laRegione
04.05.22 - 07:53
Aggiornamento: 19:34

Lex Netflix, favorevoli in vantaggio, ma situazione incerta

Votazioni federali, secondo l’ultimo sondaggio la maggioranza sarebbe per l’accettazione dei tre temi in votazione. Solo due però in modo chiaro

Ats, a cura de laRegione
lex-netflix-favorevoli-in-vantaggio-ma-situazione-incerta
Keystone
Al voto il 15 maggio

In vista delle votazioni del 15 maggio la situazione è ancora piuttosto aperta per la cosiddetta Lex Netflix, con il 52% di ‘sì’, il 45% di ‘no’ e il 3% di indecisi. Confortevole invece il vantaggio dei favorevoli alla legge sui trapianti e Frontex.

Secondo il terzo sondaggio Tamedia, per quel che riguarda la legge sul cinema c’è stato un lieve aumento dei ‘sì’, che però rientra nel quadro delle incertezze statistiche. Opposizioni si registrano in particolare fra i simpatizzanti di Udc e Plr, mentre il testo continua a essere amato in Ticino e Romandia, così come nelle città e fra la popolazione più anziana.

I favorevoli evocano in particolare il fatto che a oggi gli incassi dei grandi servizi streaming finiscono all’estero. Una parte di questo denaro dovrebbe invece essere investita in Svizzera. Gli oppositori sottolineano dal canto loro che già ora il cinema svizzero viene sostenuto con circa 105 milioni di franchi e che non serve una nuova tassa nascosta per la cultura.

Legge sui trapianti, consensi stabili

Rispetto ai primi due sondaggi risulta stabile l’approvazione della Legge sui trapianti: i ‘sì’ sono attualmente al 61%, contro il 37% di ‘no’. L’accettazione arriva un po’ da ogni ambito, con l’eccezione dei simpatizzanti dell’Udc. Piuttosto numerosi risultano in particolare i favorevoli in Romandia, così come nelle città e fra i giovani.

Secondo i sostenitori, si tratta di un’opportunità per i malati bisognosi di un trapianto, che avrebbero maggiori possibilità di ottenere un organo adatto. Dall’altro lato della barricata, la proposta viene invece vista come contraria all’etica e alla Costituzione.

Frontex verso un ‘sì’ scontato

Ancora più chiara sembra essere la situazione per l’approvazione di una maggiore partecipazione della Svizzera a Frontex: i ‘sì’ vengono dati al 64% e i ‘no’ al 31%. Anche in questo caso i dati sono stabili rispetto all’ultima rilevazione. Il testo è sostenuto in maniera meno convinta da donne e giovani. Solo i simpatizzanti dei Verdi sono contrari alla proposta.

I favorevoli sono convinti che una maggiore protezione delle frontiere esterne dell’Unione europea (Ue) sia nell’interesse della Svizzera, poiché garantirebbe maggiore libertà e sicurezza per il Paese. Gli oppositori sono invece dell’idea che una minore partecipazione sarebbe un segnale per convincere l’Ue a spostare i fondi da paura e violenza verso solidarietà e diritti umani.

Il sondaggio è stato effettuato su 10’069 persone fra il 27 e il 29 aprile. Il margine di errore statistico si attesta a +/- 1,6 punti percentuali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
15 ore
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
16 ore
Tentata rapina a mano armata a Crans Montana
Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
Svizzera
17 ore
Cresce il numero di persone con livello d’istruzione terziario
Tra i 25-34enni nell’arco di vent’anni la quota è raddoppiata: nel 2021 uno su due aveva conseguito un diploma corrispondente
Svizzera
19 ore
All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata
In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
19 ore
Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco
Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
Svizzera
20 ore
Svizzera ‘razzista sistemica’, ma Berna respinge le accuse
Per l’ambasciatore elvetico alle Nazioni Unite le considerazioni del Gruppo sono in parte basate su ‘supposizioni’ e ‘malintesi’
Svizzera
1 gior
Malgrado le ombre, le prospettive per l’industria non peggiorano
Il comportamento del parametro rappresenta una sorpresa: gli analisti si aspettavano infatti una contrazione a valori compresi fra 54 e 55,6 punti
Svizzera
1 gior
Suicidi quasi dimezzati negli ultimi quarant’anni
La diminuzione è soprattutto evidente tra gli uomini. Il Ticino ha presentato i tassi di suicidio inferiori per tutto l’ultimo decennio
Svizzera
1 gior
Lieve ma significativo rallentamento dell’inflazione
Si tratta del primo calo dopo venti mesi consecutivi con numeri in crescita o stabili. In settembre il rincaro annuo si è attestato al 3,3%
Svizzera
1 gior
Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale
Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
© Regiopress, All rights reserved