laRegione
dilemmi-sull-artista-ai-tempi-della-pandemia
Carmelo Bene (attore, scrittore e tanto altro) in un ritratto del 1973 di Oliviero Toscani (© olivierotoscanibazaar.com)
Ticino7
14.11.20 - 08:000

Dilemmi sullʼartista ai tempi della pandemia

Forse non ci salverà la vita e nemmeno l’anima, ma senza un pizzico dʼarte che colori avrebbero i nostri sogni?

Pubblichiamo l'editoriale apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

La scorsa settimana tiravamo in ballo Rigoni Stern e la natura, questa settimana tocca a William Burroughs. Ma è per una buona causa. Nella raccolta di saggi La scrittura creativa (apparsa in italiano nei primi anni Ottanta), il genio statunitense chiariva la sua visione dell’arte: “Ciò che chiamiamo ‘arte’ - pittura, scultura, scrittura, danza, musica – ha origini magiche. Vale a dire, era in origine usata per scopi magici, per produrre effetti molto precisi. Nel mondo della magia niente accade a meno che qualcuno voglia che accada, usi la volontà per farlo accadere (...). L’artista sta cercando di fare accadere qualcosa nella mente dello spettatore o del lettore. Ai tempi dei quadri delle mucche-in mezzo-all’erba, la risposta a ‘qual è lo scopo dei quadri?’ era molto semplice: fare sì che ciò che è raffigurato accada nella mente dello spettatore; fargli annusare le mucche e l’erba, fargli sentire il villan che fischia. L’influenza dell’arte non è meno potente per il fatto di essere indiretta. Possiamo lasciare disordini, incendi e disastri ai giornalisti. L’influenza dell’arte ha un effetto culturale a lunga portata”.
Burroughs prosegue citando la Beat Generation (di cui fece parte) e la rivoluzione culturale che il movimento seminò. Un ottimo assist per ricordare anche a noi che, senza le visioni “diverse” – e pure un po’ magiche, su dai – di chi produce e promuove la creatività, le società sarebbero forse molto simili a distese di capanne e uomini con la clava. Ecco perché promuovere e difendere tutte le arti (con o senza pandemie) è un segno di lungimiranza.


William S. Burroughs in compagnia di David Bowie (1974)

Guarda le 2 immagini
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
5 gior
La Ficcanaso, Agassi, un jeans e una canotta
Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti sulle piste da sci
Ticino7
6 gior
Arianna Tulipani e la sacrosanta difesa del ‘body positive’
“L’uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo”. Così diceva Gandhi e personalmente lo declinerei pure al femminile. Lo sa bene Arianna
Ticino7
6 gior
Povertà. La pandemia in Ticino vista dai margini
Con SOS Ticino scopriamo come vive il confinamento e le difficoltà chi si trova escluso dai contesti sociali più favorevoli. Tanti sono donne, uomini e bambini con storie di migrazione.
Ticino7
6 gior
Trump, il boia federale e le carceri strapiene
L’ultima volta accadde in America quando in Europa non era ancora stata inaugurata la torre Eiffel e stava per nascere Adolf Hitler. Gennaio 1889.
Ticino7
6 gior
Il Natale, il virus e la prostituta di Tom Waits
Un bilancio delle feste, tra dubbi esistenziali e una 'cartolina da una battona di Minneapolis'
Ticino7
1 sett
Sandro Matasci. Tra cemento, vigna e pennelli
Dalla diga del Luzzone alla Stazione Fart di Muralto: i ricordi di un ingegnere civile con una grande passione per la pittura e la viticoltura
Ticino7
1 sett
Metti un po' di Fontaines nel tuo smartphone
Passare dall'indimenticato John Peel ai giovani irlandesi Fontaines D.C. il passo è breve, se provi a riscoprire la genialità dei The Fall
Ticino7
1 sett
Le parole (dell’anno) sono importanti
"Resilienza: capacità di fare fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita...". Ok, e la famosa crisi?
Ticino7
1 sett
Noi, nell'epoca del capitalismo della sorveglianza
Li chiamano Big Data, in pratica sono una sterminata raccolta di informazioni, spesso molto personali, dal valore commerciale enorme. Tanta roba insomma...
Ticino7
1 sett
Sulla pandemia ‘è l'ora della verità’ (cin cin)
Il cenone del 31 dicembre loro lo hanno fatto. Un momento di normalità, per ribadire che "non ce la raccontano mica giusta quelli lì".
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile