laRegione
18.09.22 - 22:36
Aggiornamento: 23:12

Una cellula di crisi per la penuria energetica

Guy Parmelin ha rivelato che il Consiglio federale sta lavorando a questo progetto

Ats, a cura di Red.Svizzera
una-cellula-di-crisi-per-la-penuria-energetica
Keystone

Il Consiglio federale sta lavorando alla creazione di una cellula di crisi interdipartimentale per gestire la situazione di penuria energetica, ha dichiarato il ministro dell’economia Guy Parmelin. Una misura che i cantoni reclamano da diverse settimane.

«Il Consiglio federale ne ha discusso più volte. È al capolinea per preparare i passi successivi, in modo che quando saremo in punto di crisi, avremo uno stato maggiore di crisi, con uno sportello unico per i cantoni», ha detto Parmelin in un’intervista al telegiornale "19h30" della RTS. Tuttavia, il governo ci sta ancora lavorando e annuncerà le sue decisioni non appena avrà completato il suo lavoro.

Interrogato sulle critiche del presidente della Conferenza dei direttori cantonali dell’energia (CDEn) Roberto Schmidt - che accusa la Confederazione di passività nel settore elettrico - il Consigliere federale si è detto sorpreso di questo intervento. «Il Consiglio federale ha fatto molto da febbraio. Il segretario generale della Conferenza dei direttori cantonali dell’energia è sempre stato coinvolto nei lavori fin dall’inizio», ha dichiarato Parmelin.

«Schmidt forse ha dimenticato che già l’anno scorso, a settembre-ottobre, avevo lanciato un appello che metteva in guardia dai rischi di carenza di energia elettrica. Da allora, il Dipartimento federale dell’energia (DATEC) e io lavoriamo fianco a fianco, e con esso l’intero Consiglio federale, per trovare soluzioni», osserva il vodese.

«Abbiamo creato un’intera unità di crisi con l’industria del gas», afferma Parmelin, che sottolinea come la Svizzera non abbia una legge sul gas. «Abbiamo dovuto costruire tutto da zero e assicurare la fornitura di gas».

Evitare contingenti

Il Consigliere federale assicura che il governo sta lavorando per evitare di dover adottare misure come i contingenti. «Per questo motivo ho convocato una riunione con l’economia il 5 settembre. Per coinvolgerli. È con loro che lavoreremo a misure fattibili».

Per quanto riguarda l’aumento dei prezzi dell’energia, Guy Parmelin ha ricordato che a maggio il Consiglio federale ha incaricato un gruppo di lavoro interdipartimentale di analizzare la situazione. Inizialmente focalizzato sull’aspetto dell’inflazione, il mandato del gruppo è stato esteso all’elettricità e all’aumento dei prezzi. Il compito del gruppo è proporre misure concrete e valutarne gli effetti positivi e negativi.

«Con questo gruppo di lavoro analizzeremo tutte le misure possibili e immaginabili senza tabù».

Il gruppo di lavoro dovrebbe prendere una decisione in ottobre, secondo il ministro dell’economia, che afferma che il Consiglio federale prenderà le sue decisioni sulla base di questi rapporti.

Mancanza di informazioni

Queste dichiarazioni giungono in un momento in cui sembra che la Confederazione non conosca la quantità di elettricità e gas attualmente consumata in Svizzera. I dati non sono aggiornati.

Gli operatori di rete raccolgono i dati di consumo più importanti almeno una volta al giorno, ha riferito oggi il giornale svizzero-tedesco SonntagsBlick. Ma i dati arrivano alla Confederazione solo mesi dopo a causa della mancanza di digitalizzazione del sistema.

L’industria elettrica invia i dati al gestore della rete elettrica svizzera Swissgrid non prima del decimo giorno lavorativo del mese successivo. Swissgrid li invia quindi all’Ufficio federale dell’energia (UFE) con una nuova scadenza. A causa di questo ritardo, lo Stato non è in grado di stabilire se le misure di risparmio stiano dando i loro frutti.

Ad esempio, la Confederazione non sa quanta elettricità sia stata consumata in Svizzera nel mese di giugno. Dispone di dati affidabili solo fino a maggio. Solo sulla base dei dati attuali si può decidere se gli sforzi di risparmio sono sufficienti o se sono necessarie restrizioni, divieti o, nel peggiore dei casi, contingenti.

La situazione è ancora peggiore per quanto riguarda il consumo di gas, per il quale la Confederazione riceve i dati rilevanti solo una volta all’anno.

Il SonntagsBlick indica come motivo un ritardo tecnico. Ad esempio, molte aziende di fornitura energetica locali non sono in grado di trasmettere automaticamente i propri dati. La Confederazione dovrebbe porvi rimedio entro la fine dell’anno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all‘ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ’Smeraldo’
Svizzera
4 ore
Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla
Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
5 ore
Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini
L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
18 ore
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
19 ore
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
20 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
20 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
21 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
21 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
1 gior
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
© Regiopress, All rights reserved