laRegione
21.09.22 - 17:25
Aggiornamento: 19:33

Cassis a muso duro contro Putin: ‘Basta provocazioni’

Il presidente della Confederazione presente a New York per l’Assemblea generale dell’Onu ha condannato la minaccia nucleare russa

Ats, a cura di Red.Web
cassis-a-muso-duro-contro-putin-basta-provocazioni
Ti-Press
Il presidente

Ignazio Cassis nell’incontrare il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York non mancherà di discutere "delle recenti provocazioni del presidente Putin". Il consigliere federale inoltre condannerà la minaccia nucleare. "Chiederò al ministro degli Esteri Lavrov di rinunciare a una nuova escalation di questa terribile guerra e di ritirare immediatamente le truppe russe", ha dichiarato in una conferenza stampa.

Ha poi sottolineato che questo intervento è in linea con la sentenza della Corte internazionale di giustizia del marzo 2022, che ha giudicato illegale l’invasione russa. L’annunciata mobilitazione parziale in Russia non è accettabile, ha aggiunto.

Soluzione diplomatica

Anche i referendum sull’annessione dei territori occupati in Ucraina sono illegali e non saranno riconosciuti dalla Svizzera, ha dichiarato il presidente della Confederazione. "Questa guerra si concluderà solo con una soluzione diplomatica. "I canali di comunicazione e i contatti diplomatici sono importanti per evitare un’impasse ", ha detto Cassis.

Russia accetta mandato di potenza protettrice?

La Svizzera è sempre pronta a offrire i suoi buoni uffici tra Ucraina e Russia. Su richiesta dell’Ucraina, Berna ha già redatto un mandato di protezione per i cittadini ucraini in Russia e lo ha consegnato ai russi. Cassis chiederà a Lavrov a che punto è il dossier.

A prescindere dalla retorica russa, la Svizzera rimane uno Stato neutrale, ha dichiarato il presidente della Confederazione. Si aspetta che Lavrov, che ha già incontrato ripetutamente come ministro degli Esteri alle Nazioni Unite, sia disposto a dialogare. "La Svizzera è uno dei Paesi che non spinge per estromettere i russi dagli organismi multilaterali perché siamo convinti che il dialogo sia necessario", ha aggiunto.

Colloquio con il presidente iraniano

Durante un incontro con il presidente iraniano Ebrahim Raisi, il consigliere federale ha discusso il caso di Masha Amini. La giovane donna è morta a causa delle violenze della polizia, che hanno scatenato critiche a livello mondiale sulla situazione dei diritti umani in Iran.

Raisi ha affermato che è nell’interesse dell’Iran proteggere i diritti individuali di tutti i suoi cittadini. Per questo motivo la magistratura indagherà sul caso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
14 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
15 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
15 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
17 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
20 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
20 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
1 gior
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
1 gior
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
1 gior
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
© Regiopress, All rights reserved