laRegione
07.11.22 - 16:46

Appello urgente: ‘Non seghiamo il ramo sul quale siamo seduti’

Lo sottoscrivono 86 scienziati svizzeri per ricordare che la crisi climatica e il declino della biodiversità non devono essere in conflitto

di Red.Web
appello-urgente-non-seghiamo-il-ramo-sul-quale-siamo-seduti
Ti-Press
Siccità

Con l’avvio della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2022 (Cop27), 86 scienziati svizzeri di 23 istituzioni diverse hanno deciso di sottoscrivere un appello urgente "per ricordare che se la crisi climatica e il declino della biodiversità sono davvero le due grandi crisi del nostro tempo, è imperativo che non siano in conflitto tra di loro".

Basandosi su fatti scientifici ben documentati, gli esperti e ricercatori sostengono che "la transizione può e deve avvenire senza intaccare ulteriormente gli ecosistemi e la biodiversità". Fra i firmatari esponenti del mondo universitario, della ricerca, di istituti e associazioni pubblici e privati legati all’ecologia, al mondo animale e museale.

"Se la regolazione del clima è uno dei servizi più importanti forniti dai nostri ecosistemi – si legge nell’appello –, il loro corretto funzionamento dipende dalla loro integrità, di cui la diversità biologica è il principale garante. Pertanto, gli ecosistemi intatti o ripristinati, più ricchi di specie e di interazioni ecologiche, consentono di mitigare meglio gli effetti del cambiamento climatico".

Ed è vista con favore "la volontà di produrre più energia rinnovabile indigena. L’obiettivo è quello di liberarci dalla dipendenza dai combustibili fossili importati. Tuttavia, questa transizione energetica non deve essere realizzata sacrificando i nostri ultimi ambienti naturali e la nostra biodiversità minacciata. Ciò equivarrebbe a segare il ramo su cui siamo seduti, riducendo notevolmente la nostra capacità di adattamento al cambiamento climatico".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
8 ore
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
9 ore
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
11 ore
Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola
Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
12 ore
Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci
Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
12 ore
Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice
Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
13 ore
Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo
Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
Svizzera
13 ore
Sostegno pubblico degli ospedali nel mirino
Per la presidente dell’associazione H+ Regine Sauter, i nosocomi devono essere indipendenti dallo Stato. E propone correttivi
Svizzera
15 ore
Fuoriuscita di idrocarburi nel Rodano da un impianto Syngenta
Subito messe in atto le misure di contenimento. L’azienda rassicura: nessun pericolo per la popolazione o per l’ambiente
Svizzera
17 ore
Swisscom, ecco i bilanci 2022. Anzi no: settimana prossima
Complice un errore, per alcune ore l’azienda pubblica in internet i risultati d’esercizio, non ancora approvati dal Consiglio d’amministrazione
Svizzera
17 ore
Anno record per Tavolino magico: salvate 6’000 t di derrate
Ma l’associazione avverte: ‘C’è ancora molto da fare nella lotta allo spreco alimentare’. Beneficiari in aumento in Ticino
© Regiopress, All rights reserved