laRegione
04.12.22 - 17:59
Aggiornamento: 20:08

È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri

Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani

Ats, a cura di Red.Web
e-zurigo-l-el-dorado-dei-cittadini-stranieri
Keystone
In riva alla Limmat per una nuova vita

Zurigo rimane un magnete per gli stranieri. Nel 2022 la maggiore città elvetica registrerà probabilmente un record di immigrazione. E fra le novità vi è un ritorno in forze degli italiani, riferisce oggi la Nzz am Sonntag.

Si stima che quest’anno 30’000 persone con passaporto estero si trasferiscano nella città sulla Limmat, un numero superiore al primato precedente risalente al 2007, quando gli arrivi furono 28’500. Coloro che lasceranno il comune dovrebbe per contro rimanere più o meno stabili a un livello di 22’000, come è stato il caso negli ultimi anni.

I dati più recenti mostrano un cambiamento nei Paesi di provenienza dei nuovi abitanti. Ad esempio aumentano le persone con passaporto della vicina penisola: nei primi tre trimestri del 2022 sono arrivati 2’233 italiani, il 20% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tra i nuovi venuti di nazionalità straniera al primo posto rimangono però i tedeschi, che pure segnano un incremento (+6%), davanti a ucraini e italiani. E in progressione è anche il numero di immigrati provenienti da Spagna (+17%), Francia (+18%) e Polonia (+28%).

Tre quarti di tutti i nuovi arrivati hanno meno di 40 anni; la maggior parte di loro è altamente qualificata e ha una laurea o una formazione professionale superiore. Il 12% dei nuovi residenti in città ha inoltre dichiarato di utilizzare principalmente l’inglese come lingua quotidiana: vent’anni or sono la quota era solo del 2%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
Svizzera
1 ora
Maggioranza favorevole a riesportazione armi in Ucraina
Secondo un sondaggio il 55% della popolazione ritiene che Paesi terzi dovrebbero essere in grado di fornire all’Ucraina armi di produzione elvetica
Svizzera
2 ore
Tamedia fa ammenda su accuse di mobbing e sessismo
Un’ex redattrice del settimanale ‘Das Magazin’ accusa l’ex responsabile della pubblicazione rimproverando al gruppo un atteggiamento attendista
Svizzera
6 ore
Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino
Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
7 ore
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
1 gior
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
1 gior
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
1 gior
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
1 gior
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 gior
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
© Regiopress, All rights reserved