laRegione
metti-un-po-di-fontaines-nel-tuo-smartphone
+2
Ticino7
05.01.21 - 16:160
Aggiornamento : 14.01.21 - 13:30

Metti un po' di Fontaines nel tuo smartphone

Passare dall'indimenticato John Peel ai giovani irlandesi Fontaines D.C. il passo è breve, se provi a riscoprire la genialità dei The Fall

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

‘Dici «Sorella, sorella, come mi mancavi, mi mancavi / Andiamo polso a polso e togli la pelle dalla mia vescica» / Se sei una rockstar, una pornostar, una superstar, non importa cosa / Procurati una buona macchina, scappa di qua’.
Fontaines D.C. da «Boys in the Better Land», in ʻDogrelʼ (2018)

‘Niente nella storia del pop è stato lontanamente come i Fall. Mark E. Smith [è un] autore di testi che spesso vantano più idee in un verso di quanto la maggior parte delle band escogitino per un intero discoʼ.
John Peel da un’intervista al ʻThe Sunday Timesʼ (25.5.1997)


The Fall (1976-2018)

Il compianto e storico dj della BBC John Peel (1939-2004) li avrebbe adorati, scommetteteci. Lui che di musica fuori dagli schemi ne ascoltava e diffondeva come pochi altri. Perché di debutti spiazzanti paragonabili a quelli dei dublinesi Fontaines D.C. (Dogrel, 2018) sono ossigeno per l’industria musicale. Che sta male, malissimo, si sa, visto che nessuno vive più di album prodotti, che il cd è ufficialmente defunto e che i brani scaricati “a gratis” superano ampiamente quelli pagati. E negli ultimi mesi sono spariti pure i concerti. Si dice che a Glastonbury – il padre di tutti i festival europei, annullato nel 2020 causa pandemia, proprio nell’anno del suo mezzo secolo di vita – i Fontaines D.C. avrebbero fatto il botto.
Se il primo lavoro esteso era una raccolta di vitali spinte soniche, il secondo (A Hero’s Death, apparso a luglio) ha confermato che la vena è quella buona. Sostenuti da una stampa anglosassone che, come è noto, coi ragazzi di casa sa esaltarsi sempre – soprattutto se pescano in quanto di buono prodotto tra i Settanta e gli Ottanta –, acuti nella gestione del loro profilo da ragazzi decisi e senza compromessi, gli irlandesi sanno quello che fanno: testi taglienti (“Hurricane Laughter”, "I Don't Belong") e canto recitato per andare diritti al senso, suoni puliti, potenti; chitarre taglienti, assalti senza menate digitali. E poi, appunto, attingere sin dall’inizio nel mare più fecondo: quello dei The Fall di Mark E. Smith (morto nel 2018; una pietra angolare del pop rock, secondo John Peel), degli Wire, dei primi Killing Joke, degli immancabili Warsaw/Joy Division più battaglieri, ma anche i Clash, i Mekons, gli Spear of Destiny, i Pixies, i compatrioti e più recenti Girl Band (già debitori dei Birthday Party di Nick Cave e dei Liars, per capirci) e un po’ di Oasis alla voce.
Che poi se non ci fossero stati i Velvet (ovvero Reed & Cale), i Doors, gli Stooges, i Can e la musica cosmica, queste poche righe chi le avrebbe mai potute scrivere?

John Peel (1939-2004)
Guarda tutte le 5 immagini
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
5 gior
La Ficcanaso, Agassi, un jeans e una canotta
Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti sulle piste da sci
Ticino7
6 gior
Arianna Tulipani e la sacrosanta difesa del ‘body positive’
“L’uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo”. Così diceva Gandhi e personalmente lo declinerei pure al femminile. Lo sa bene Arianna
Ticino7
6 gior
Povertà. La pandemia in Ticino vista dai margini
Con SOS Ticino scopriamo come vive il confinamento e le difficoltà chi si trova escluso dai contesti sociali più favorevoli. Tanti sono donne, uomini e bambini con storie di migrazione.
Ticino7
6 gior
Trump, il boia federale e le carceri strapiene
L’ultima volta accadde in America quando in Europa non era ancora stata inaugurata la torre Eiffel e stava per nascere Adolf Hitler. Gennaio 1889.
Ticino7
6 gior
Il Natale, il virus e la prostituta di Tom Waits
Un bilancio delle feste, tra dubbi esistenziali e una 'cartolina da una battona di Minneapolis'
Ticino7
1 sett
Sandro Matasci. Tra cemento, vigna e pennelli
Dalla diga del Luzzone alla Stazione Fart di Muralto: i ricordi di un ingegnere civile con una grande passione per la pittura e la viticoltura
Ticino7
1 sett
Le parole (dell’anno) sono importanti
"Resilienza: capacità di fare fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita...". Ok, e la famosa crisi?
Ticino7
1 sett
Noi, nell'epoca del capitalismo della sorveglianza
Li chiamano Big Data, in pratica sono una sterminata raccolta di informazioni, spesso molto personali, dal valore commerciale enorme. Tanta roba insomma...
Ticino7
1 sett
Sulla pandemia ‘è l'ora della verità’ (cin cin)
Il cenone del 31 dicembre loro lo hanno fatto. Un momento di normalità, per ribadire che "non ce la raccontano mica giusta quelli lì".
Ticino7
2 sett
I panchinari del Metal. 10 dischi da riscoprire
20 gennaio 1982. Des Moines, Iowa. In quella tundra del metal, Ozzy Osbourne stacca la testa a morsi a un pipistrello vivo. È la scintilla...
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile