laRegione
di-novanta-ce-n-e-uno
Ticino7
31.07.20 - 08:000
Aggiornamento : 09:01

Di Novanta ce n'è uno

È opinione comune considerare i Cinquanta e i Sessanta come i migliori decenni del Novecento. Ora, provate a fare mente locale...

Pubblichiamo l'editoriale apparso in Ticino7, questa settimana allegato del venerdì (vista la festività) a laRegione.

Era il tempo dei computer che facevano i computer, dei telefoni che facevano i telefoni e delle automobili che bisognava saperle guidare sul serio (e si potevano pure riparare, pensa te). Il telecomando della tv era ancora uno strumento di potere e di ricatto genitoriale, gli uffici postali li trovavi anche in cima alle piccole valli, i treni “regionali” si fermavano ovunque, la musica te la compravi e così finanziavi etichette discografiche e artisti. La cultura giovanile non viveva solo di “influencer”, i cinema, le librerie e le discoteche non si contavano (anche nel nostro angolo di Svizzera) e per proteggerti “dal virus” bastava utilizzare il preservativo. La domenica pomeriggio vedevi girare Ayrton Senna a 300 all’ora e Pantani scalava l’impossibile, nelle sale usciva "Il grande Lebowski" e la vera principessa era Lady Diana. Certo, poi nel Golfo e nei Balcani si sparava forte, le polveri fini imperavano, di certe brutte malattie morivi e basta. Secondo la nostra Mariella Dal Farra negli anni Novanta si stava meglio. Beh, per come siamo messi oggi potrebbe avere pure ragione.

 

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
43 min
E la televendita continua
Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
4 ore
Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)
Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
6 gior
Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini
Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
6 gior
Quelle "stranezze" del mondo animale
La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
6 gior
Noi, loro, i forconi e i pop corn
Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett
United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi
Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
1 sett
Ricordiamoci delle violenze sulle donne. Sempre
Soprusi, pressioni psicologiche, schiaffi, prevaricazioni, pugni. La lista è lunga e dolorosa: ma le nostre sorelle, mamme, zie e nonne meritano tutto ciò?
Ticino7
1 sett
Trattalo male (per piacere). Il masochista della porta accanto
Eros & potere: uno strano groviglio di crudeltà, dominazione e sottomissione. E non si tratta del solito film...
Ticino7
1 sett
Burger King e l'amore da Whopper
Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...
Ticino7
1 sett
Molino Nuovo o l'estetica delle rovine
Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile