laRegione
22.09.22 - 16:37
Aggiornamento: 17:39

Metà degli svizzeri pronta a consumare meno energia

Le più propense ad abbassare il riscaldamento o a spegnere le luci sono le donne. La doccia al posto del bagno misura di risparmio più gettonata

Ats, a cura di Red.Web
meta-degli-svizzeri-pronta-a-consumare-meno-energia
Keystone
Solo il 5% è meno incline a voler rivedere (al ribasso) la temperatura

La metà della popolazione svizzera è pronta a consumare meno energia in caso di necessità. E oltre un terzo è inquieto per la sicurezza dell’approvvigionamento, secondo un sondaggio dell’istituto Link.

Sempre secondo questo sondaggio, solamente il 5% degli interrogati si è mostrato poco disposto a risparmiare energia se le autorità dovessero domandarlo. Le donne si mostrano un po’ più disposte ad abbassare il riscaldamento o a spegnere le luci. Molte persone già consumano poca energia: fanno la doccia e non il bagno, spengono gli apparecchi non utilizzati e riscaldano poco. Proprio la doccia al posto del bagno è la misura più citata: circa due quinti dei 1’136 interrogati ha indicato che la faceva già, e il 28% la farà certamente in caso di bisogno. Il 37% spegne poi già gli apparecchi inutilizzati e oltre un terzo lo farà.

La maggioranza degli intervistati è favorevole allo sviluppo delle energie rinnovabili. Più nello specifico, tre quarti si sono pronunciati a favore di nuove installazioni solari su grande scala. Meno popolari sono invece centrali nucleari e a gas. Il sondaggio è stato realizzato a fine agosto in Svizzera tedesca, Romandia e Ticino.

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
16 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
18 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
18 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
19 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 gior
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
1 gior
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
1 gior
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved