laRegione
emanuele-santoro-finche-c-e-vita-c-e-teatro
© Ti-Press / Samuel Golay
Ticino7
28.06.20 - 09:000

Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro

Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Eccoci davanti a un caffè in Piazza Riforma col fondatore del Teatro il Cortile. Il suo incontro col mondo della scena avviene? Per caso... “Una sera, nel novembre del 1984, andai a sbirciare le prove di una compagnia teatrale di giovani, all’oratorio di Tenero. L’attore principale bisticciò con gli altri e se ne andò, a un mese dal debutto. Accendendo le luci di sala mi videro e mi proposero di sostituirlo. Dopo un mese ero in scena. Sempre con loro, dopo qualche anno, iniziai a esplorare la regia”. Era iniziato per lui il cammino di una vita.

Fame di conoscenza

“A vent’anni ero curiosissimo e onnivoro. Leggevo, studiavo e andavo a vedere spettacoli dappertutto”. Poi arrivò l’ingresso nel circuito professionale e l’inizio dell’attività rivolta ai ragazzi, i microattori. “Anno dopo anno cresceva il bisogno di conoscermi e sempre più prepotente si manifestava il bisogno di trovare la mia strada. Un lungo apprendistato che mi ha visto, per anni, allievo di me stesso”. A distanza di trentasei anni e circa ottanta spettacoli, la ricerca della personalità teatrale continua tutt’oggi. Quanto al lavoro con i ragazzi, l’obiettivo per Emanuele Santoro, dal principio, è stato quello di fornire loro l’opportunità di scoprire e potenziare espressività e creatività del singolo individuo attraverso un percorso di gioco-lavoro teatrale. “Resto fermamente convinto che un artista senza spiccata personalità sia un artista incompleto. Non ‘stare per rappresentare’ ma ‘essere per divenire’, diceva Lee Strasberg, sintetizzando bene il ruolo che l’attore dovrebbe avere”.

Teatro libero e indipendente

L’idea di realizzare il Cortile – che oggi chiude per sempre a causa di uno sfratto arrivato sotto quarantena: al suo posto sorgerà una palazzina – nacque dal bisogno di libertà e indipendenza senza compromessi: “Valori, se così possiamo definirli, certamente ereditati da mio padre, in nome dei quali lui, nel corso della sua carriera di bravo sarto per signora, si è concesso il lusso (bontà sua) di rifiutare impieghi di tutto rispetto, come dalle Sorelle Fontana a Roma a fine anni Cinquanta e da Armani a Milano negli anni Ottanta, per dirne due, solo perché non amava vivere nelle grandi città, e perché preferiva lavorare da solo, nel suo atelier”. Dal padre eredita anche la risorsa della resistenza e qualcos’altro di più profondo e difficile da spiegare che però influisce sul suo lavoro… “Non so esattamente cosa sia, ma di certo è legato alla mia terra d’origine, il Salento. Crocevia di culture di cui conserva testimonianze architettoniche moresche e tradizioni linguistiche di matrice greca (il ‘griko’ viene tramandato ancora oggi nei nove comuni che compongono la Grecia salentina), caleidoscopio di colori, profumi e sapori che rapiscono i sensi, scrigno del barocco, con i suoi edifici, chiese e piazze belli da togliere il fiato, e custode di fenomeni culturali unici e affascinanti. Il tarantismo tra tutti, da cui i contagiosi ritmi sonori della taranta, o ‘pizzica salentina’”. Delle radici forti, impossibili da imbrigliare e definire con le parole, che influenzano il lavoro dell’artista in modo tangibile.

Uno, nessuno e centomila

Il tempo scorre, l’età avanza (quest’anno E.S. compirà cinquant’anni) e la storia si fa risentire sotto forma di sensazioni intense che si sovrappongono, a volte divergono… “Sensazioni e riflessioni da cui ho voglia di lasciarmi attraversare e condizionare, anche in fase di progettazione, creazione e interpretazione; il mio vissuto è li, e se qualcosa di interessante oggi ho da dire è solo in funzione di una visione dell’uomo che ho maturato nel tempo, e che mi ha fatto cambiare più volte prospettiva”. Un’indagine sempre presente e che nell’ultimo spettacolo, che ha debuttato appena prima della chiusura dei teatri per la pandemia, ha trovato nelle parole di Pirandello l’opportunità di avanzare. Uno, nessuno e centomila è un invito all’introspezione che dal palco raggiunge lo spettatore: “Qual è la nostra sostanza? Cosa siamo, per noi e per gli altri? L’immagine che ho di me coincide con quella che gli altri hanno di me? Ci conosciamo davvero? Possiamo conoscere soltanto quello a cui riusciamo a dar forma. Ma che conoscenza può essere? Eppure, non c’è altra realtà se non nella forma che diamo a noi stessi, agli altri, alle cose”. Tematiche forti ma anche semplici, chiare, dirette e universali. “Il senso del mio lavoro risiede proprio nell’opportunità che ho di stimolare una riflessione che, forse con presunzione, credo possa essere utile a tutti. Oggi non ho più un mio teatro, ma questo è un percorso che continua e che spero trovi sempre spazio per poterlo condividere con
gli spettatori. Qui o là, è lo stesso”.  Il teatro è vita. E finché c’è vita c’è teatro.

 

© Ti-Press / Samuel Golay
Guarda le 2 immagini
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
5 gior
La Ficcanaso, Agassi, un jeans e una canotta
Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti sulle piste da sci
Ticino7
6 gior
Arianna Tulipani e la sacrosanta difesa del ‘body positive’
“L’uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo”. Così diceva Gandhi e personalmente lo declinerei pure al femminile. Lo sa bene Arianna
Ticino7
6 gior
Povertà. La pandemia in Ticino vista dai margini
Con SOS Ticino scopriamo come vive il confinamento e le difficoltà chi si trova escluso dai contesti sociali più favorevoli. Tanti sono donne, uomini e bambini con storie di migrazione.
Ticino7
6 gior
Trump, il boia federale e le carceri strapiene
L’ultima volta accadde in America quando in Europa non era ancora stata inaugurata la torre Eiffel e stava per nascere Adolf Hitler. Gennaio 1889.
Ticino7
6 gior
Il Natale, il virus e la prostituta di Tom Waits
Un bilancio delle feste, tra dubbi esistenziali e una 'cartolina da una battona di Minneapolis'
Ticino7
1 sett
Sandro Matasci. Tra cemento, vigna e pennelli
Dalla diga del Luzzone alla Stazione Fart di Muralto: i ricordi di un ingegnere civile con una grande passione per la pittura e la viticoltura
Ticino7
1 sett
Metti un po' di Fontaines nel tuo smartphone
Passare dall'indimenticato John Peel ai giovani irlandesi Fontaines D.C. il passo è breve, se provi a riscoprire la genialità dei The Fall
Ticino7
1 sett
Le parole (dell’anno) sono importanti
"Resilienza: capacità di fare fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita...". Ok, e la famosa crisi?
Ticino7
1 sett
Noi, nell'epoca del capitalismo della sorveglianza
Li chiamano Big Data, in pratica sono una sterminata raccolta di informazioni, spesso molto personali, dal valore commerciale enorme. Tanta roba insomma...
Ticino7
1 sett
Sulla pandemia ‘è l'ora della verità’ (cin cin)
Il cenone del 31 dicembre loro lo hanno fatto. Un momento di normalità, per ribadire che "non ce la raccontano mica giusta quelli lì".
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile