laRegione
02.12.22 - 16:59
Aggiornamento: 20:59

Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe

Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale

Ats, a cura di Red.Web
gestione-sostenibile-delle-imprese-stabilite-le-prossime-tappe
Depositphotos

Occorre anche in futuro una legislazione coordinata su scala internazionale in materia di gestione sostenibile delle imprese per proteggere l’essere umano e l’ambiente. Ne è convinto il Consiglio federale, che oggi ha approvato un rapporto in tal senso.

Nel documento vengono illustrate le differenze tra il diritto svizzero e le normative adottate e previste dall’Unione europea e si procede a una prima valutazione delle ripercussioni che le decisioni dell’Ue potrebbero avere sull’economia elvetica. Sulla base di queste indicazioni, l’esecutivo ha stabilito le prossime tappe in questo ambito, si legge in una nota odierna.

L’iniziativa popolare "Per imprese responsabili - a tutela dell’essere umano e dell’ambiente", ricorda il governo, è stata respinta alle urne il 29 novembre 2020. Il primo gennaio 2022 sono quindi entrate in vigore le nuove disposizioni del Codice delle obbligazioni in materia di gestione sostenibile delle aziende, formulate nel controprogetto indiretto del parlamento.

Da un lato, le grandi imprese svizzere sono obbligate per legge, in un’ottica di trasparenza, a redigere una relazione sui rischi della loro attività in rapporto all’ambiente, agli aspetti sociali, alle condizioni dei lavoratori, ai diritti umani e alla lotta contro la corruzione, nonché sulle misure adottate per fronteggiare tali rischi; dall’altro, le aziende esposte a rischi nei settori sensibili del lavoro minorile e dei cosiddetti minerali originari di zone di conflitto devono rispettare specifici obblighi di diligenza. Con questa normativa, la Svizzera ha optato per una legislazione coordinata a livello internazionale, precisa l’esecutivo.

Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito questo approccio e la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione dell’ambiente. Il dibattito si è svolto sulla scia degli sviluppi nell’Ue: da una parte, Bruxelles ha rivisto la direttiva relativa alla comunicazione societaria sulla sostenibilità; dall’altra, dal febbraio 2022 è in discussione una proposta della Commissione europea per una nuova direttiva sugli obblighi di diligenza, ma la decisione dell’Ue non è prevista prima del prossimo anno.

Una nuova normativa nell’Ue

Per quanto riguarda la comunicazione societaria sulla sostenibilità, l’Unione europea, a differenza della normativa vigente in Svizzera, richiede ora a tutte le imprese con più di 250 dipendenti di riferire sui rischi delle loro attività commerciali in materia di ambiente, diritti umani e lotta alla corruzione, nonché sulle misure adottate per fronteggiare tali rischi. Inoltre, è prevista la verifica delle relazioni da parte di un servizio di revisione esterno.

Poiché circa il 60% delle esportazioni elvetiche è destinato all’Ue, l’economia svizzera sarà fortemente colpita da questa direttiva comunitaria. Il Consiglio federale ritiene pertanto necessario adeguare la normativa e ha deciso di elaborare entro luglio 2024 un progetto da porre in consultazione, esaminando le ripercussioni per l’economia.

Obblighi di diligenza: Ue non ha ancora deciso

Al momento non è ancora possibile prevedere quale forma assumerà la direttiva dell’Ue sugli obblighi di diligenza e quale discrezionalità verrà lasciata agli Stati membri nella sua attuazione nel diritto nazionale. Pertanto, non è ancora possibile stimare in modo affidabile le possibili conseguenze di una futura normativa europea per le imprese svizzere e per la piazza economica elvetica.

Tuttavia, la proposta della Commissione europea all’attenzione del parlamento e del Consiglio dei ministri dell’Ue prevede specificamente un regolamento per i Paesi terzi. Di conseguenza, anche le imprese svizzere dovrebbero conformarsi alla normativa europea, se operano nell’Ue. Per garantire che le aziende elvetiche non siano svantaggiate in termini di competitività, il Consiglio federale intende analizzare in modo approfondito le ripercussioni interne della futura direttiva dell’Ue entro la fine del 2023, conclude la nota.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 min
Credit Suisse chiude in rosso: perdita di 7,3 miliardi
Un 2022 da dimenticare per la grande banca svizzera
Svizzera
11 ore
I pirati (informatici) salgono sui convogli delle Ffs
L’ex regia federale è finita nel mirino degli hacker. Ma la compagnia assicura: ‘Operazioni ferroviarie e dati dei clienti non sono stati toccati’
Svizzera
12 ore
Tracce di listeria in due tipi di formaggio
Sono stati rinvenuti in diversi lotti del francese Gaperon d’Auvergne e della Tomette des Alpes
Svizzera
14 ore
Bonus milionari se la ristrutturazione andrà in porto
Li avrebbe promessi ai suoi 500 manager Credit Suisse. Che domani annuncerà i risultati del quarto trimestre e dell’intero anno
Svizzera
15 ore
Meteonews avverte: fazzoletti a portata di mano
Brutte notizie per gli allergici: il rialzo delle temperature previsto nei prossimi giorni porterà un’aumento dei pollini nell’aria
Svizzera
15 ore
‘A Iskenderun ci davano poche speranze, e invece...’
Il fiuto dei cani svizzeri per ritrovare i superstiti sotto le macerie del terremoto in Turchia. Al lavoro due squadre alternate sull’arco di 24 ore
Svizzera
18 ore
Il carnevale non è divertente per i cani
Gli animali sono esposti a troppo stress, soprattutto a livello uditivo: guggen e petardi non fanno bene agli amici a quattro zampe
Svizzera
20 ore
A Lucerna Migros ti porta la spesa a casa col furgone autonomo
A beneficiare della novità, ancora in fase di sperimentazione, sono i dipendenti di Schindler, colosso industriale degli ascensori e delle scale mobili
Svizzera
1 gior
Anche gli svizzeri a rischio di inondazioni
I mutamenti climatici aggravano il problema di chi abita all’interno delle vie di sfogo delle acque in caso di tracimazione. A rischio 700mila persone
Svizzera
1 gior
Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’
Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
© Regiopress, All rights reserved