laRegione
21.09.22 - 10:03
Aggiornamento: 17:09

Protezione della biodiversità, meglio il controprogetto

Il Nazionale lo preferisce all’iniziativa, puntando all’introduzione del concetto di coesistenza tra i diversi interessi

Ats, a cura di Red.Web
protezione-della-biodiversita-meglio-il-controprogetto
Ti-Press
Parola d’ordine: convivenza

Maggiore protezione della biodiversità, senza però spingersi fino seguire quanto proposto dall’iniziativa popolare ‘Per il futuro della nostra natura e del nostro paesaggio’. Al terzo giorno di dibattito, il Consiglio nazionale le ha preferito il controprogetto indiretto del Governo (104 voti a 83 e 5 astensioni), apportandovi però alcune modifiche. Contrari a entrambi l’Udc e parte del Centro. Il dossier va agli Stati.

Gli esponenti di questi gruppi parlamentari temevano in particolare conseguenze negative per gli agricoltori, che sarebbero stati a loro avviso gli unici a pagare, perdendo terreni coltivabili e mettendo a repentaglio la sicurezza alimentare del Paese. "Opporre agricoltura a biodiversità non ha senso", ha tentato di convincerli la ministra dell’ambiente Simonetta Sommaruga, aggiungendo che il ruolo dell’una è importante per l’altra.

Nodo della discordia della proposta dell’esecutivo è stata in particolare la volontà di aumentare le zone di protezione al 17% del territorio, contro l’attuale 13,4%. Questo dato numerico è stato contestato sin dall’inizio soprattutto a destra, ma anche a sinistra, per ragioni diametralmente opposte.

"Una quota del 17% non è sufficiente per proteggere la biodiversità", ha per esempio dichiarato Delphine Klopfenstein Broggini (Verdi/Ge). Per il campo rosso-verde sarebbe stato necessario alzare l’asticella al 20% dal 2030 e al 30% dal 2040. Tutto ciò per garantire una tutela a lungo termine degli organismi viventi nel nostro Paese.

Sull’altro fronte, già nel dibattito di entrata in materia i democentristi hanno dato voce a una parte del mondo contadino. Secondo Mike Egger (Udc/Sg) sarebbe stato sacrificato il 3% delle zone agricole. "La Svizzera ha altri problemi che la crisi della biodiversità, che non esiste", ha sostenuto Michael Graber (Udc/Vs), per il quale il controprogetto indiretto va molto più in là dell’iniziativa stessa.

Superfici protette, compromesso

Alla fine ha prevalso la soluzione del compromesso. Con 100 voti a 91, e due astensioni, ieri il plenum ha adottato una proposta apartitica che antepone la qualità alla quantità, introducendo il concetto di aree di biodiversità. "L’idea è di far coesistere interessi diversi, come l’agricoltura o i progetti di energia rinnovabile", ha spiegato Ursula Schneider Schüttel (Ps/Fr). Le aree saranno designate dal Consiglio federale in collaborazione con i Cantoni.

Il Nazionale ha pure chiesto misure aggiuntive per promuovere la biodiversità nell’ambito della caccia e della pesca. Saranno inoltre messi a disposizione sussidi per la conservazione delle specie e degli habitat naturali nelle riserve di uccelli acquatici e migratori e nelle bandite federali di caccia.

Il controprogetto prevede pure che i biotopi siano collegati da corridoi faunistici e che sia disponibile un sostegno finanziario per proteggere gli ambienti in cui vivono specie minacciate.

Il Consiglio federale proponeva anche di promuovere la qualità e l’attrattiva degli insediamenti e dei paesaggi svizzeri con una cultura edilizia globale. Con 114 voti a 74 il Nazionale ha però deciso di trasferire queste misure nel prossimo messaggio sulla cultura per il periodo 2025-2028.

No all’iniziativa

Nella votazione generale il plenum ha deciso di raccomandare al popolo la bocciatura dell’iniziativa ‘Per il futuro della nostra natura e del nostro paesaggio (iniziativa biodiversità)’ con 101 voti a 72 e 19 astensioni.

Con una modifica della Costituzione federale, questa intende obbligare la Confederazione e i Cantoni a proteggere meglio la biodiversità, il paesaggio e il patrimonio architettonico. A tal fine, chiede che vengano messi a disposizione più superfici e più fondi pubblici.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 min
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
2 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
3 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
3 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
4 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
Svizzera
5 ore
Scomparsa da giovedì, ritrovata morta a Brügg
Il corpo della donna, una 76enne spagnola residente a Bienne, è stato rinvenuto privo di vita in una chiusa del canale Nidau-Büren
Svizzera
6 ore
Gettano il porcellino d’india in un cestino dei rifiuti
È salvo e in buone condizioni l’animaletto domestico recuperato operaio comunale ad Amriswil, ora affidato alla protezione animali
Svizzera
7 ore
Polizze con codice Qr, bilancio ‘molto positivo’
A due mesi dalla sua introduzione, la Posta si dice soddisfatta della risposta dell’utenza. ‘Per la stragrande maggioranza è una routine’
Svizzera
8 ore
Per Ruth Dreifuss un dottorato honoris causa
A conferirglielo, per l’impegno a favore di un mondo più giusto, delle pari opportunità e della tutela delle minoranze è stata l’Università di Berna
Svizzera
8 ore
Scansa un camion e centra il guardrail a bordo carreggiata
Incidente della circolazione sulla cantonale che da Coira porta ad Arosa: ingenti danni a vettura e infrastruttura stradale. Illeso il conducente
© Regiopress, All rights reserved