laRegione
05.10.22 - 12:49
Aggiornamento: 14:48

La distribuzione di eroina in forma agevolata proseguirà

Le persone stabili dal punto di vista sociosanitario potranno continuare a portare le dosi in compresse a casa anziché recarsi giornalmente nei centri

Ats, a cura di Red.Web
la-distribuzione-di-eroina-in-forma-agevolata-proseguira
Keystone

Introdotta provvisoriamente nel 2020 a causa della pandemia di coronavirus, la distribuzione agevolata di eroina per i tossicodipendenti deve continuare: una valutazione commissionata dal Consiglio federale ha dimostrato la sua validità.

Durante la pandemia di Covid-19, alla distribuzione controllata di eroina si sono applicate regole speciali. Ad esempio, in precedenza le persone con dipendenza che partecipavano al programma nazionale dovevano solitamente recarsi due volte al giorno in uno dei 22 centri per ottenere la loro dose giornaliera di eroina. I pazienti considerati stabili dal punto di vista sociale e sanitario hanno potuto portare a casa fino a sette dosi giornaliere sotto forma di compresse. Un portavoce dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha confermato a Keystone-ATS che l’esperienza è stata buona, come riportato anche dalla radio svizzero-tedesca SRF.

Due anni dopo l’inizio della pandemia, il Consiglio federale ha fatto valutare le nuove regole ed è giunto alla conclusione che sono state positive per tutte le persone coinvolte. Hanno comportato più libertà per gli interessati e maggiore integrazione lavorativa. Anche Thilo Beck, primario di psichiatria al Paracelsus Recovery interpellato da Radio SRF, si è espresso positivamente: la qualità della vita dei tossicodipendenti da eroina è notevolmente migliorata; e non si sono verificati né incidenti né overdose. Ora il Consiglio federale propone di rivedere l’ordinanza sugli stupefacenti e di inserire le nuove norme. Inoltre, i centri nazionali di distribuzione di eroina dovrebbero poter delegare il trattamento a strutture esterne adeguate, quali case di riposo, ospedali, carceri o farmacie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
6 ore
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
6 ore
‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’
Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
7 ore
In dogana con un ghepardo imbalsamato
Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
7 ore
Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali
A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
7 ore
Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà
È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
9 ore
Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach
Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
9 ore
Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria
Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
10 ore
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
10 ore
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
© Regiopress, All rights reserved