laRegione
22.09.22 - 19:17

Niente pista di ghiaccio nel centro di Coira

Una decisione sofferta (considerando il pienone dell’anno scorso), ma necessaria visto il rischio di penuria energetica

Ats, a cura di Red.Web
niente-pista-di-ghiaccio-nel-centro-di-coira
Keystone
Niente abito invernale per la Quaderwiese quest’anno

 

 

A causa dell’imminente crisi energetica, la città di Coira ha deciso di non costruire la pista di pattinaggio su ghiaccio alla Quaderwiese. Anche altre strutture municipali di Coira si stanno preparando a possibili restrizioni energetiche.

Il rischio di dover chiudere prematuramente la pista di ghiaccio per il pattinaggio, su ordine del Consiglio federale in caso di carenza energetica in inverno, è troppo grande, ha comunicato oggi il Municipio di Coira. Basti pensare che solo la costruzione e lo smontaggio dell’impianto mobile sulla Quaderwiese costa mezzo milione di franchi. A questo importo vanno aggiunti i costi dell’energia elettrica, attualmente molto elevati.

Nel 2020 la pista nel centro della città non era stata allestita a causa della pandemia. L’anno seguente, la struttura aveva registrato un record di visitatori. Ciò non ha quindi reso facile la decisione del Municipio cittadino.

"Un gruppo di lavoro sta inoltre esaminando e individuando tutte le infrastrutture cittadine dove sia possibile realizzare ulteriori risparmi di energia elettrica", ha dichiarato oggi il sindaco di Coira Urs Marti a Keystone-Ats. Intanto sono possibili limitazioni nel settore dell’illuminazione pubblica, del riscaldamento e della temperatura dell’acqua della piscina coperta della Obere Au.

"La rinuncia alla pista di pattinaggio mobile sulla Quaderwiese mostrerà la capacità di sopportazione della nostra cittadinanza", ha detto Marti. Ora il sindaco di Coira si auspica un dialogo costruttivo che permetta di adottare ulteriori misure.

Le piste di ghiaccio degli impianti sportivi dell’Obere Au entreranno invece in funzione, come previsto, il 24 ottobre. Secondo il Municipio cittadino, queste non sono esposte al sole e possono essere gestite con uno strato di ghiaccio molto più sottile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
16 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
18 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
18 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
19 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 gior
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
1 gior
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
1 gior
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved