laRegione
da-schiavi-a-criminali-colpevoli-di-essere-se-stessi
Ticino7
25.07.20 - 17:100
Aggiornamento : 28.07.20 - 09:15

Da schiavi a criminali: colpevoli di essere sé stessi

Un libro e un documentario "senza se e senza ma" per comprendere le origini delle discriminazioni vissute dalla comunità afro-americana statunitense.

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

«Non è l’amore che ci rende ciechi, e nemmeno il terrore: è l’indifferenza»
da Se la strada potesse parlare di James Baldwin (1974)

Negli Stati Uniti gli afroamericani hanno il 50% di possibilità in più di essere ingiustamente condannati rispetto a chiunque altro. Le statistiche lo dicono, ma James Baldwin – uno dei massimi narratori americani del Novecento – lo racconta. Lo fa attraverso la storia di una giovane donna incinta dell’uomo che ama da sempre, uno scultore arrestato per uno stupro mai commesso.
Se la strada potesse parlare (‘If Beale Street Could Talk’ nell’originale, consigliatissimo per l’intraducibile impasto linguistico) è un libro che da noi si è riscoperto solo di recente, per via del film premio Oscar che ne è stato tratto due anni fa. Se volete intuire qualcosa del razzismo insito nel sistema di giustizia americano – e non avete voglia di leggere saggi e report – cominciate da qui, da questa breve storia d’amore nella quale l’ottimismo delle relazione vince sul disgregarsi della convivenza sociale.

«Il modo in cui nella nostra nazione ci appelliamo al senso di paura e ansia degli elettori passa attraverso i corpi dei neri»
Khalil Muhammad in 13th (2016)

Quella di Baldwin è una storia che non si discosta molto da altre, decisamente troppo reali, che vediamo raccontate in 13th, un documentario del 2016 disponibile su Netflix. Il titolo (‘Tredicesimo’) è un riferimento all’emendamento della Costituzione americana che nel 1865, finita la Guerra civile, abolì la schiavitù. Ci spiega perché, come sintetizza una recensione del Guardian, “le prigioni sono le nuove piantagioni”. Perché la galera non serve solo a segregare, ma anche a sfruttare il lavoro gratis dei detenuti. A questi scopi mirava dopo tutto la campagna ‘law & order’ che assunse risvolti brutali a partire dal presidente Richard Nixon, e che ancora continua: quella che porta a condanne obbligatorie per reati di pochissima rilevanza, e a condanne all’ergastolo automatiche per molti recidivi. Un documentario scrupoloso, onesto e, ahinoi, meno ottimista della narrativa di Baldwin. 

 

Guarda le 3 immagini
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
6 gior
Fuerteventura o il vento che spettina i pensieri
“Se non ci fossero gli alisei qui saremmo fritti e a farla da padrone sarebbe Calima e ci farebbe rosolare come in un forno".
Ticino7
6 gior
Lugano, ritorno a SlowLake
Dagli appunti del Covid-19 ecco una Zurigo viva a metà, l’ex Bronx alla Foce di Lugano e l’improvvisazione.
Ticino7
6 gior
Quattro pugni (di vita) con Americo Fernandes
Nato a Capo Verde, sul ring ci arriva all’età di 18 anni e nel 1985 si trasferisce in Ticino. Volete incontrarlo? Aprite la porta del Boxe Club Locarno.
Ticino7
6 gior
1990-1999: mille e non più mille?
Riflessioni apocalittiche e poco integrate ricordando un decennio che non era poi così male, dai.
Ticino7
1 sett
Di Novanta ce n'è uno
È opinione comune considerare i Cinquanta e i Sessanta come i migliori decenni del Novecento. Ora, provate a fare mente locale...
Ticino7
1 sett
Menefreghismo e inciviltà sulle rive del Brenno
Metti un tardo pomeriggio a Biasca e la voglia di farsi un bagno rinfrescante sulle rive del fiume. Scansando i rifiuti, naturalmente.
Ticino7
1 sett
Il caldo e la vita (passando dai capelli)
L’estate scorsa pedalavi in bicicletta col vento tra i capelli e tutto quel fiorato che svolazzava. Oggi il tuo riflesso in una vetrina ricorda la bidella delle scuole...
Ticino7
1 sett
Storie di vita. La Regina che mi aprì gli occhi
1992, North Carolina. Io lavoravo per una multinazionale della carne, lei venne a lavorare come ricezionista. Ma un brutto giorno...
Ticino7
1 sett
Il nostro razzismo. Chi ha paura dell'uomo nero?
L'artificioso concetto di razza rimane un segnaposto all’interno di un sistema a forma di piramide fatto di diritti e privilegi politici, economici, giuridici e sociali. Anche in Svizzera.
Ticino7
1 sett
Discriminazioni: un problema di colore
A volte ci si illude che il razzismo possa estinguersi da solo, come certi personaggi malmostosi con le loro pantofole sfondate. E invece.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile