laRegione
12.10.22 - 15:11

Pagamenti offline con le carte di credito

È uno degli scenari al vaglio delle banche per ovviare a eventuali blackout causati dalla penuria di elettricità

Ats, a cura di Red.Web
pagamenti-offline-con-le-carte-di-credito
Ti-Press
Direttamente e senza passare dalla banca

Usare una carta di pagamento nei negozi senza che questa comunichi con la banca attraverso i terminali e quindi senza un controllo della disponibilità sul conto. È una delle ipotesi a cui stanno lavorando gli istituti di credito, alla luce delle possibili interruzioni di elettricità di diverse ore che potrebbero essere decise in Svizzera questo inverno in caso di penuria energetica.

Stando alla radio romanda Rts le banche si stanno preparando ai possibili blackout ricorrendo a generatori e pianificando una riduzione dell’attività della clientela, che verrebbe limitata a determinate succursali a cui sarebbe assicurato l’approvvigionamento di corrente. Potrebbe però anche essere attivata la funzione offline delle carte di pagamento, per permettere ai clienti di avere accesso al denaro sui conti anche in caso di interruzione del traffico dei dati.

Del tema ha trattato ieri la Fondation Genève place financière (Fgpf), la fondazione che ha come scopo favorire la piazza finanziaria ginevrina e, più un generale, svizzera. "Per certe transazioni – ma per importi limitati, per evitare i rischi di frode – si potrebbe disattivare la funzione online delle carte di pagamento", spiega Edouard Cuendet, direttore di Fgpf, in dichiarazioni diffuse stamani da Rts. "In tal modo il pagamento non sarebbe più verificato dalla banca attraverso uno scambio di dati: avverrebbe direttamente nel negozio in cui viene effettuato, cosa che eviterebbe la necessità di una connessione con la banca per le carte di debito e di credito".

"Per esempio nei caselli autostradali in Francia si può pagare con la carta di credito senza che la transazione sia verificata dalla banca", prosegue l’avvocato e granconsigliere Plr ginevrino. "L’approccio funziona molto bene per i piccoli importi. Si potrebbe ampliare questo sistema ai commerci, ma non a transazioni di grande ampiezza, perché c’è il rischio di malversazioni. Bisogna essere prudenti", conclude il giurista con studi all’università di Berna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
12 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
14 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
15 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
16 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
16 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
17 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
18 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
19 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved