laRegione
05.10.22 - 15:45
Aggiornamento: 16:49

Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs

K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila

Ats, a cura di Red.Web
fino-a-oltre-un-ora-di-coda-alle-biglietterie-ffs
Keystone
Armarsi di pazienza

Nelle biglietterie delle grandi stazioni svizzere i clienti delle ferrovie federali devono talvolta sopportare tempi di attesa molto lunghi, che possono arrivare sino ai 70 minuti. È quanto emerge da una vasta indagine di K-Tipp. Le Ffs ammettono che non vengono al momento raggiunti gli obiettivi che si sono prefisse.

Nel corso del mese di settembre i cronisti del periodico consumeristico hanno misurato i tempi di attesa in dodici stazioni per un totale di 216 volte. I controlli sono stati effettuati nelle ore di punta del mattino e della sera, nel pomeriggio e nel fine settimana.

I risultati? Agli sportelli delle Ffs di Basilea, Berna, Ginevra, Losanna e Zurigo i clienti delle ferrovie devono armarsi di parecchia pazienza: alla stazione principale di Zurigo, ad esempio, le persone sottoposte al test hanno atteso fino a 71 minuti. In città di medie dimensioni come Aarau, Friborgo, Sciaffusa e Winterthur i viaggiatori hanno dovuto aspettare sino a 33 minuti. Le cose vanno invece in modo più veloce nelle piccole stazioni: a Glarona, Thalwil (Zh) e Weinfelden (Tg) prima di poter parlare con un addetto sono passati al massimo 9 minuti.

I tempi di attesa più lunghi si registrano nel tardo pomeriggio, tra le 16.30 e le 18. A quell’ora le persone che hanno condotto i test hanno dovuto aspettare in media 64 minuti a Zurigo, 37 minuti a Berna e 24 minuti a Losanna e Winterthur.

Anche in caso di grande afflusso le Ffs hanno tenuto aperta solo una parte degli sportelli. A Zurigo nell’ora di punta erano disponibili al massimo 15 sportelli su 31, cioè meno della metà; a Berna al massimo 14 su 19, a Losanna al massimo 11 su 16.

‘Attese inaccettabili’

I tempi di attesa effettivi si sono inoltre rivelati quasi sempre più lunghi di quelli visualizzati sugli appositi schermi. A Winterthur, ad esempio, le Ffs hanno indicato i tempi previsti come "oltre 10 minuti" o "oltre 15 minuti"; alla prova dei fatti, tuttavia, le persone sottoposte al test hanno aspettato tra i 16 e i 33 minuti.

"Questi tempi di attesa non sono accettabili", reagisce – in dichiarazioni a K-Tipp – Karin Blättler, la presidente di Pro Bahn, l’associazione che si batte a favore degli interessi dell’utenza del trasporto pubblico. Il mondo politico desidera che sempre più persone passino dall’auto al treno, ma per farlo è necessario un buon servizio, afferma. "Ma con i tempi di attesa estremi, i clienti vengono fatti scappare".

Secondo la testata zurighese, i dati delle Ffs mostrano che il personale agli sportelli è sempre meno numeroso: dal 2017 sono stati tagliati molti posti di lavoro nel comparto. Anche il numero di stazioni servite è in costante diminuzione: nel 2002 le stazioni delle Ffs che avevano una biglietteria erano 334, mentre oggi sono 142, meno della metà. Secondo l’azienda se si libera personale nelle piccole realtà è possibile impiegarne di più in quelle grandi: per K-Tipp però i tempi di attesa nelle grandi stazioni non si sono ridotti, ma piuttosto allungati. In un test del 2012 le persone avevano aspettato a Berna per un massimo di 17 minuti, mentre nell’attuale indagine la durata più lunga è stata di 51 minuti, tre volte tanto.

Il giornale ha confrontato le Ffs con i risultati dell’indagine. "Il nostro obiettivo è servire l’80% dei clienti entro dieci minuti in media annua: attualmente non riusciamo a raggiungere questo obiettivo e non ne siamo soddisfatti", afferma in un’intervista Andreas Kaufmann, responsabile delle aree di vendita delle Ffs. "Al momento molti clienti si rivolgono ai nostri centri di viaggio per collegamenti internazionali, molto più che negli anni precedenti alla pandemia. Stiamo rispondendo a questa esigenza: nel 2023 rafforzeremo i grandi centri di viaggio con 14 impieghi supplementari".

Ma 14 posti in più – argomentano gli intervistatori – non risolveranno il problema, tanto più che per i clienti è incomprensibile vedere come spesso non sia aperta nemmeno la metà degli sportelli. "Capisco che questo sia irritante", replica il dirigente. "Ecco perché stiamo rafforzando l’offerta laddove la domanda è elevata. Ma il numero di clienti in un singolo giorno è difficile da pianificare e può subire forti oscillazioni. Cerchiamo di adattare gli orari all’esperienza: ad esempio, apriamo più sportelli la sera. Ma se all’improvviso ci sono molti clienti al mattino non possiamo sempre reagire in modo adeguato".

Ma non è che le Ffs – insiste K-Tipp – spingano i clienti verso i distributori automatici di biglietti e l’applicazione del cellulare, senza tenere conto delle reali esigenze dei clienti? "Le Ffs stanno chiudendo i centri di viaggio laddove la domanda è in forte calo", risponde Kaufmann. "Molti clienti vogliono prenotare viaggi internazionali. Vengono al centro viaggi perché non abbiamo una buona piattaforma di prenotazione per tutte le destinazioni su internet. Non appena avremo risolto questo problema, il numero di clienti nei centri di viaggio diminuirà", si dice convinto il manager.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo
Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
5 ore
Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona
La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
5 ore
Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni
Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
12 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
20 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
21 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
21 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
23 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
1 gior
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
1 gior
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
© Regiopress, All rights reserved