laRegione
© Free3D
Ticino7
20.06.20 - 08:000

Gente di mondo

Si convinse che in paese cambiare auto era un atto di coraggio un venerdì, mentre faceva benzina al solito distributore...

Pubblichiamo l'editoriale apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Succede raramente, ma quella sera alla stazione di servizio il nervosismo era palpabile: un “furbone” aveva lasciato il suo furgoncino posteggiato proprio davanti all’erogatore numero 3, mentre lui pareva sparito nel nulla. Tempo un minuto e c’è chi aveva già perso la pazienza: con quel mezzo piazzato proprio lì, tornare in strada era impossibile.
E grida una volta e strombazza due volte, alla fine sono partiti epiteti e insulti, oltre a ipotesi poco edificanti sulla sua provenienza geografica e un paio di pugni al cassone. E infine eccolo, con in mano un birrino:
“Tutto ’sto casino per cosa? Ma dovete andare a lavorare!?”, chiede lui con la cadenza tipica della sponda destra della valle. A vederlo comparire col suo solito capellino bianco e blu sono partiti i saluti: e chi non conosce l’Alberto, avrà tinteggiato metà delle cascine sui monti. “Ah, ma allora hai cambiato il Caddy” gli hanno gridato, che a saperlo prima bastava andare dentro e sollecitare (gentilmente) il fantasioso avventore. E tutto si sarebbe chiarito, subito.
La Federica, che del teatrino aveva visto tutto, risalita in macchina provò a immaginare come sarebbero andate le cose se invece dell’Alberto dalla porta fosse comparso il primo venuto, sapete, una di quelle facce mai viste prima nella zona. Poi mise in moto, giù di gas e frizione, e via a casa: per fortuna la sua macchina la conoscono tutti.

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
3 gior
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
3 gior
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
4 gior
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
4 gior
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
4 gior
Turismo che va, turismo che resta
In inverno, a contarle una per una, non arrivi a quaranta anime. Ma da giugno a ottobre le cose cambiano (non in meglio).
Ticino7
1 sett
Disturbi mentali. Ai confini della realtà
André ha dovuto imparare a sopravvivere a un mondo di allucinazioni e deliri. Ma non è l’unico: una persona su cento soffre della stessa malattia.
Ticino7
1 sett
Sulle tracce di Pun Ka-Man
Per tutti, colleghi di polizia compresi, lei è ‘Pops’ e il suo mestiere ha quel nonsoché di cinematografico: veste la tutina bianca e si reca suoi luoghi del crimine...
Ticino7
1 sett
Bologna e le staffette alimentari partigiane
L’aiuto ai ‘tagliati fuori’ della pandemia nell’esperienza di un giovane bellinzonese nel capoluogo emiliano.
Ticino7
1 sett
Woody Allen: a proposito di citazioni
“Se potessi tornare indietro, cosa non farei? Comprare l’affettatutto che ho visto in televisione”.
Ticino7
2 sett
The Murder Capital: delitto bernese
Forse il rock non starà vivendo i suoi anni migliori. Ma se non vi fermate alle solite programmazioni radiofoniche, le sorprese sono dietro l'angolo (da Dublino a Berna).
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile