laRegione
di-novanta-ce-n-e-uno
Ticino7
31.07.20 - 08:000
Aggiornamento : 09:01

Di Novanta ce n'è uno

È opinione comune considerare i Cinquanta e i Sessanta come i migliori decenni del Novecento. Ora, provate a fare mente locale...

Pubblichiamo l'editoriale apparso in Ticino7, questa settimana allegato del venerdì (vista la festività) a laRegione.

Era il tempo dei computer che facevano i computer, dei telefoni che facevano i telefoni e delle automobili che bisognava saperle guidare sul serio (e si potevano pure riparare, pensa te). Il telecomando della tv era ancora uno strumento di potere e di ricatto genitoriale, gli uffici postali li trovavi anche in cima alle piccole valli, i treni “regionali” si fermavano ovunque, la musica te la compravi e così finanziavi etichette discografiche e artisti. La cultura giovanile non viveva solo di “influencer”, i cinema, le librerie e le discoteche non si contavano (anche nel nostro angolo di Svizzera) e per proteggerti “dal virus” bastava utilizzare il preservativo. La domenica pomeriggio vedevi girare Ayrton Senna a 300 all’ora e Pantani scalava l’impossibile, nelle sale usciva "Il grande Lebowski" e la vera principessa era Lady Diana. Certo, poi nel Golfo e nei Balcani si sparava forte, le polveri fini imperavano, di certe brutte malattie morivi e basta. Secondo la nostra Mariella Dal Farra negli anni Novanta si stava meglio. Beh, per come siamo messi oggi potrebbe avere pure ragione.

 

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
6 gior
Fuerteventura o il vento che spettina i pensieri
“Se non ci fossero gli alisei qui saremmo fritti e a farla da padrone sarebbe Calima e ci farebbe rosolare come in un forno".
Ticino7
6 gior
Lugano, ritorno a SlowLake
Dagli appunti del Covid-19 ecco una Zurigo viva a metà, l’ex Bronx alla Foce di Lugano e l’improvvisazione.
Ticino7
6 gior
Quattro pugni (di vita) con Americo Fernandes
Nato a Capo Verde, sul ring ci arriva all’età di 18 anni e nel 1985 si trasferisce in Ticino. Volete incontrarlo? Aprite la porta del Boxe Club Locarno.
Ticino7
6 gior
1990-1999: mille e non più mille?
Riflessioni apocalittiche e poco integrate ricordando un decennio che non era poi così male, dai.
Ticino7
1 sett
Menefreghismo e inciviltà sulle rive del Brenno
Metti un tardo pomeriggio a Biasca e la voglia di farsi un bagno rinfrescante sulle rive del fiume. Scansando i rifiuti, naturalmente.
Ticino7
1 sett
Il caldo e la vita (passando dai capelli)
L’estate scorsa pedalavi in bicicletta col vento tra i capelli e tutto quel fiorato che svolazzava. Oggi il tuo riflesso in una vetrina ricorda la bidella delle scuole...
Ticino7
1 sett
Da schiavi a criminali: colpevoli di essere sé stessi
Un libro e un documentario "senza se e senza ma" per comprendere le origini delle discriminazioni vissute dalla comunità afro-americana statunitense.
Ticino7
1 sett
Storie di vita. La Regina che mi aprì gli occhi
1992, North Carolina. Io lavoravo per una multinazionale della carne, lei venne a lavorare come ricezionista. Ma un brutto giorno...
Ticino7
1 sett
Il nostro razzismo. Chi ha paura dell'uomo nero?
L'artificioso concetto di razza rimane un segnaposto all’interno di un sistema a forma di piramide fatto di diritti e privilegi politici, economici, giuridici e sociali. Anche in Svizzera.
Ticino7
1 sett
Discriminazioni: un problema di colore
A volte ci si illude che il razzismo possa estinguersi da solo, come certi personaggi malmostosi con le loro pantofole sfondate. E invece.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile