laRegione
16.11.22 - 11:40
Aggiornamento: 17:27

Successione Sommaruga, ‘errori da dilettanti’

L’ex segretario centrale del Ps Rudolf Strahm torna sulla gestione della comunicazione interna e sulla questione del ticket tutto femminile

Ats, a cura di Red.Web
successione-sommaruga-errori-da-dilettanti
Keystone
Rudolf Strahm

La leadership del Ps ha commesso un errore di comunicazione da principianti affermando di volere un ticket tutto al femminile per la sostituzione in Consiglio federale di Simonetta Sommaruga. A dirlo, in un’intervista alla ‘Neue Zürcher Zeitung’ in edicola oggi, è l’ex segretario centrale del Partito socialista Rudolf Strahm, secondo cui lo stesso risultato si sarebbe potuto ottenere in modo più elegante.

Stando al bernese, consigliere nazionale fra il 1991 e il 2004, se la direzione del Ps si fosse limitata a comunicare alle sezioni cantonali la scadenza per la registrazione dei candidati, aggiungendo solamente che si trattava di rimpiazzare una donna, non sarebbe sorto alcun problema.

L’‘ordine’ venuto dall’alto non è in effetti stato gradito da tutti, in particolare dal consigliere agli Stati zurighese Daniel Jositsch, che ha dichiarato di sentirsi ‘discriminato’ dalla volontà del partito di considerare solo donne per il dopo Sommaruga. In barba alle indicazioni dei vertici, il ‘senatore’ ha quindi deciso di lanciarsi nella corsa a un posto nell’esecutivo.

In generale, Strahm, che in passato ha pure occupato la carica di ‘Mister Prezzi’, ritiene che il suo partito sia troppo unilaterale e monocorde sulla questione del genere, un approccio che in molti fra la popolazione non comprendono. Il divario fra l’élite accademica e i lavoratori sta crescendo, aggiunge, il che comporta gravi conseguenze.

Strahm pensa inoltre che ci sia il rischio di allontanare la politica dalla gente. Dato che tanti cittadini si sentono disconnessi e sono diffidenti nei confronti dello Stato, nel Consiglio federale dovrebbero poter entrare anche persone non laureate, a patto che siano politici dotati di intelligenza pratica e buonsenso, propone l’ex membro di spicco del Ps dalle colonne del giornale svizzerotedesco. Così facendo, spiega il 79enne, si potrebbe rappresentare nel governo anche la fascia di popolazione che non ha intrapreso studi universitari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino
Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
4 ore
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
21 ore
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
21 ore
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
1 gior
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
1 gior
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 gior
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
1 gior
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
1 gior
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
© Regiopress, All rights reserved