laRegione
25.09.22 - 16:29

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin

Ats, a cura di Red.Svizzera
ambasciatore-ucraino-a-berna-no-asilo-per-disertori-russi
Keystone

La Svizzera non dovrebbe concedere asilo politico ai disertori russi, perché farlo comporterebbe un elevato rischio in termini di sicurezza. Lo ha affermato l’ambasciatore ucraino a Berna Artem Rybchenko in un’intervista alla SonntagsZeitung.

Sussiste il rischio che tramite l’asilo la Russia cerchi di introdurre agenti in Svizzera e nell’Unione europea. "Sappiamo che la Svizzera è già stata in passato un luogo in cui si trovava un numero particolarmente elevato di spie russe. Ciò non dovrebbe essere promosso ulteriormente", ha dichiarato Rybchenko.

Bisogna semplicemente essere consapevoli del fatto che la situazione dei russi è completamente diversa da quella degli ucraini. I suoi connazionali sono stati costretti a fuggire perché la Russia ha imposto loro una guerra. Hanno lasciato il Paese soprattutto donne e bambini, mentre gli uomini sono rimasti per difendere la patria.

Gli uomini russi semplicemente fuggono invece di opporre resistenza nel proprio Paese. La popolazione russa finora si è opposta e si è distanziata dalla guerra troppo poco. Il fatto che ora scenda in strada molta più gente rappresenta un segnale positivo, forse è l’avvio di una svolta storica.

Interrogato in merito alla stretta di mano tra il presidente della Confederazione Ignazio Cassis e il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov nei giorni scorsi a margine dei lavori dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, Rybchenko non ha voluto rilasciare commenti. Bisogna trovare una soluzione al conflitto, ma ciò è possibile soltanto se è in corso un dialogo. Pertanto l’ambasciatore si è detto grato per gli sforzi della Svizzera e di Cassis.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
6 ore
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
6 ore
‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’
Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
7 ore
In dogana con un ghepardo imbalsamato
Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
7 ore
Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali
A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
7 ore
Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà
È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
9 ore
Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach
Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
9 ore
Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria
Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
10 ore
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
10 ore
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
© Regiopress, All rights reserved