laRegione
30.10.22 - 16:56
Aggiornamento: 18:28

Sì all’adesione all’Unione europea a tappe

Al Congresso di due giorni di Basilea, il Partito socialista svizzero vota a larga maggioranza un documento programmatico in tal senso

Ats, a cura di Red.Web
si-all-adesione-all-unione-europea-a-tappe
Keystone
La due-giorni di lavori di Basilea

Il Partito socialista vuole che la Svizzera aderisca all’Unione europea in modo graduale. Il Congresso del partito tenutosi nel weekend a Basilea ha approvato oggi con 293 voti favorevoli, 84 contrari e 20 astensioni un documento programmatico che illustra la tabella di marcia dei socialisti in materia di politica europea.

"Per il Ps è chiaro che un’adesione ben negoziata all’Ue rimane l’opzione migliore", si legge nel documento intitolato "Verso un’Europa sociale e democratica" redatto da una commissione ad hoc istituita dalla presidenza del partito. Il fascicolo ha suscitato diverse ore di dibattiti prima di venir approvato.

Il Ps afferma di "essere consapevole del fatto che l’adesione all’Ue non sia in grado di ottenere una maggioranza in Svizzera a breve termine". Propone quindi un piano in più fasi. Il documento auspica quale primo passo un’associazione.

La Svizzera dovrebbe anche adottare misure per ristabilire la fiducia con Bruxelles, dopo la rottura dei negoziati sull’accordo istituzionale quadro nel maggio dello scorso anno. Il Ps propone che Berna si mostri più solidale in politica migratoria e versi contributi di coesione più sostanziosi. La Confederazione dovrebbe inoltre cercare un accordo sulla fiscalità e impegnarsi a cooperare nella lotta contro l’evasione fiscale.

In una fase successiva, la Svizzera potrebbe cercare un accordo di stabilizzazione, che riprenda i principi sociali dell’Ue. In tale occasione si potrà anche risolvere la partecipazione elvetica ai programmi di ricerca e istruzione europei Orizzonte ed Erasmus.

In seguito occorrerà elaborare una Legge sull’Europa che dovrà avere il sostegno di tutti i partiti a eccezione dell’Udc, indicano ancora i socialisti. Questa potrebbe dare mandato al Consiglio federale di avviare i negoziati con l’Ue. Il passo successivo sarà il deposito di una domanda d’adesione. Il documento approvato oggi non indica una data per raggiungere questo obiettivo.

Durante le discussioni che hanno preceduto l’adozione del documento, alcuni membri, in particolare esponenti della Gioventù socialista, hanno espresso scetticismo. Mirjam Hostetmann (Lu) ha denunciato un "atteggiamento acritico" nei confronti della politica dei rifugiati e della liberalizzazione portata avanti da Bruxelles.

Il consigliere nazionale grigionese Jon Pult ha replicato affermando che non si tratta di aderire all’Ue a scatola chiusa. "Nel documento non neghiamo che ci siano anche svantaggi e sfide", in particolare nei servizi pubblici e nella democrazia diretta, ha precisato.

In precedenza i delegati hanno proceduto alla rielezione dei vertici del Ps. Cédric Wermuth (Ag) e Mattea Meyer (Zh) sono stati confermati alla presidenza. Da parte loro, Jon Pult (Gr), Samuel Bendahan (Vd), Roger Nordmann (Vd), Elisabeth Baume-Schneider (Ju), Jacqueline Badran (Zh), David Roth (Lu) e Nicola Siegrist (Zh) sono stati rieletti vicepresidenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
36 min
Tamedia fa ammenda su accuse di mobbing e sessismo
Un’ex redattrice del settimanale ‘Das Magazin’ accusa l’ex responsabile della pubblicazione rimproverando al gruppo un atteggiamento attendista
Svizzera
4 ore
Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino
Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
5 ore
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
22 ore
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
22 ore
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
1 gior
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
1 gior
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 gior
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
1 gior
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
1 gior
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
© Regiopress, All rights reserved