laRegione
20.09.22 - 13:07
Aggiornamento: 20:24

No degli Stati all’esenzione dal canone radio-tv per le Pmi

La Camera dei Cantoni ha respinto un’iniziativa in merito del consigliere nazionale ticinese Fabio Regazzi

Ats, a cura di Red.Web
no-degli-stati-all-esenzione-dal-canone-radio-tv-per-le-pmi
Keystone

Tutte le imprese, grandi o piccole, devono continuare a pagare il canone radiotelevisivo in base al fatturato. Ne è convinto il Consiglio degli Stati che ha respinto (27 voti a 14 e 4 astensioni) un’iniziativa parlamentare di Fabio Regazzi (Centro) volta a esentare le piccole e medie imprese da questo balzello. Il dossier è archiviato. Pur essendo stata accolta dal Consiglio nazionale lo scorso marzo per 119 voti a 71 e 3 astenuti, l’iniziativa Regazzi – che voleva esentare dal canone le aziende con meno di 250 dipendenti – non aveva alcuna chance di superare lo scoglio degli Stati, tenuto conto della raccomandazione (8 voti a 4 e una astensione) negativa della sua commissione preparatoria e del rapporto di forze in quest’aula.

Secondo la maggioranza del plenum, il legislatore si è già pronunciato a più riprese a favore dell’attuale sistema che assoggetta tutte le imprese con un fatturato superiore a mezzo milione di franchi al canone. In caso di attuazione dell’iniziativa, le mancate entrate dovrebbero essere coperte dalle famiglie, ha spiegato a nome della commissione Olivier Français (Plr). L’iniziativa Regazzi, a suo avviso, impedirebbe inoltre alla Ssr di ottemperare al mandato pubblico conferitole dal legislatore. In ogni caso, ha aggiunto il "senatore" vodese, il popolo potrebbe ancora doversi esprimere: l’Udc sta infatti raccogliendo le firme per la sua iniziativa popolare che vorrebbe ridurre il canone a 200 franchi per tutti (ora poco più di 300 franchi per economia domestica).

A nome di una minoranza, Marco Chiesa (Udc) ha sostenuto che l’attuale sistema, entrato in vigore all’inizio del 2019, pesa enormemente sulle aziende, specie quelle medio-piccole, poiché fa dipendere l’ammontare del canone dal fatturato globale. Ci sono quindi aziende che, a fronte di ricavi per 20 milioni di franchi l’anno, devono pagare ora 6mila franchi invece dei 218 franchi dovuti col vecchio sistema. Un argomento già sviscerato dallo stesso Regazzi, tra l’altro presidente dell’Unione svizzera delle arti e mestieri, alla camera del popolo la scorsa primavera. Stando al deputato ticinese, a capo di un’azienda con 140 collaboratori, il canone in funzione del giro d’affari è fonte di gravi difficoltà per le piccole società che, pur facendo registrare un elevato fatturato, hanno in realtà esigui margini di utile.

Stando a Chiesa, insomma, il nuovo sistema di imposizione ha determinato un incremento esponenziale, mai registrato finora, di questa "tassa". Un "sì" all’iniziativa, secondo il presidente dei democentristi, sarebbe un gesto concreto nei confronti delle Pmi confrontate a un avvenire incerto dopo i danni causati dalla pandemia di coronavirus e, ora, con l’aumento dei costi dell’energia e dell’inflazione, tutti fenomeni che potrebbero preludere a una recessione. Quanto ai mancati introiti per l’ente radiotelevisivo pubblico, tale ammanco potrebbe venir compensato grazie al forte aumento della popolazione residente in Svizzera, ha concluso Chiesa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
44 min
Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset
È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
2 ore
Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’
La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
3 ore
Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme
Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
Svizzera
3 ore
I ticket a due sono la regola, a tre l’eccezione
Elezione in Consiglio federale: istruzioni per l’uso in vista dell’elezione dei nuovi consiglieri federali
Svizzera
4 ore
Tre persone travolte da una slavina: morto un 24enne
Incidente in montagna con esito letale nei Grigioni, lungo la via che dal passo della Flüela porta al Piz Radönt
Svizzera
5 ore
Caduta fatale su un crinale nella regione di Grandvillard
A perdere la vita è stato un escursionista 21enne, precipitato per circa 400 metri in prossimità del Vanil Noir, nel canton Friborgo
Svizzera
5 ore
I conti in tasca ai Consiglieri federali
Per ciascuno dei ‘sette saggi’ uno stipendio annuo di 456mila franchi, auto di rappresentanza, auto di servizio e abbonamento generale in 1a classe
Svizzera
6 ore
Sotto l’albero mattoncini Lego e console di gioco
A poche settimane dal Natale, Digitec Galaxus fa una radiografia dei regali più gettonati per chi fa spesa online
Svizzera
7 ore
Nella foresta di Welschenrohr ci sono anche i bisonti europei
È articolato sulla durata di dieci anni il progetto che mira alla reintroduzione dell’animale nel Giura solettese
Svizzera
7 ore
L’inflazione non incide sul tasso ipotecario
Quello di riferimento, che serve a determinare le pigioni degli appartamenti in affitto, resta ancorato all’1,25%
© Regiopress, All rights reserved