laRegione
Ticino7
18.10.19 - 07:000
Aggiornamento : 21.10.19 - 11:39

Qualche errore non guasta

Scrivere è un atto umano, per questo i piccoli refusi vanno sempre perdonati, dai.

Di tanto in tanto mi riprometto di disattivare quel maledetto correttore di testo che supervisiona i messaggi di posta elettronica. Il più delle volte mi aiuta parecchio quando le mie manone battono anarchicamente sulla tastiera, ignorando qualsivoglia impostazione dattilografica delle dita: tu scrivi una parola priva di senso e il correttore con solerzia te la corregge, provando a indovinare da che parte sta procedendo il tuo cervello. Ogni tanto c’azzecca. Qualche volta, invece, nella fretta non controlli quelle quattro righe e parte quel che parte.
Mi consigliava un esperto collega qualche anno fa: «Mai rileggere quello che si è pubblicato. Indietro non si torna. Meglio guardare avanti...». Parlava della carta stampata, lui che di libri, manuali scolastici, note di copertina e periodici ne aveva visti passare parecchi sotto i suoi occhi. Oggi, nel web, pubblichi appena puoi e meglio che puoi; quando sei «fuori» con la notizia (come dicono quelli veri) con calma darai un’occhiata e sistemerai quelle «i» diventate «u» e le «d» trasformatisi in misteriose «s».
La nostra storia di copertina firmata dalla sempre originale Mariella Dal Farra affronta proprio questo tema, in verità andando ben oltre i comuni refusi legati (anche) alla fretta. Segnata da preoccupante disgrafia e dall’impossibilità di scrivere due righe in modo leggibile (ma bravissima coi touch screen), forse la nostra società sarà ricordata per una sorprendente capacità di comunicare con lessico e sintassi da premio letterario. Tutti bravi, ma tutti uguali? No dai, non facciamoci ricordare come «i meglio»...

TOP NEWS Ticino7
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile