laRegione
modernita-e-cimiteri-digitali
Ticino7
26.09.20 - 07:000

Modernità e cimiteri digitali

A casa cʼè un cassetto dove i vecchi cellulari vengono messi a riposo. Forse per evitare che tutto vada ‘perduto per sempre’? (roba da ‘Blade Runner’)

Pubblichiamo l'editoriale apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Siamo molto digitalizzati, ma di tecnologia, gestione dei dati e archiviazione alcuni di noi capiscono ben poco. Prendete la famiglia di Luigi, due adulti e due adolescenti: quattro cellulari in tutto, più un quinto “di lavoro” della mamma. Questi sono quelli attivi, poi ci sono i telefonini che ogni due/tre anni sono stati per “forza di cose” pensionati (il mercato e il consumo, sapete). Eccoli lì, tutti in un cassettone, in cucina – cellulari e annessi cavi, cavetti, caricatori e quei pochi manuali d’uso sopravvissuti al tempo che passa –, assieme a un paio di cacciaviti, una pinza, del nastro adesivo e un sacco di altra robetta; ovvero oggetti trovati in giro per casa, forse “fuggiti” dai loro rispettivi domicili. In verità foto, filmatini e registrazioni audio nel tempo sono stati stoccati in almeno un paio di pc ancora vivi e vegeti, oltre che in alcune memorie esterne. Senza considerare vari salvataggi su cd di migliaia e migliaia di immagini vitali per la storia familiare fatti negli anni... Quello di Luigi è un vero cassetto della memoria, di cui forse non ci sarebbe proprio bisogno: ma “come fai a fidarti della tecnologia?” , ci si domanda di tanto in tanto a casa, aprendo il piccolo deposito. Che poi la questione non sarebbe di fiducia, ma piuttosto di fede e speranza nel progresso. 

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
3 min
Di bronchi e shampoo
Se non ti cambi le mutande ogni giorno, ripeteva sempre mia nonna, come farai il giorno in cui ti porteranno in ospedale?
Ticino7
3 ore
Per capire il Kosovo
Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
10 ore
La pandemia e le strategie asettiche
La mascherina è fondamentale per proteggersi e proteggere gli altri. In molti, invece, pare si stiano dimenticando delle loro manine
Ticino7
6 gior
This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola
I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale
Ticino7
1 sett
Erminio Ferrari e il valzer per un amico
Pubblichiamo un racconto dall'ultimo libro del giornalista e scrittore morto in montagna mercoledì scorso: una storia di amicizia, cime, musica e tutto il resto
Ticino7
1 sett
710 Ashbury Street: il ‘gruppo locale’ dei Grateful Dead
Considerati la band psichedelica per definizione, i Grateful Dead sono stati un fenomeno artistico centrale nella storia della controcultura americana.
Ticino7
1 sett
La Ficcanaso, la Ferragni e la seconda gravidanza
La già lunga lista di “cose che dobbiamo imparare da Chiara Ferragni”, si è arricchita, qualche giorno fa, di un nuovo importantissimo capitolo
Ticino7
1 sett
Depilazione: cosa ci dice un pelo
Farlo o non farlo. Per alcune è diventato un dilemma. Per altre una questione di moda, di rivendicazioni e a volte di semplice pigrizia.
Ticino7
2 sett
Sport e disturbi psichici. Ombre accanto al ghiaccio
Negli sport di squadra il tasso di burnout e abuso di alcol tocca il 5% dei giocatori, per ansia e depressione si arriva al 45. E in Ticino?
Ticino7
2 sett
Una tazzina con Jean-Claude Luvini
Importa caffè certificati provenienti principalmente dall’Uganda. Prodotti molto richiesti, soprattutto da chi crede nell'economia equo-solidale.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile