laRegione
13.11.22 - 11:25
Aggiornamento: 14.11.22 - 09:09

Qatar, un Mondiale che imbarazza anche gli sponsor

Migros, Coop e Credit Suisse, dopo tutte le polemiche, preferiscono mantenere un profilo basso per non rovinare la propria immagine

Ats, a cura di Red.Web
qatar-un-mondiale-che-imbarazza-anche-gli-sponsor
Keystone

A pochi giorni dall’inizio dei Mondiali di calcio nel Qatar, le grandi aziende abituate a sponsorizzare queste manifestazioni di richiamo preferiscono mantenere un profilo basso.

Troppo elevato infatti il rischio di danni alla reputazione a causa delle polemiche sorte attorno a questo evento, stando alla "SonntagsZeitung" in edicola oggi.

Migros e Coop, spiega il settimanale svizzero-tedesco, hanno investito cifre modeste rispetto al passato per il marketing destinato alla Coppa del mondo: la prudenza è d’obbligo a causa delle discussioni controverse sorte attorno alla kermesse (vedi per esempio le migliaia di decessi sui cantieri e lo scarso rispetto dei diritti umani, ndr).

Anche il Credit Suisse, da trent’anni sponsor principale della Nazionale svizzera di calcio, non intende avviare una campagna di promozione a favore della Coppa del mondo. Nel corso degli ultimi Mondiali di calcio, la banca ha finanziato per esempio spot pubblicitari – sia alla televisione che sui sociali – prima di ogni partita della Nazionale, coinvolgendo anche star del pallone come Xherdan Shaqiri e Granit Xhaka.

Stando al domenicale zurighese, i Mondiali di calcio nel Qatar rappresentano un rischio d’immagine per aziende come il Credit Suisse o Coca-Cola che intendono dare di sé un’immagine progressista circa la protezione del clima, i diritti degli omosessuali o delle donne.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
6 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
8 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
11 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
13 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved