laRegione
nell-epoca-del-ridicolo
Dal cortometraggio "The Atrocity Exhibition", BBC, 1970-1971
+1
Ticino7
14.02.20 - 06:000
Aggiornamento : 17.02.20 - 14:01

Nell'epoca del ridicolo

Passano gli anni ma i trucchi sono sempre gli stessi. Un po' di nudo, i baci "rubati", la provocazione facile e sterile. Avanti un altro...

Un quarto di secolo prima che Cronenberg mettesse su pellicola il disturbante Crash! di J.G. Ballard (opera letteraria apparsa nel 1973), all’inizio degli anni Settanta lo scrittore britannico collaborò con la BBC per la realizzazione del cortometraggio The Atrocity Exhibition, già titolo di un suo romanzo del 1970. Il film indaga le perversioni feticistiche legate al mondo delle automobili e degli incidenti stradali. Da freddi oggetti meccanici a corpi eroticizzati, le macchine diventano manufatti sovrapponibili alle forme femminili, reali e immaginate. L’opera venne trasmessa in TV nel febbraio del 1971 e ancora oggi la sua visione – priva di volgarità e inutili esposizioni – non lascia indifferenti, supportata dalla fredda voce di Ballard e giocata sugli sguardi, la rappresentazione della società urbanizzata, il voyeurismo e le ossessioni della modernità.

In questi nostri anni di pornografia accessibile a qualsiasi età e di ridicoli scandali, baci sulla bocca telecomandati e amicizie infrante da prima serata buone per gli ascolti (e la pubblicità; vedi il recente Sanremo, per dire), il cortometraggio della BBC è un esempio fra tanti di quanta libertà d’espressione e possibilità di dibattito sono andate perdute negli ultimi decenni. Dalla provocazione quale strumento di riflessione, siamo stati definitivamente traghettati nel mercato del «tanto al chilo»: tutto più o meno vero, tutto più o meno spettacolare, tutto così ‘facile’ e scontato. Guardi e pensi: dov’è finita la nostra credibilità? E se provassimo a inventarci qualcosa di nuovo?

 

La copertina originale del romanzo di J.G. Ballard, 1970
Guarda le 3 immagini
TOP NEWS Ticino7
Ticino7
1 gior
Sofia Santori e una storia d'amore #atypical
Mamma di due meravigliose bambine, ci parla dell'autismo di sua figlia, della pagina #chihapauradellospettro e di molto altro
Ticino7
1 gior
Ringiovanire, un'ossessione molto redditizia
Sulle rughe aveva ragione Anna Magnani, quando al suo truccatore diceva: “Non me ne togliere nemmeno una, ci ho messo una vita a farmele!”
Ticino7
1 gior
Traslocare: una cosa terribile che per fortuna rifarò
Dal montaggio degli scatoloni alla luce in fondo al tunnel, diario psicotico e musicale di un'esperienza dalla quale siamo passati quasi tutti
Ticino7
1 gior
La Ficcanaso e il Kindle (un po' come la scarpa comoda)
Perché il dubbio, quello che ho da tempo e che mi tormenta soprattutto quando vorrei tanto fare un’orecchia alla pagina...
Ticino7
1 gior
Maledetta mezz'età (una festa in valle)
A un certo punto nella vita si è troppo vecchi per stare coi giovani, ma troppo giovani per andare a letto presto.
Ticino7
1 sett
Fuerteventura o il vento che spettina i pensieri
“Se non ci fossero gli alisei qui saremmo fritti e a farla da padrone sarebbe Calima e ci farebbe rosolare come in un forno".
Ticino7
1 sett
Lugano, ritorno a SlowLake
Dagli appunti del Covid-19 ecco una Zurigo viva a metà, l’ex Bronx alla Foce di Lugano e l’improvvisazione.
Ticino7
1 sett
Quattro pugni (di vita) con Americo Fernandes
Nato a Capo Verde, sul ring ci arriva all’età di 18 anni e nel 1985 si trasferisce in Ticino. Volete incontrarlo? Aprite la porta del Boxe Club Locarno.
Ticino7
1 sett
1990-1999: mille e non più mille?
Riflessioni apocalittiche e poco integrate ricordando un decennio che non era poi così male, dai.
Ticino7
1 sett
Di Novanta ce n'è uno
È opinione comune considerare i Cinquanta e i Sessanta come i migliori decenni del Novecento. Ora, provate a fare mente locale...
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile