta le persone che vivono per “inerzia” e cerca sempre di cogliere la positività che si annida nelle piccole cose. Non ha avuto una vita semplice, ma dopo aver lavorato profondamente su di sé oggi si vuole bene, e crede che un messaggio d’amore per il proprio corpo e per sé stessi sia fondamentale. Viva il body positive e l’accettazione per sé stessi senza limiti.

“L’uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo”. Così diceva Gandhi e personalmente lo declinerei pure al femminile. Lo sa bene Arianna, che sin da piccola si è sentita indifesa e fragile. “Mi vedo piccola ma già in carne, tendenzialmente incavolata per i giudizi che non mancavano di colpirmi. Il mio cuore era ovunque, il mio corpo era con me, ma di fondo ero ammantata da infinita malinconia”. La società, questa entità astratta fatta di persone, può essere profondamente insensibile, anche verso i bambini che non ottemperano a un certo “standard”, che si tratti di qualche chilo in più o in meno, di occhiali, provenienza geografica o qualsiasi apparente inestetismo (visibile o no). “Quando ero piccola ero consapevole di essere cicciotta. Quello che mi destabilizzava erano le parole che venivano usate per il mio aspetto. Non mi sono mai sentita diversa da un’altra persona. Certo, mi guardavo allo specchio e non ero come un “prototipo” di altri bambini. Ero già diversa ma non mi sono mai sentita tale, come un tempo anche oggi per me è normale essere come sono’’.

Sguardi indiscreti

Amor proprio e autostima – soprattutto quando si è femmina – non sono scontati da sentire. Arianna sin da piccola si è imbattuta in sguardi indiscreti che la facevano sentire inadeguata. Oggi è una donna luminosa, il suo sguardo acceso e la sua vitalità sprizzano da tutti i pori. “La bellezza che intravedevo nel mio viso era la stessa che vedevo sul mio corpo, ma tante volte le persone come me si sentono dire: ‘Hai un bel viso...’ come se il corpo facesse schifo”. Arianna ha iniziato a prendersi cura di sé in maniera totale con l’aiuto del trucco. Da un po’ di tempo è molto più importante quello che pensa di sé stessa, rispetto al pensiero degli altri. “Da allora sentirmi dire che ho un bel viso non mi ha mai più toccata come prima. Il sentirmi a mio agio con me stessa trapelava anche fuori e le persone che incontravo non mi scrutavano più partendo dal mio corpo, ma notando una nuova armonia”.

Body positive

Fat front è un documentario presentato al Film Festival Diritti Umani Lugano l’anno scorso. È la storia di ragazze scandinave che non accettano più di vergognarsi del loro aspetto e incontrano il movimento body positive mostrandosi sui social. Decidono di definirsi grasse con orgoglio e di pretendere rispetto. Secondo Arianna Tulipani i social possono essere un’arma a doppio taglio perché ti portano a mostrare una perfezione che di base non esiste. “Il messaggio che cerco di veicolare attraverso la mia pagina su Instagram (aaaa.rianna) è quello di apprezzare il proprio corpo. Non mi nascondo mai e mi mostro dalla testa ai piedi. Non si è giusti o sbagliati ed ognuno è quello che è, punto! Ogni tanto mi chiedono come faccio. La risposta è davvero semplice: amor proprio e lavoro su di sé per scoprire chi si è”. Arianna non cambierebbe nulla del suo aspetto, tutto è sensato e non si vorrebbe differente.

Dieta

La curiosità è sempre stato uno strumento prezioso per Arianna. Sin da piccola infatti non si è mai fermata alle apparenze e ha cercato quell’oltre che spesso rimane un po’ inesplorato. “Mi sono spesso spinta oltre i limiti che mi sono stati imposti ed è proprio lì che ho avuto la possibilità di conoscermi e di evolvere”.

Anche io, come Arianna, ero una bimba robusta. I miei per consolarmi mi dicevano che avevo le ossa grosse, e per questo pesavo un po’ di più degli altri bambini. Le diete a cui ho ricorso sono infinite: a punti, senza carboidrati, con i succhi, digiuno alternato e così via. Anche Arianna ne sa qualcosa: “Ho sempre fatto diete molto drastiche. Più dimagrivo e più mi rendevo conto che perdevo chi ero. A un certo punto mi sono resa conto che non sorridevo più e lì ho capito che non c’era dieta che tenesse e che era più importante il mio benessere oltre le lancette della bilancia”.

Confini

Prima di salutarci dopo aver bevuto un caffè e mangiato una brioche alla crema chiedo ad Arianna cosa vorrebbe dire a tutte quelle donne che hanno un rapporto un po’ conflittuale con il loro corpo: “Siete tutte bellissime a prescindere dal chilo in più, dalla smagliatura o dalla cellulite, perché oltre l’aspetto fisico c’è quello che si è dentro. Mettersi a nudo davanti allo specchio ed apprezzarsi è un atto d’amore pazzesco. Tutti abbiamo degli inestetismi. Non dobbiamo più permettere a certi confini dettati da cliché di ingabbiarci e di non farci sentire libere”.

TOP NEWS Ticino7
Ticino7
5 gior
La Ficcanaso, Agassi, un jeans e una canotta
Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti sulle piste da sci
Ticino7
6 gior
Povertà. La pandemia in Ticino vista dai margini
Con SOS Ticino scopriamo come vive il confinamento e le difficoltà chi si trova escluso dai contesti sociali più favorevoli. Tanti sono donne, uomini e bambini con storie di migrazione.
Ticino7
6 gior
Trump, il boia federale e le carceri strapiene
L’ultima volta accadde in America quando in Europa non era ancora stata inaugurata la torre Eiffel e stava per nascere Adolf Hitler. Gennaio 1889.
Ticino7
6 gior
Il Natale, il virus e la prostituta di Tom Waits
Un bilancio delle feste, tra dubbi esistenziali e una 'cartolina da una battona di Minneapolis'
Ticino7
1 sett
Sandro Matasci. Tra cemento, vigna e pennelli
Dalla diga del Luzzone alla Stazione Fart di Muralto: i ricordi di un ingegnere civile con una grande passione per la pittura e la viticoltura
Ticino7
1 sett
Metti un po' di Fontaines nel tuo smartphone
Passare dall'indimenticato John Peel ai giovani irlandesi Fontaines D.C. il passo è breve, se provi a riscoprire la genialità dei The Fall
Ticino7
1 sett
Le parole (dell’anno) sono importanti
"Resilienza: capacità di fare fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita...". Ok, e la famosa crisi?
Ticino7
1 sett
Noi, nell'epoca del capitalismo della sorveglianza
Li chiamano Big Data, in pratica sono una sterminata raccolta di informazioni, spesso molto personali, dal valore commerciale enorme. Tanta roba insomma...
Ticino7
1 sett
Sulla pandemia ‘è l'ora della verità’ (cin cin)
Il cenone del 31 dicembre loro lo hanno fatto. Un momento di normalità, per ribadire che "non ce la raccontano mica giusta quelli lì".
Ticino7
2 sett
I panchinari del Metal. 10 dischi da riscoprire
20 gennaio 1982. Des Moines, Iowa. In quella tundra del metal, Ozzy Osbourne stacca la testa a morsi a un pipistrello vivo. È la scintilla...
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile