laRegione
come-mantenere-la-pace-in-famiglia
Publiredazionale
29.09.21 - 00:000

Come mantenere la pace in famiglia

.

 

Il timore di creare tensioni o conflitti in famiglia – e di doverci poi convivere – è spesso una delle ragioni per cui si tende a procrastinare la regolamentazione dell’eredità. Un timore che una pianificazione previdenziale e patrimoniale fatta in tempo utile, con gli esperti giusti e una discussione aperta nella cerchia familiare, può aiutare ad attenuare come dimostra l’esempio della famiglia Rossi*.

Sandra, la madre (69): È bello vedervi tutti qui. Vostro padre e io tenevamo molto a questo incontro poiché vorremmo parlarvi di un tema importante, che solleva alcune questioni delicate: la nostra eredità.

Angelo, il padre (71): Abbiamo rimandato la cosa per un po’. Del resto, quando ci si sente in forma e si è attivi non ci si sofferma molto a pensare alla propria dipartita. Oggi però è arrivato il momento e vogliamo discutere con voi delle nostre idee sulla nostra successione e sentire la vostra opinione. Ci siamo convinti a fare questo passo grazie a un colloquio che abbiamo avuto di recente in banca con la nostra consulente.

Laura, la figlia (38): Ma non sono semplicemente fatti vostri? Dani e io siamo pronti ad accettare qualsiasi decisione.

Sandra (madre): Per quanto riguarda la nostra pensione sono, come dici, fatti nostri. Ecco perché abbiamo analizzato a fondo la questione delle nostre entrate e del nostro fabbisogno finanziario dopo il pensionamento e, come parte della soluzione, abbiamo investito il patrimonio seguendo tre “strategie”: la prima, per coprire le spese correnti, la seconda, per finanziare la nostra pensione e la terza, per capire quanto potremo destinarvi attraverso il passaggio ereditario.

Angelo (padre): Pianificare ci ha permesso di farci un’idea più precisa di quanto vi spetterà. Il prossimo passo sarà regolare tutto anche dal punto di vista legale.

Daniele, il figlio (41): “Dal punto di vista legale”? Ma io e Laura andiamo d’accordo e ci intendiamo bene...

Sandra (madre): Hai ragione, ed è una gran fortuna! Non di rado, però, nella nostra cerchia di amici e conoscenti abbiamo visto nascere tensioni o litigi, se uno dei figli si sente trattato ingiustamente o se la massa ereditaria comprende degli immobili. E noi non vogliamo che ciò succeda alla nostra famiglia.

Angelo (padre): Di per sé, la ripartizione dell’eredità è regolamentata dal diritto successorio. Tuttavia, noi preferiremmo pianificarla con voi e utilizzare il margine di manovra offerto dalla legge per realizzare in modo ottimale i vostri e i nostri desideri.

Sandra (madre): Nel nostro caso la cosa è un po’ più complicata dal fatto che, oltre a questa casa, possediamo anche l’appartamento in montagna. Inoltre, abbiamo già dato a Laura un grosso importo come anticipo ereditario quando lei e suo marito Roger hanno avuto i bambini e hanno costruito la loro casa. Infine ci terremmo molto a prevedere una donazione a due organizzazioni di beneficenza.

Daniele (figlio): Sono contento che si parli della casa. Finora non ho mai trovato il momento o le parole giuste, per cui oggi sarò diretto: quando arriverà il momento, a me e a Corinna piacerebbe riprenderla. Sono affezionato a queste vecchie mura, è il luogo in cui sono cresciuto, anche se una bella ristrutturazione non farebbe male (ride).

Laura (figlia): Ma poi cosa faranno mamma e papà? Se uno di loro morisse, tu manderesti via l’altro?

Daniele (figlio): No, ovviamente no. Ma tu hai già una casa e a me fa piacere iniziare a discutere di questo argomento…

Sandra (madre): Piano, ragazzi! Angelo e io siamo d’accordo che ci resteremo quanto vogliamo, anche da vedovi. Ci sono diverse possibilità per garantirlo.

Angelo (padre): A proposito, non sapremmo tutto questo se non ci fossimo informati in banca con la nostra consulente e l’aiuto di un wealth planner. Ci hanno anche raccomandato di redigere un mandato precauzionale, nel caso in cui un giorno dovessimo perdere la capacità di discernimento. Ragazzi, non è mai troppo presto per un buon consiglio!

Sandra (madre): Quello che per noi conta di più e che vi sentiate trattati in modo equo e giusto. Quando non ci saremo più riceverete la metà del patrimonio complessivo, meno i due lasciti. Naturalmente, non sappiamo ancora esattamente a quanto ammonterà.

Angelo (padre): Se siete entrambi d’accordo, Dani riceverà la casa, che andrà valutata. Metà del suo valore spetterà a te, Laura, a cui però va sottratto l’importo dell’anticipo ereditario.

Sandra (madre): Dani ti compenserà la differenza. La sua quota del nostro patrimonio liquido e in titoli dovrebbe bastare per farlo senza problemi.

Laura (figlia): Mi sembra una decisione equa. E con l’appartamento di vacanza come ci regoliamo?

Angelo (padre): Potete scegliere di ereditarlo e usarlo insieme, oppure può andare a uno solo di voi, e in tal caso l’altro riceverà una quota maggiore di patrimonio liquido.

Daniele (figlio): Beh, una casa di vacanza in comune mi sembra un’ottima idea. Se poi un giorno io o Laura volessimo rinunciarvi, potremmo venderci a vicenda la nostra quota di proprietà.

Sandra (madre): Esatto. Un altro punto che ci sta molto a cuore è che nel lungo termine questa casa resti in famiglia. Visto che Dani non ha figli, vorremmo che dopo di lui la casa passi a Laura o ai suoi figli.

Daniele (figlio): Sì, ha senso. Però vorrei trovare una soluzione equa anche per Corinna. Dopotutto è la mia compagna da molti anni e forse mi sopravviverà e si sa che le donne vivono più a lungo…

Sandra (madre): Giusto. Dato che non siete sposati, l’intera eredità passerebbe automaticamente a tua sorella, o a noi.

Laura (figlia): Aspetta, i genitori che ereditano dai propri figli? È possibile?

Sandra (madre): Sì, il wealth planner ci ha spiegato che fino alla fine del 2022 abbiamo persino diritto a una porzione legittima. Anche con un testamento, noi genitori non potremmo venire esclusi da una quota obbligatoria dell’eredità. A partire dal 2023, tuttavia, il diritto dei genitori a una quota obbligatoria sarà abolito, come già avviene oggi per i fratelli. Chi non è sposato e non ha figli potrà quindi disporre liberamente di una parte più ampia del suo patrimonio.

Daniele (figlio): Wow, non lo sapevo!

Sandra (madre): Per questo devi assolutamente redigere un testamento, in cui garantisci la posizione di Corinna, indicando che avrà diritto a restare nella casa anche se decidessi di lasciarla in eredità a Laura o ai nostri nipoti, in linea con i nostri desideri. La cosa migliore da farsi è che tu ne discuta con Corinna e il vostro wealth planner in banca. Così Corinna saprebbe anche a quali tasse di successione andrebbe incontro in quanto partner convivente. Comunque, Dani, visti gli aspetti un po’ più complessi del rapporto di concubinato, ti raccomandiamo di pianificare bene e per tempo sia la previdenza che le finanze.

Daniele (figlio): Grazie mille! Sì, prossimamente lo faremo di sicuro.

Angelo (padre): Ottimo! Allora la mamma e io potremmo redigere un testamento ciascuno in cui mettiamo su carta quanto deciso oggi insieme. Ma potremmo anche fissare il tutto in un contratto successorio, da firmare tutti insieme e che verrà autenticato pubblicamente. Si tratterebbe di una soluzione assolutamente vincolante, perché eventuali modifiche successive sono possibili solo all’unanimità.

Laura (figlia): Penso che una regolamentazione vincolante vada bene. E se in futuro volessimo cambiare qualcosa, torneremo a parlarne tutti insieme. Grazie di aver discusso tutto con noi!

Daniele (figlio): Anche io preferisco il contratto successorio, così tutto è regolato in maniera chiara.

Sandra (madre): La nostra consulente ci ha consigliato di tornare a parlarne tutti e quattro con lei per esaminare nel dettaglio le diverse possibilità.

Laura (figlia): Mi sembra ragionevole. E già che ci siamo, io regolo anche la mia situazione previdenziale e successoria come donna coniugata con due figli. Domani prendo un appuntamento!

Daniele (figlio): Una consulenza farebbe comodo anche a me, specie in relazione al concubinato. Chissà, alla fine potremmo anche considerare l’idea di sposarci...

* Nomi modificati

Preservare i valori della famiglia

Vale la pena occuparsi per tempo della pianificazione successoria. Le basi sono una pianificazione finanziaria e patrimoniale a lungo termine nonché la messa in sicurezza di un certo capitale per la vecchiaia. Questi elementi sono le fondamenta per un trasferimento ottimale dei beni patrimoniali e dei valori familiari alla generazione successiva.

Il concetto d’investimento e l’approccio di consulenza Wealth Way nell’ambito del family banking di UBS combinano la vostra situazione attuale con i vostri obiettivi di vita a breve e a lungo termine e vi aiutano a trasmettere non solo il vostro patrimonio, ma anche i vostri valori personali.

Tenendo conto della vostra situazione personale, il colloquio con il consulente UBS vi aiuterà a fare chiarezza su:

• quanto vi occorre per coprire le spese correnti,

• quanto vi serve per finanziare desideri e bisogni a lungo termine, come viaggi, hobby ma anche spese sanitarie impreviste,

• come proteggere i beni che vorreste lasciare in eredità ai vostri cari o a terzi, ad esempio a organizzazioni di beneficenza.

Per saperne di più:
ubs.com/pianificazione-successoria

© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile