laRegione
25.12.20 - 08:00
Aggiornamento: 18.09.21 - 22:45

La storia di Lidia e Agata

Una mamma e una figlia ospiti del Centro di accoglienza Casa Astra di Mendrisio si raccontano. Perché non sempre Natale fa rima con serenità

la-storia-di-lidia-e-agata
© iStockphoto

Pubblichiamo un articolo apparso (viste le festività) giovedì su Ticino7, allegato de laRegione.

ʻLa mia situazione è complicata. Davvero complicataʼ, avverte Lidia mentre accarezza la schiena della piccola Agata (entrambi nomi di fantasia) che gioca con un cordoncino sulla panchina dove siamo sedute. Nel raccontare la parte della sua vita che lo scorso gennaio lʼha condotta con la figlia a Casa Astra (Mendrisio), anche questa ragazza nel pieno dei suoi 20 anni pare tenere fra le mani un filo attorno a cui annoda le parole. La storia che restituisce abbonda di grovigli.

“Sono arrivata in Svizzera quando ero una ragazzina”, esordisce Lidia. “Dopo aver concluso tutte le scuole in Ticino, ho portato a termine l’apprendistato e ho iniziato a lavorare. A un certo punto però è arrivato un periodo davvero pessimo: mia nonna è venuta a mancare, sono stata licenziata senza colpe e col mio ragazzo era un continuo metterci le mani addosso”. Il bisogno di staccare la spinge a partire per il suo Paese d’origine, in Sudamerica, ma il permesso svizzero che ha con sé risulta scaduto: “In aeroporto è successo un gran casino”, mi dice accennando a una lunga serie di vicissitudini che ha dovuto attraversare. Riducendo i fatti ai minimi termini, un divieto temporaneo di ingresso in Europa e una multa costringono Lidia a stare molto più del previsto nel continente americano. Intanto fra continui tira e molla la violenta relazione col suo ragazzo continua e in mezzo al trambusto viene al mondo Agata: “Abitavamo insieme ma a un certo punto mi sono resa conto che mia figlia stava vedendo cose che non andavano assolutamente bene. Così per qualche mese siamo andate a stare da una mia amica nel Luganese, e alla fine ho chiamato l’assistente sociale che ci ha accompagnate qui”.

Possibilità negate

A Casa Astra gli operatori si sono subito attivati per aiutare Lidia a regolarizzare la sua situazione. Dopo mesi di interminabile attesa, dall’Ufficio stranieri, pochi giorni prima del nostro incontro, arriva la fatidica lettera. Verdetto: non essendo autosufficiente con la bambina, la risposta per il permesso è no. “Ora abbiamo replicato rispiegando la situazione e il fatto che io sono ben disposta a lavorare. Lo vorrei davvero tanto, ma senza permesso nessuno mi assume, e senza lavoro non mi danno il permesso. Non posso nemmeno firmare un contratto di locazione, non ho diritti. Sto continuando a ricevere batoste su batoste, ed è davvero dura – dice con un groppo in gola –. Io sono immensamente grata a chi mi sta aiutando, questo posto è un rifugio, abbiamo un letto, abbiamo cibo, siamo al sicuro, però è frustrante essere in sospeso da così tanto tempo. A lungo andare, vedere che le altre persone si sistemano mentre io sono sempre allo stesso punto mi sta distruggendo”.

Sopportare e supportare

La quotidianità di Casa Astra ha i suoi pro e i suoi contro: “Qui io e Agata abbiamo una camera per noi, mentre il resto degli spazi è in condivisione. Non sempre è facile convivere in così tanti, ognuno ha il suo carattere e ognuno i suoi problemi: siamo spesso tesi e a volte basta un niente per far scattare dei battibecchi. Io ho bisticciato con quasi tutti qua dentro, non riesco a tenermi le cose dentro – dice con una risata che sdrammatizza –, ma sto imparando a moderarmi. Alcuni poi hanno delle dipendenze, e questo a volte alimenta i conflitti; io personalmente fumo con regolarità, lo sanno tutti, soffro di instabilità dell’umore e farlo mi aiuta a gestirmi e a calmarmi; è anche un metodo di sfogo per tutto quello che sto vivendo: l’unica cosa che faccio ora è occuparmi di mia figlia da sola,
e lo faccio bene, ritengo, ma il resto della mia vita è un grande punto di domanda”. Al contempo è proprio dagli altri ospiti che trae conforto: “Mi sostiene il fatto di essere qui in tanti, di trovarci a condividere le nostre storie. Quando ascolto i problemi degli altri capita che per un po’ non penso ai miei. È qualcosa che umanamente mi sta molto arricchendo, un’esperienza di vita preziosa”.

Paura di sognare

Di che cosa è in cerca, le chiedo infine, oltre a un lavoro e una casa? Forse stabilità, sicurezza, riconoscimento? “Di tutte queste cose – mi risponde –. E amore... Da poco sto frequentando una persona che mi sta facendo vivere una favola: è carinissimo sia con me che con Agata. Dopo la relazione tossica di 5 anni da cui sono appena uscita, questo incontro mi sta facendo ricredere nell’amore, nelle belle cose della vita. Solo che sono già in ansia per quello che potrebbe succedere: lui ha chiarito che se ci mettiamo insieme ha intenzione di prendersi cura della bambina come se fosse sua figlia, ma prima deve rifletterci bene. Lo capisco, è giusto. Ma penso che se dovessero decidere di mandare via me e la bimba non resterebbe con le mani in mano. Mi sembra davvero di aver trovato l’uomo della mia vita – dice, ma come improvvisamente intimorita per il suo sguardo sognante, aggiunge –: mi rendo conto che sto mettendo troppo il focus su questa storia. Staremo a vedere cosa succede, io ormai sono abituata ad aspettare”.

* Nomi di fantasia

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
3 gior
Le corde (distorte) dei The Heads
Nel ventennale di un disco tutto da riscoprire, ancora oggi il quartetto di Bristol rappresenta un illuminante esempio di neopsichedelia “evoluta”
Ticino7
4 gior
James Taylor che fermò il tempo in ‘Hourglass’
Venticinque anni fa, un american standard prima di ‘American standard’, un libro aperto premiato con due Grammy, uno dei quali al Miglior album pop.
Ticino7
4 gior
Chi li ascolta? I giovani, l’attivismo e certi ‘fastidi’
Per alcuni sono degli ‘sdraiati’ (titolo di un fortunato romanzo di Michela Serra). Per altri delle menti manipolate. Ma loro, i ragazzi, che ne pensano?
Ticino7
4 gior
Fabiano Bevilacqua e le strade dell’arte
"Ne demande pas ton parcour a quelqu’un qui le connaît: tu risquerais de ne pas te perdre" (Nachman di Breslov; 1772-1810)
Ticino7
5 gior
Michael Jackson. ‘Thriller’: 40 anni di un album killer
Impossibile in questo fine 2022 non celebrare l’album più venduto della storia. L’occasione per ricordare come nacque e in quale contesto musicale maturò
Ticino7
5 gior
Extraterrestre portami via (quarant’anni di E.T.)
Dal genio di Spielberg, figlio di separati, e dalle mani di Carlo Rambaldi, fabbricante di mostri. Storia dell’alieno buono amato da tutti (o quasi)
Ticino7
5 gior
Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)
Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano
Ticino7
5 gior
Er Thrilleraro e l’artri ‘Immortacci’
Perché, se non vedete l’ora di rivedere gente famosa di cui (in qualche modo) si sono perse tracce e corpi, dovete solo andare a Roma, eh
Ticino7
1 sett
La pigna: simboli, significati, leggende e atmosfere natalizie
Con un po’ di fantasia e un pizzico di manualità questi elementi vegetali, raccolti per tempo nel sottobosco, possono dare vita a suggestive decorazioni
Ticino7
1 sett
Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...
‘Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...’
© Regiopress, All rights reserved