laRegione
a-proposito-di-belve-animali
Ticino7
19.09.20 - 11:250

A proposito di belve & animali

Dagli AC/DC a Fantozzi? Come no, passando da un album memorabile e un venditore di merendine molto "bestiale* (a modo suo).

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

‘Sì! Queste sono Anne e Babette Brown, le famose due gemelle che facevano lo spogliarello e la danza del ventre, che io ho tagliato a pezzi e acconciamente ho messo in due valigie’
da ‘Fracchia la belva umana’ con Paolo Villaggio (1981)

‘Yeah I’m the prowler, watch out tonight. Yes I’m the night prowler, when you turn out the light’
da ‘Night Prowler’, AC/DC (1979)

“Io scandaloso? Ma se sul palco non ho nemmeno mai detto ‘fuck’…”. Questo disse Bon Scott, cantante originario degli AC/DC, alla stampa inglese nel 1977, in piena esplosione punk (“I Sex Pistols? Non so chi siano”). Accusati di sessismo, satanismo e istigazione alla violenza, nel 1985 s’imputerà agli AC/DC, e al testo di Scott, anche l’avere ispirato Richard Ramirez, The Night Stalker (‘Il cacciatore della notte’), serial killer ispanico che uccideva con indosso la t-shirt della band e che una volta, su di una delle scene dei suoi crimini, abbandonò pure un cappellino con il medesimo logo. Scott, passato a miglior vita nel 1979, sarà difeso anni dopo dal chitarrista Malcolm Young, che ricorderà come la canzone, malgrado l’ambientazione un tantino cimiteriale, non s’intitolasse Night Stalker bensì Night Prowler (‘Vagabondo notturno’, dall’album Highway to Hell), storia di “un ragazzo che tenta d’infilarsi nel letto della fidanzata mentre i genitori di lei dormono”. 
Insomma, confondere una band di devoti della patata (cit. Antonio Ornano) con uno psicopatico divenuto, in prigione, pittore quotato è come scambiare Fracchia con la Belva Umana, perseguitato (il primo, impiegato in una ditta di merendine) sin nell’aldilà dal secondo (ricercato pluriomicida) a causa di una sfortunatissima somiglianza fisica. Ma anche qui, in un film cult più per le battute del commissario Auricchio (Lino Banfi) che per quelle del protagonista, se proprio di fraintendimento si tratta allora è Fracchia con Fantozzi.

Guarda le 3 immagini
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
3 ore
Per capire il Kosovo
Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
10 ore
La pandemia e le strategie asettiche
La mascherina è fondamentale per proteggersi e proteggere gli altri. In molti, invece, pare si stiano dimenticando delle loro manine
Ticino7
6 gior
This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola
I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale
Ticino7
1 sett
Erminio Ferrari e il valzer per un amico
Pubblichiamo un racconto dall'ultimo libro del giornalista e scrittore morto in montagna mercoledì scorso: una storia di amicizia, cime, musica e tutto il resto
Ticino7
1 sett
710 Ashbury Street: il ‘gruppo locale’ dei Grateful Dead
Considerati la band psichedelica per definizione, i Grateful Dead sono stati un fenomeno artistico centrale nella storia della controcultura americana.
Ticino7
1 sett
La Ficcanaso, la Ferragni e la seconda gravidanza
La già lunga lista di “cose che dobbiamo imparare da Chiara Ferragni”, si è arricchita, qualche giorno fa, di un nuovo importantissimo capitolo
Ticino7
1 sett
Depilazione: cosa ci dice un pelo
Farlo o non farlo. Per alcune è diventato un dilemma. Per altre una questione di moda, di rivendicazioni e a volte di semplice pigrizia.
Ticino7
1 sett
Sport e disturbi psichici. Ombre accanto al ghiaccio
Negli sport di squadra il tasso di burnout e abuso di alcol tocca il 5% dei giocatori, per ansia e depressione si arriva al 45. E in Ticino?
Ticino7
2 sett
Una tazzina con Jean-Claude Luvini
Importa caffè certificati provenienti principalmente dall’Uganda. Prodotti molto richiesti, soprattutto da chi crede nell'economia equo-solidale.
Ticino7
2 sett
Ciccia, bellezza e differenze
Vanessa Incontrada si mette nuda e ricorda a tutte (e tutti) di essere sé stessi. Lei può, perché è il suo mestiere: noi no, perché facciamo altro.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile