laRegione
06.10.22 - 13:05
Aggiornamento: 15:16

‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’

Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale

Ats, a cura di Red.Web
io-adolescente-e-con-la-fedina-penale-gia-macchiata
Ti-Press

In Svizzera è in aumento il numero di adolescenti che ammettono di aver commesso almeno un reato nella loro vita. I furti di merci nei negozi risultano in testa, davanti al porto illegale di armi e ai vandalismi. Le risse sono gli atti di violenza citati più spesso.

Sono alcuni dati che emergono dalla pubblicazione odierna del quarto studio internazionale sull’autosegnalazione della delinquenza ("International Self-Report Delinquency Study") condotto in 49 Paesi. In Svizzera l’indagine è stata condotta tra maggio e luglio del 2021 in 24 cantoni. Le Scuole universitarie di scienze applicate di Friburgo e di Zurigo hanno mandato un questionario a 11’019 scolari, la maggior parte dei quali aveva tra i 14 e i 15 anni. Rispetto alla precedente indagine del 2013 sono aumentate sia la delinquenza giovanile sia le esperienze di vittimizzazione riportate dagli adolescenti. Questo risultato è rafforzato dal fatto che gli adolescenti sono molto più propensi a parlare dei propri reati rispetto agli adulti, sottolineano le due università.

Il taccheggio è il reato più frequentemente citato (15%) dagli adolescenti intervistati. Il 10,3% ha ammesso di portare con sé armi da fuoco, manganelli, coltelli o altre armi proibite. Gli atti di vandalismo hanno interessato il 9,4% dei giovani e lo spaccio di droga il 5,5%. Sono invece risultati rari, i furti con scasso (1,5%) e i furti d’auto (1,1%).

Risse e rapine

Il 6,4% degli interpellati ha detto di aver partecipato a una rissa nell’anno precedente l’indagine. Il 2,6% ha ammesso di aver aggredito e ferito seriamente una persona. E l’1,3% ha commesso una rapina, a mano armata o con violenze e minacce. Online, il 5% ha commesso crimini di odio, il 2,9% ha inviato foto intime contro la volontà delle vittime. Le truffe e la pirateria in rete hanno interessato il 2,7% dei giovani intervistati.

Complessivamente il 5% degli adolescenti intervistati è stato responsabile del 76% dei reati denunciati. Questi giovani recidivi commettono in media 66 reati all’anno. Come misura preventiva, gli autori dello studio invitano a identificarli e sottoporli precocemente a un trattamento terapeutico.

La quota di maschi tra i giovani delinquenti è significativamente più alta di quella delle ragazze, in particolare per quanto riguarda la violenza e il furto. Per tutti i reati segnalati sono inoltre sovra-rappresentati gli adolescenti figli di immigrati. Tuttavia questa differenza relativa all’origine viene meno se si tiene conto della situazione socioeconomica e di fattori quali la violenza domestica o il fatto di vivere in quartieri problematici. Nella Svizzera francese, furti nei negozi, risse, pirateria informatica, porto illegale di armi di adolescenti sono più frequenti che nella Svizzera tedesca e in Ticino. Quest’ultima regione spicca invece per i graffiti. I giovani delinquenti della Svizzera tedesca sono invece più attivi nel traffico di droga e nei crimini d’odio online rispetto ai romandi.

Le vittime subiscono furti, violenza domestica e minacce

Riguardo alla vittimizzazione, il 25,4% dei giovani interpellati ha riferito di aver subito furti. Il 16,2% ha riferito di violenza domestica: più spesso schiaffi, spintoni o colpi, ma per il 5% anche pugni, calci o percosse con oggetti. Il 3,7% ha denunciato una rapina o un’aggressione fisica. Il 3,2% si è descritto come vittima di crimini di odio quali minacce o violenza. Il 13,8% ha ricevuto minacce sui social network. In misura minore, il 5,1% ha subito molestie sessuali online.

I maschi sono più spesso vittime di crimini violenti. Le ragazze si trovano particolarmente spesso ad affrontare crimini di odio su Internet, violenza domestica e molestie sessuali. I giovani con un background migratorio risultano più spesso vittime di tutti i reati complessivamente, a eccezione delle rapine. In generale, il rischio di venire vittimizzato è più alto nella Svizzera romanda. L’indagine pubblicata oggi è la quarta dell’"International Self-Report Delinquency Study", dopo quelle del 92/93, 2005/07 e 2013. Alle precedenti ha partecipato un numero minore di Paesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
consiglio degli stati
20 min
Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’
‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
3 ore
Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo
Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
6 ore
Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona
La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
6 ore
Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni
Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
13 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
21 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
22 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
23 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
1 gior
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
1 gior
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
© Regiopress, All rights reserved