laRegione
26.09.22 - 12:18
Aggiornamento: 14:28

I faggi precocemente ingialliti sono destinati a morire presto

Secondo uno studio del Wsl, gli alberi su terreni secchi che perdono presto le foglie non si riprendono negli anni successivi

Ats, a cura di Red.Web
i-faggi-precocemente-ingialliti-sono-destinati-a-morire-presto
Depositphotos

Molti dei faggi che ingialliscono precocemente dopo un’estate particolarmente secca sono destinati a morire: studi recenti mostrano che il 10% degli alberi che si trovano su terreni aridi hanno poche possibilità di sopravvivenza. Lo indica oggi l’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio Wsl. Nel 2018 i ricercatori del Wsl hanno lanciato un programma di ricerca ad hoc sulle conseguenze che quell’estate secca avrebbe avuto sulla flora. Nell’ambito di questo progetto, nei successivi tre anni sono stati monitorati 1’000 faggi nelle regioni di Basilea Campagna, Sciaffusa e nei cantoni di Zurigo e Argovia.

Circa 830 di questi alberi erano stati caratterizzati, alla fine dell’estate 2018, da una caduta precoce delle foglie, mentre i restanti avevano un comportamento normale. Sull’arco dei tre anni i ricercatori hanno valutato la percentuale di rami morti e di perdita di foglie nelle chiome, contato i parassiti e i segni di malattia e considerato altri fattori come la qualità del suolo e i deficit idrici. Dalle analisi "è emerso che i danni agli alberi e il clima secco sono collegati". La coordinatrice del progetto Esther Frei, citata nella nota, precisa che "gli alberi che si trovano in luoghi con scarse precipitazioni e su terreni che possono immagazzinare poca acqua sono stati colpiti più gravemente".

Secondo il Wsl, per i forestali l’aspetto significativo di questa ricerca è che gli alberi con caduta precoce delle foglie situati in terreni secchi non si sono ripresi negli anni successivi, al contrario, la percentuale di rami morti è aumentata di anno in anno. Infatti dei faggi con caduta prematura delle foglie, il 10% è morto completamente entro tre anni, mentre un quinto è stato abbattuto prematuramente per motivi di sicurezza. "La caduta delle foglie non va quindi interpretata come un meccanismo protettivo dell’albero per sopravvivere meglio alla stagione secca, ma come un segno di debolezza", spiega Frei. Sui terreni più umidi invece, molti faggi con caduta precoce delle foglie si sono ripresi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
45 min
Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset
È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
2 ore
Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’
La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
3 ore
Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme
Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
Svizzera
3 ore
I ticket a due sono la regola, a tre l’eccezione
Elezione in Consiglio federale: istruzioni per l’uso in vista dell’elezione dei nuovi consiglieri federali
Svizzera
4 ore
Tre persone travolte da una slavina: morto un 24enne
Incidente in montagna con esito letale nei Grigioni, lungo la via che dal passo della Flüela porta al Piz Radönt
Svizzera
5 ore
Caduta fatale su un crinale nella regione di Grandvillard
A perdere la vita è stato un escursionista 21enne, precipitato per circa 400 metri in prossimità del Vanil Noir, nel canton Friborgo
Svizzera
5 ore
I conti in tasca ai Consiglieri federali
Per ciascuno dei ‘sette saggi’ uno stipendio annuo di 456mila franchi, auto di rappresentanza, auto di servizio e abbonamento generale in 1a classe
Svizzera
6 ore
Sotto l’albero mattoncini Lego e console di gioco
A poche settimane dal Natale, Digitec Galaxus fa una radiografia dei regali più gettonati per chi fa spesa online
Svizzera
7 ore
Nella foresta di Welschenrohr ci sono anche i bisonti europei
È articolato sulla durata di dieci anni il progetto che mira alla reintroduzione dell’animale nel Giura solettese
Svizzera
7 ore
L’inflazione non incide sul tasso ipotecario
Quello di riferimento, che serve a determinare le pigioni degli appartamenti in affitto, resta ancorato all’1,25%
© Regiopress, All rights reserved